Lo scienziato siriano Aziz Isbir è morto in un attacco organizzato dal Mossad, come confermato da un’agenzia di intelligence regionale.

Isbir Aziz, che è stato uno dei più importanti scienziati nel settore missilistico della Siria, impegnato nella costruzione di un arsenale di missili di  precisione, è morto sabato scorso in un attacco nella città di Masyaf, nella provincia di Hama.Un alto funzionario di un’agenzia di intelligence regionale, citato ieri dal quotidiano statunitense ‘The New York Times‘ ha attribuito la morte in seguito ad una missione di assassinio compiuta dal Mossad.

Il funzionario, che ha richiesto l’anonimato, ha anche riferito che il Mossad ha seguito Isbir per molto tempo e che stava cercando di ucciderlo anche prima dello scoppio della crisi siriana nel 2011.

La Siria aveva subito collegato l’omicidio del suo scienziato con il regime di Tel Aviv.

Tuttavia, il ministro degli affari militari israeliani Avigdor Lieberman ha cercato di ridurre al minimo la possibilità di coinvolgimento israeliano. “Cercano sempre di darci la colpa. Quindi non prenderemo la cosa  troppo sul seri”, ha detto.

Come riportato dai media statunitensi, il caso di Isbir era almeno la quarta missione omicida del regime israeliano negli ultimi tre anni contro uno scienziato esperto di armi.

Secondo la legge israeliana, il primo ministro è autorizzato ad approvare un’operazione di assassinio, chiamata eufemisticamente “trattamento negativo” nel Mossad. I portavoce del primo ministro, Benjamin Netanyahu, e Lieberman, non hanno risposto alle richieste di commenti sulla morte dello scienziato siriano.

Fonte: The New York Times

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy