Dicembre 2, 2021

AFV

Libera la tua mente

Siria, forze governative raggiungono il confine iracheno

Dopo un avanzata veloce nel deserto l’esercito siriano (SAA) e suoi alleati hanno raggiunto il confine iracheno a nord-est del villaggio di al-Tanf occupato dal FSA e dalle truppe USA, a riferirlo sono media Hezbollah e il Ministero della Difesa russo.
Con questo risulato il SAA è tornando sul confine sirio-iracheno per la prima volta dopo la perdita di Al-Tanf nel 2014, le truppe filo-governative ora potranno congiungersi con le forze di Mobilitazione Unità Popolare irachene, con questo anticipo in’oltre l’esercito governativo ha tagliato la strada al tentativo del FSA di attaccare Deir Ezzor dalla direttrice sud.
Rapporti non confermati parlano di un dispiegamento di forze dell’esercito russo per timore di attacchi da parte della coalizione guidata dagli Stati Uniti.
Timore riportato dal Col. Gen. russo Sergei Rudskoy che in una dichiarazione ha riferito: “Vediamo che le azioni della coalizione impedisce alle forze governative di sconfiggere Daesh [ISIS]”; “Pur dichiarando il suo obiettivo come lotta contro il terrorismo internazionale, la coalizione svolge attacchi contro le truppe siriane, rafforzando le milizie terroriste vicino a Palmyra e Deir ez-Zor .”
Il prossimo obiettivo per il SAA potrebbe essere a questo punto Al-Qa’am altro valico di frontiera sul confine. L’eventuale operazione verso Qa’am potrebbe essere uno sforzo congiunto SAA e Unità Popolare irachene