Salta in Senato la ratifica del Ceta. Una vittoria parziale, ma non bisogna abbassare la guarda. “Stop Ttip Italia” invita ad insistere con la “moral suasion” almeno fino al 3 agosto, con l’obiettivo di togliere al Governo qualsiasi smania agostana. Immediata la reazione della Cgil: “Siamo soddisfatti che il voto sul Ceta, previsto per quest’oggi in Senato, sia stato rimandato a settembre, salvo improbabili colpi di mano agostani. È un primo risultato della mobilitazione e dell’impegno profuso da un gran numero di associazioni, tra cui la Cgil e le sue categorie”.

Per il responsabile politiche europee e internazionali della Cgil Fausto Durante il trattato di libero scambio tra Canada e Unione europea è “un accordo che non risponde ai bisogni e ai diritti dei cittadini e dei lavoratori. È malsano per l’agricoltura italiana, per la qualita’ del cibo e dei prodotti alimentari e per i servizi pubblici. Per questo, non puo’ essere approvato frettolosamente, nel silenzio e nell’assenza di dibattito e di informazione pubblica e senza un adeguato percorso democratico”.

“La nostra azione quindi non si fermera’. A settembre – conclude Durante – riprenderemo le iniziative di sensibilizzazione per creare una coscienza collettiva sulle conseguenze del Ceta e affinche’ il Parlamento italiano decida tenendo conto delle legittime preoccupazioni e del parere negativo di larga parte del Paese”.

Proprio ieri la commissione Turismo e Affari internazionali del Comune di Roma ha approvato all’unanimità, con l’astensione del Pd, la mozione Stop CETA e presto anche Roma, dopo il passaggio in Assemblea Capitolina, potrebbe unirsi alle città che dicono “no” a CETA e TTIP, rilanciando dalla Capitale tutte le obiezioni del movimento.

http://www.controlacrisi.org/notizia/Politica/2017/7/25/49806-ceta-bloccato-in-senato-se-ne-riparla-a-settembre-non/

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy