Settembre 22, 2020

AFV

Libera la tua mente

Pesca europea vietata nelle acque del Sahara occidentale.

Sharing is caring!

Mohamed Dihani e Omar Zein Bachir


La Corte di giustizia dell’Unione europea ritiene che l’accordo di pesca UE-Marocco non si applichi al pesce saharawi. Questa è la conclusione di una partita legale iniziata anni fa. Una vittoria al diritto all’autodeterminazione dei Saharawi, al loro legittimo rappresentante il Fronte Polisario che ha sconfitto il (il regno del Marocco, che considera il Sahara occidentale come parte integrante del suo territorio . Il gioco si è svolto attorno a un accordo commerciale, sui prodotti della pesca, firmato tra l’Europa e il Marocco più di dieci anni fa e in cui la Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE) ha ricoperto il ruolo di arbitro. Ha preso la sua decisione il 27 febbraio. L’accordo di pesca, che prevede l’abbassamento delle barriere tariffarie sul pesce marocchino e le possibilità di pesca per le navi europee, a determinate condizioni,“non è applicabile al Sahara occidentale e alle sue acque adiacenti. “La CGUE che è avvisata dalla giustizia britannica, a sua volta richiesta dall’associazione Western Sahara Campaign. La Corte di giustizia europea ritiene che “l’inclusione del territorio del Sahara occidentale nel campo del contratto sarebbe in contrasto con diverse norme di diritto internazionale generale applicabile nelle relazioni tra l’Unione europea e il Regno del Marocco, compreso il diritto di l’autodeterminazione”. Conseguenze immediate; Questo territorio “non-sé”, secondo le Nazioni Unite, è sostenuto sia da Marocco (che controlla il 80% della sua superficie) e il movimento indipendentista Fronte Polisario fin dagli anni ’70 le sue acque ricche rappresentano il 91,5% catture effettuate nell’ambito dell’accordo di pesca UE-Marocco, il cui prodotto è stimato a 80 milioni di EUR all’anno. Le conseguenze della decisione della Corte di giustizia saranno immediate. “È finita. Nessuno ha il diritto di pescare nelle acque del Sahara occidentale e le tariffe preferenziali non si applicano più,afferma una fonte familiare alla questione. Di fatto, il Marocco continuerà sicuramente a inviare i suoi pescatori perché ritiene che il territorio sia parte del regno. Ma le imbarcazioni europee devono interrompere la loro attività e gli Stati membri devono interrompere l’emissione delle licenze di pesca “. La sentenza della Corte di giustizia europea non è una sorpresa.Il 21 dicembre 2016 si era già pronunciato nella stessa direzione per un accordo commerciale UE-Marocco sui prodotti agricoli. E lo scorso 10 gennaio il consiglio generale della CGUE si è spinto fino a raccomandare l’annullamento dell’accordo di pesca. Quest’ultimo“èstato concluso dal Marocco sulla base dell’integrazione unilaterale del Sahara occidentale nel suo territorio, il popolo saharawi non ha liberamente disposto delle sue risorse naturali”. Senza arrivare al punto di cancellare l’accordo, la CGUE lo ha appena svuotato della sua sostanza. Quarantadue anni per il giorno dopo la proclamazione della Repubblica Araba Saharawi Democratica, mai riconosciuti a livello internazionale (ad eccezione dall’Unione Africana), il Fronte Polisario si compiace di questa decisione storica della Corte di giustizia”, dice il suo rappresentante a Parigi, Oubi Bouchraya.Speriamo che la Commissione europea prenda nota e che il suo spirito sarà preso in considerazione nella firma dei prossimi accordi con il Marocco”,aggiunge. Questo è un messaggio positivo che può aiutare il nuovo inviato personale del Segretario Generale dell’ONU ad accelerare i negoziati “.L’ex presidente tedesco Horst Köhler, nominato a questo posto quest’estate, ha avviato discussioni separate con entrambe le parti. Il suo obiettivo è riaprire negoziati diretti tra il Marocco e il Fronte Polisario, interrotti nel 2012.