Maggio 28, 2020

AFV

Libera la tua mente

ACCOGLIERE I MIGRANTI E’ UN DOVERE UMANITARIO CHE LEGA E M5S NON RISPETTANO.

Sharing is caring!

Francesco Cecchini

MIGRANTI SULLA NAVE LIFELINE
La nostra civiltà è in decadenza quando si pensa di risolvere i temi della giustizia sociale, i bisogni degli esclusi e delle escluse attraverso le politiche di austerità, o quando vengono colpite con leggi repressive i con tagli allo stato sociale o con la ghetizzazione coloro che decidono di lottare.
Aboubakar Soumahoro
Le parole di Soumahoro, sindacalista della Usb che difende i braccianti, non valgono solo per i braccianti, ma anche per i migranti. Un esempio eclatante delle parole di Aboubakar Soumahoro dopo il caso della nave Aquarius è quello della nave Lifeline. “Siamo a Sud di Malta, in acque internazionali. Alcune forniture sono esaurite, abbiamo bisogno di farmaci, cibo, coperte. Aiutateci”: è il messaggio diffuso ieri mattina via dalla Lifeline, la nave dellOng tedesca con a bordo circa 230 migranti, inclusi 4 bambini e 14 donne, salvati a largo della Libia mercoledì notte rifiutando di consegnarli alla Guardia costiera di Tripoli. La nave le cui dimensioni ridotte possono accogliere solo 50 migranti, ha ricevuto aiuto dal mercantile danese, lAlexander Maersk, che ha preso 110 naufraghi, in attesa di conoscere il proprio futuro, considerato che Italia e Malta, dopo il caso Aquarius hanno chiuso i porti. . Lega e M5s però, non cambiano la linea e scaricano su Tripoli e La Valletta intervenire. Matteo Salvini ha affermato: ” Queste Ong lItalia la vedranno solo in cartolina.” e il collega ai Trasporti, il grillino Danilo Toninelli, è sulla stessa linea e annuncia il possibile il sequestro della nave e lapertura di inchieste penali. Il grillino Toninelli è uno che ha anche detto: ” Con noi già spira vento nuovo”. (Sic!) Klaus Peter, il capitano della nave, ha lanciato un invito al ministro dell’Interno: “Se Salvini vuole arrestarmi può venire personalmente a prendermi. Vorrei invitare il signor Salvini a fare un viaggio con noi”, Solo così si potrà rendere conto dello scenario drammatico in mare. Su questa nave nessuno guadagna un soldo dai salvataggi. Siamo tutti volontari. Mi vergogno profondamente delle parole del ministro italiano”. Diverso l’atteggiamento del governo socialista della Spagna. Circa 418 migranti sono stati ultimamente salvati nel corso di tre operazioni condotte al dalla guardia costiera della Spagna. Lo fanno sapere le autorità spagnole spiegando che 262 persone, stipate in 15 imbarcazioni, sono state tratte in salvo nello stretto di Gibilterra e trasportate nei porti di Tarifa e Barbate, in Andalusia. Altri 27 migranti sono stati soccorsi nel Mediterraneo, tra il sud della Spagna il nord del Marocco; altri 129 sono stati salvati al largo dell’isola di Gran Canaria, nell’Atlantico.