Il punto di vista del movimento No Tav a proposito della manifestazione promossa da imprenditori e commercianti a favore dell’alta velocità è leggibile qui: Se il Sistema Torino è costretto a difendersi (foto tratta da pixabay.com)

 

di Paolo Mottana*

Ad alta velocità verso la catastrofe

Le discussioni capziose sulla necessità o meno della Tav e soprattutto sulla definizione dei costi e dei benefici è così raso terra che non si vorrebbe neppure ascoltarla. Come se davvero il problema fosse quello. Come se il problema oggi delle politiche delle Grandi (ma sarebbe meglio definirle Gigantesche) Opere o comunque in genere degli investimenti sulle Alte Velocità, su un modello di sviluppo forsennato di cui ben conosciamo gli esiti, sia ambientali che umani e psicologici, fosse davvero quello.

La scelta di fare la Tav, che non  a caso ha visto in piazza i 40.000 (chissà perché questo numero mi ricorda qualcosa, specie a Torino) colletti bianchi dell’infinita crescita e dell’avanzata del capitalismo a qualunque prezzo, non è una scelta economica. È una scelta simbolica, politica e morale.

Crisi di astinenza da crescita

Dove vogliamo andare ancora? Da un pezzo ci siamo lasciati alle spalle prendendo la strada sbagliata il bivio che indicava da una parte la moderazione, il ritiro da questo assetto aggressivo verso la natura, le persone, le cose che è quello che ci trasciniamo appresso da alcuni secoli senza considerare che ci sta portando alla catastrofe (anzi che nella catastrofe ci ha già sprofondati fino al collo e non solo per motivi ambientali, molto evidenti ma soprattutto per motivi umani!) e dall’altra i cavalieri dell’apocalisse, quelli del muoia Sansone con tutti i Filistei.

Non ci rendiamo ancora conto che ogni scelta in funzione di una crescita che vuole solo dire mortificazione dell’ambiente, accelerazione delirante del lavoro di tutti, frenesia, dipendenza da forme di comfort sempre più ridicole e dannose e da farmaci e droghe che ci consentano di sostenere un ritmo di vita del tutto incongruo alla nostra e altrui natura, sperequazioni economiche tra ricchi e poveri sempre più pronunciate e saccheggio e massacro delle poche risorse rimaste su questo misero pianeta, è una scelta folle?

Davvero vogliamo questo? Siamo a tal punto anestetizzati da non renderci conto che ogni piccolo passo, o grande passo (come la Tav) ci porta un gradino o un abisso più avanti nella nostra corsa al suicidio?

Una mutazione antropologica

Ogni giorno che passa e che noi non prendiamo decisioni risolute per fermare tutto questo è un giorno che va moltiplicato per gli infiniti danni che la nostra indolenza su questo fronte produce. E ripeto, non è solo questione di natura (per quanto la natura sia non solo quella cosa che riteniamo bizzarramente separata da noi e chiamiamo ambiente ma anche la nostra natura, ciò di cui siamo fatti e che ogni giorno di più si contamina, si esaurisce e impazzisce).

È questione di una mutazione antropologica che va assolutamente frenata e se possibile fermata. La mutazione che ci sta portando a divenire sempre più impermeabili al dolore del mondo, al nostro stesso dolore, alla necessità del silenzio e dell’armonia tra uomini e cose, la mutazione vero una sorta di homo idiota che ha a cuore solo la propria presunta realizzazione lavorativa, il proprio successo, la propria affermazione a discapito di tutto il resto, anche semplicemente del tempo del riposo o dell’amore, del tempo della convivialità e dell’assaporamento lento della materia stessa dell’essere qui in questo mondo per un’unica volta.

Mai l’uomo è stato così ridicolmente centrato sul proprio ombelico come oggi. Ognuno è lanciato ad alta velocità verso il proprio deserto umano, verso la propria solitudine, verso la propria immolazione sull’altare di non si sa bene cosa, se non il vuoto. Basta guardarli i campioni del nostro successo e del nostro mondo per rendersene conto, nel loro livore, nella loro angoscia (di perdere quello straccio di potere che hanno ottenuto facendo a pezzi tutto nella propria vita, di perdere audience, di perdere l’appuntamento con le infinite occasioni in cui si devono rendere presenti passando come un treno ( ad Alta Velocità) su qualsiasi altra necessità di chi gli sta intorno (sempre che sia rimasto qualcuno), nella loro rabbia, nei loro volti maniacali, nelle loro risate rumorose e sgangherate.

È questa umanità che deve farci paura, ancor prima della catastrofe della natura, esterna e interna, nella quale volenti o nolenti dobbiamo ancora vivere, fin tanto che non saremo totalmente macchinizzati.

E allora è chiaro che la Tav ma altre infinite scelte, anche scelte quotidiane, diventano scelte morali, scelte politiche, scelte simboliche, scelte di vita o di morte.

Non ci sono alternative alla decrescita

Ogni volta che acquistiamo un aggeggio assurdo e inutile, ogni volta che accettiamo di aggiornare i nostri smartphone al delirio che avanza imponendoci forme di dipendenza sempre più astute e raffinate per non far smettere mai la ruota del supplizio del lavoro e del consumo di viaggiare ad Alta Velocità pur di stritolare il nostro tempo, la nostra soggettività e le nostre residue possibilità di prendere consapevolezza del circolo vizioso nel quale siamo intrappolati, ogni volta, ogni giorno, noi ci allontaniamo da quel bivio e da una vita che abbia senso vivere.

Oggi più che mai il tema della decrescita è cruciale, Anzi è vitale, sempre che sia ancora possibile salvare un’umanità che è già in camera di rianimazione da un bel po’.

Una decrescita non illudiamoci, che non sarà felice. No. Perché se è probabile che il giorno in cui ci saremo liberati dal fardello di merda in cui siamo affondati cominceremo a intravedere uno stile di vita che, in assenza di quella, possa essere ben vissuto, intanto avremo dovuto liberarci da tutte le dipendenze che abbiamo acquisito. Anzi, che il mercato ci ha imposto di acquisire. Decrescere, fondamentalmente, questo vuol dire. Rinunciare ad una ad una a quasi tutte quelle dipendenze. Quella dei mille canali televisivi e della qualità di un’immagine sempre più perfetta quanto mostruosa. Rinunciare all’infinita gamma di prodotti per la nutrizione, la cosmesi, la salute della nostra casa come del nostro corpo, che mentre ci guarisce però anche ci mette al lavoro di nuovo per ammalarci. Rinunciare agli aereilow cost, rinunciare a tecnologie sempre più inutili quanto dannose, concentrare le spese solo su ciò che davvero è vitale, la salute, quella vera, che deve essere riappropriata, non delegata a specialisti sempre più persi anch’essi nella ricerca devota solo alle leggi dei brevetti e di una farmaceutica ultramiliardaria, l’educazione, quella vera, diffusa, partecipata e non riposta in agenzie criminose che mettono ai ceppi il diritto di vivere dei nostri cuccioli (l’autore di questo articolo è tra i promotori del Manifesto dell’educazione diffusa).

Il mondo non è una merce

Dovremo rinunciare al dannato ottovolante dell’industria dello spettacolo, dell’entertainment senza capo né coda, del turismo obbligatorio, dell’industria della cultura e del sesso per ritrovare il piacere di intrattenerci con la cultura condivisa, con nuove forme di convivialità, già sperimentate da molti ma comunque minoritarie, con il piacere ritrovato, sessuale e affettivo, a un raggio più corto e più ridotto di opportunità ma certamente anche più intenso.

Reddito universale

Come si fa a non capire che il reddito minimo garantito, universale, è l’unica misura che possa andare incontro al delirio del lavoro ad ogni costo anche quando con tutta evidenza avremmo i mezzi per ridurlo anch’esso al minimo necessario? E che occorre pagare tutti per questo? Crediamo di poter dare a tutti la possibilità di vivere più decentemente senza rinunciare un po’ alle nostre prebende? Incredibile sentire teste che dovrebbero essere provviste di grossi cervelli sostenere che i costi del reddito di cittadinanza non devono ricadere sulle tasche della popolazione. E di chi se no? Chiaro che un  mondo umano non impazzito lo capirebbe. Ma noi no, noi vogliamo la salute garantita, l’educazione, tutti gli infiniti gadget dell’idiozia imperante senza dover intaccare i nostri risparmiucci. Personalmente, se potessi, se un dio mi desse una bacchetta magica, non si può immaginare che razza di patrimoniale infliggerei a questo mondo di vigliacchi, me compreso. I nostri risparmiucci potrebbero compensare enormemente il famoso debito e forse emanciparci dal cappio delle corporazioni, dei manager del nulla, dei governanti beceri e dei giornalisti al servizio del rimbecillimento ad Alta Velocità.

Sull’incondizionalità del reddito di base

Forse è venuto il momento di rompere i nostri porcellini di ceramica, di aprire gli occhi su un mondo che è totalmente deragliato e di fermarsi, di fare sciopero dalle fesserie con cui arrediamo le nostre giornate per guardarci in faccia, guardare in faccia tutti gli esseri che popolano questo nostro pianeta straziato e saccheggiato e fare causa comune per rallentare, desaturare, abbassare il volume del nulla vociante e tornare a quel maledetto bivio.

E questa volta girare dall’altra parte, pronti a sacrificare quella parte del nostro tempo e delle nostre presunte ricchezze, quella che viaggia ad Alta Velocità, che sta finendo di distruggere quel poco di buono che forse un’altra umanità avrebbe anche potuto offrire al mondo, se non fosse totalmente impazzita.

 

* Docente di Filosofia dell’educazione presso l’Università di Milano-Bicocca, si occupa dei rapporti tra immaginario, filosofia e educazione. Tra i suoi ultimi libri La città educante (Asterios). Altri articoli di Mottana sono leggibili qui. Ha aderito alla campagna di Comune Un mondo nuovo comincia da qui.

https://comune-info.net/2018/11/il-bivio-ad-alta-velocita/

Di Nardi

Davide Nardi nasce a Milano nel 1975. Vive Rimini e ha cominciato a fare militanza politica nel 1994 iscrivendosi al PDS per poi uscirne nel 2006 quando questo si è trasformato in PD. Per due anni ha militato in Sinistra Democratica, per aderire infine nel 2009 al PRC. Blogger di AFV dal 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy