È stato a lungo ipotizzato che gli Stati Uniti e le milizia SDF operavano in collusione con ISIS in varie parti della Siria.
Il portavoce del ministro della Difesa russo Maggiore Generale Igor Konashenkov aveva recentemente dichiarato: “I militanti della SDF lavorano agli stessi obiettivi dei terroristi di Daesh. I droni russi e l’intelligenza non hanno registrato scontri tra Daesh e la forza SDF “.
Altre relazioni erano emerse e indicavano il coinvolgimento di elicotteri militari statunitensi nell’allontanare in sicurezza i comandanti ISIS a seguito dell’avanzamento dell’esercito siriano su Deir ez-Zor.
Ora a conferma di quanto dichiarato, il Ministero della Difesa russo ha rilasciato diverse immagini satellitari che dimostrano come le forze armate statunitensi e i loro alleati dalle forze democratiche siriane (SDF) agiscano liberamente nei territori dello Stato islamico (ISIS) nella provincia di Deir Ezzor.
“Senza resistenza da parte dei militanti dell’ISIS, le truppe SDF si muovono lungo la riva sinistra del fiume Eufrate verso la città di Deir Ezzor”, riferisce la dichiarazione del ministero della Difesa, l’SDF ha assunto il controllo della stazione di gas di Taybeh; le foto rilasciate rivelano che il sito risulta completamente intatto, dimostrando che non vi è stata alcuna resistenza da parte dei terroristi dell’ISIS.
Tutto ciò dimostra che, nonostante l’apparente volontà di Donald Trump di abbandonare la politica di aiuto ai gruppi jihadisti, questa in realta che non è cambiata.
Ciò aiuta anche a spiegare perché, nel giugno di quest’anno, le forze USA permisero ai terroristi ISIS di lasciare Raqqa e raggiungere Deir ez-Zor “senza colpo sparare”

La coalizione statunitense non ha ancora commentato queste accuse da parte delle forze armate russe.

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy