La crisi del Qatar favorisce il presidente Assad

Sharing is caring!

Il generale in pensione Muhammed Abbas ha riferito al giornale Sputnik che la crisi dei paesi arabi con il Qatar può favorevorire il presidente siriano Bashar Assad.

Il 5 giugno, il Bahrain, l’Arabia Saudita, l’Egitto e gli Emirati Arabi Uniti hanno reciso le relazioni diplomatiche con il Qatar . Gli stati arabi accusano il Qatar di sostenere gruppi terroristici, in particolare il movimento terrorista Fratelli Musulmani.

Il ministero degli Esteri del Qatar ha respinto le accuse di interferenza di Doha negli affari interni di altri paesi e ha espresso rammarico per la decisione degli Stati del Golfo di tagliare i rapporti diplomatici.

Secondo il Gen. siriano, la crisi del Qatar fa il gioco del governo siriano, molti gruppi ribelli siriani hanno ricevuto aiuti dal Qatar e ora dovranno affrontare più difficoltà.

Per il Generale Muhammed Abbas la “caccia alle streghe” contro il Qatar è conseguenza del fatto che Doha non vuole finanziare l’attività degli Stati Uniti in Medio Oriente.
Muhammed ha suggerito che la crisi si è  intensificata durante la visita del Presidente degli Stati Uniti in Arabia Saudita. Egli suggerisce che Riyadh probabilmente ha chiesto di rovesciare il governo del Qatar sostituendolo con un più fedele alla petrolmonarchia saudita.

L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *