Gennaio 24, 2021

AFV

Libera la tua mente

EMMANUEL MACRON E FELA KUTI.

Francesco Cecchini

FELA KUTI

FELA KUTI.

Il documentario del 2014 Finding Fela di Alex Gibney   un ritratto travolgente dell’artista guerrigliero. Ambientato sul ritmo insistente del suono rivoluzionario di Afrobeat della superstar della Nigeriana Fela Kuti, la straordinaria storia della posizione coraggiosa di un uomo contro un governo corrotto e dittatoriale testimonia il potere di trasformazione della musica come forza di unificazione sociale e politica.

https://www.youtube.com/watch?v=VeQ2oMdZxXQ

Fela Kuti è stato la figura principale della musica popolare nigeriana. È stato in prigione e torturato diverse volte a causa delle sue critiche nei confronti del governo nigeriano e della difesa  della cultura africana  e della religione africana attaccate dalle attività missionarie evangeliche e cristiane. Gli africani hanno la loro religione che non è inferiore al cristianesimo e all’islam. Nelle sue canzoni ha criticato la corruzione e lo sfruttamento dell’Africa da parte di multinazionali come ITT.

EMMANUEL MACRON.

l presidente francese Macron, nato dopo il colonialismo francese e l’indipendenza delle colonie francesi, mostra un apparente modernismo e, almeno apparentemente, attacca obsoleti apparati politici che, secondo lui, minano la vitalità della società francese e della Francia in Africa. Macron  sta quindi riformando Françafrique, cioè i rapporti della Francia con le sue ex colonie in Africa? Ma la realtà è più che deludente. Finora, Macron non ha solo sottolineato la continuità del dominio economico francese nella regione come ex potenza coloniale, ma ha anche sottolineato il suo sostegno alla presenza militaAre francese nel continente. Durante sua presidenza, ha chiaramente dimostrato che la sua visione dell’Africa e degli africani è, al di là della forma e delle belle parole,  altrettanto razzista e colonialista dei suoi predecessori neocolonialisti.

Lo prova l’esistenza della moneta coloniale, la CFA, che strangola ‘economia dei paesi africani francofoni. Attualmente, il franco CFA è la moneta ufficiale della Comunità finanziaria africana, composta da otto paesi dell’Unione economica e monetaria dell’Africa occidentale (WAEMU) e sei paesi della cooperazione finanziaria dell’Africa centrale. Il franco CFA è garantito dal Tesoro francese. Aveva un tasso di cambio fisso per il franco francese fino al 1999, e ora per l’euro, sotto accordi che costringono i paesi della zona del franco a depositare il 50% delle loro riserve in valuta estera nel Tesoro francese. Questa moneta, fabbricata in Francia, segue le fluttuazioni dell’euro, privando i paesi che la usano della loro sovranità monetaria. È chiaro che il franco CFA sta danneggiando le economie dei 14 paesi che lo utilizzano. Un paese non può perseguire un percorso economico indipendente per lo sviluppo a meno che non abbia il controllo sulle sue politiche monetarie.  In una riunione del G5 in Mali, Macron ha dichiarato in risposta a leader di diversi paesi della zona CFA che considerano questa valuta come una delle cause i loro problemi economici: “Se non siete contenti di far parte della zona del CFA, potete uscire e creare la vostra valuta, come la Mauritania e il Madagascar. Se riimanete dovete smettere di fare dichiarazioni demagogiche che fanno del franco CFA il capro espiatorio per i vostri fallimenti politici ed economici e la Francia, la fonte dei tuoi problemi”.

Inoltre vi è la presenza dell’esercito francese in Africa, Mali e Niger, per difendere ed estendere gli interessi economici della Francia.

In armonia con la linea di riforma, adattamento della Françafrique ai tempi attuali, Macron,  arrivato da de Nouakchott dove il 2 luglio aveva partecipato alla riunione dell’Unione Africana, ha visitato la Nigeria. Il 3 luglio ha visitato il club Shrine, creato da Fela Kuti e ripresa dal figlio Femi Kuti. Per Emmanuel Macron, la serata è stata l’occasione per lanciare l’organizzazione della stagione delle culture africane che si terrà in Francia nel 2020. Ha affermato che si tratta di “una strategia culturale e artistica che riporta l’Africa al centro. Abbiamo bisogno che gli africani parlino autonomamente dell’Africa. Parliamo sempre di Africa prima, ma troppo raramente Nollywood e della la musica nigeriana contemporanea”,

PAROLE IN ARMONIA CON LA NUOVA FRANCIAFRICA MACRONIANA, MA CHE SICURAMENTE HANNO FATTO RIVOLTARE DUE O TRE VOLTE NELLA TOMBA IL MUSICISTA E GUERRIERO FELA KUTI.

French President Emmanuel Macron performs at the Shrine Afrika in Lagos on July 3, 2018.
French President Emmanuel Macron has arrived in Abuja for a meeting with his Nigerian counterpart Muhammadu Buhari, in his latest attempt to forge closer ties with English-speaking Africa. / AFP PHOTO / POOL / Ludovic MARIN

MACRON AL CLUB DI FELA KUTI.

 

shares