Francesco Cecchini

Alla compagna Cecchini ricordando il valoroso contributo (troppo spesso dimenticato) delle donne bellunesi alla causa comune. Belluno, 1955 Dedica di Giuseppe Gaddi nel “Saggio sulla stampa clandestina della Resistenza veneta”.

“Voci di Partigiane Venete” è un importante apporto dopo molti anni, nel 2017, per ricordare quella metà del cielo che in Veneto lottò contro il nazifascismo.

Il 9 novembre 1943 il rettore dell’Università di Phadova, militante comunista inaugurò l’anno accademico con uno straordinario discorso che colpì le coscienza di centinaia di studenti. Pochi giorni dopo scrisse un’incitazione alla lotta di liberazione. Lo scritto venne diffuso clandestinamente, innanzitutto in Veneto. Molte furono le donne veneto, giovani o meno, che accolsero l’appello di Concetto Marchesi e si unirono alla Resistenza. La Resistenza in Veneto fu eroica e decisiva per sconfiggere fascisti e nazisti. Basti pensare che furono insignite di medaglia d’oro al valor militare le seguenti città: Bassano del Grappa, Belluno, Vicenza, Treviso, Vittorio Veneto, Verona, nonché l’Università di Padova. I partigiani insigniti di medaglia d’oro al valor militare sono 23, ma una sola donna, Paola Del Din. Questa sproporzione non rende certo giustizia alle partigiane venete.

In “Voci di Partigiane Venete” trentaquattro partigiane venete raccontano di sé e delle loro compagne. Diverse per età, estrazione sociale e cultura dopo l’8 settembre 1943, scelsero di unirsi alle varie i nuclei e formazioni combattenti partigiane venete, Luigi Boscarin,Tino Ferdiani, Divisione Alpina Monte Ortigara, Gruppo Brigate Vittorio Veneto, Brigata partigiana Martiri di Mirano, Brigata Garibaldina Antonio Gramsci, Divisione Nino Nannetti, per resistere e lottare per sconfiggere il nemico nero. Il libro è stato realizzato con il contributo della Regione Veneto per il settantesimo anniversario della Liberazione.  I 34 racconti sono nati dalla collaborazione tra testimoni e ricercatrici che si sono avvalse della documentazione degli Istituti Storici del Veneto e di testimonianze audio e video inedite. Un ricco apparato fotografico arricchisce il volume.

Carta d’identità

Titolo: Voci di Partigiane Venete.

Curatrice: M. T. Sega

Editore: Cierre Edizioni

Collana: Nord est. Nuova serie

Anno edizione: 2017

Pagine: 424

Prezzo: 18 euro

Link con l’intervista con Anna Colles, partigiana di Vittorio Veneto:

https://www.youtube.com/watch?v=HrTWTqntbV0

 

 

 

 

 

   

Di Francesco Cecchini

Nato a Roma . Compie studi classici, possiede un diploma tecnico. Frequenta sociologia a Trento ed Urbanistica a Treviso. Non si laurea perché impegnato in militanza politica, prima nel Manifesto e poi in Lotta Continua, fino al suo scioglimento. Nel 1978 abbandona la militanza attva e decide di lavorare e vivere all’estero, ma non cambia le idee. Dal 2012 scrive. La sua esperienza di aver lavorato e vissuto in molti paesi e città del mondo, Aleppo, Baghdad, Lagos, Buenos Aires, Boston, Algeri, Santiago del Cile, Tangeri e Parigi è alla base di un progetto di scrittura. Una trilogia di romanzi ambientati Bombay, Algeri e Lagos. L’ oggetto della trilogia è la violenza, il crimine e la difficoltà di vivere nelle metropoli. Ha pubblicato con Nuova Ipsa il suo primo romanzo, Rosso Bombay. Ha scritto anche una raccolta di racconti, Vivere Altrove, non ancora pubblicata. Traduce dalle lingue che conosce come esercizio di scrittura. Collabora con Ancora Fischia IL Vento. Vive nel Nord Est

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy