Ottobre 31, 2020

AFV

Libera la tua mente

La Germania abbandonata da Trump ora pensa alla bomba atomica

Sharing is caring!

Dio ci scampi (nota M.L.)

L’idea di una bomba atomica made in Germany ha cominciato a circolare proprio a luglio dell’anno scorso, non molto lontano dal vertice Nato di Bruxelles dove Trump aveva “sbottato” contro la Nato ventilando l’ipotesi dell’uscita degli Stati Uniti dall’Alleanza, ad opera del politologo Christian Hacke, che sull’inserto settimanale del Die Weltfirmava un articolo dal titolo “Abbiamo bisogno della bomba?”.

Le considerazioni di Hacke prendono le mosse proprio da quello che, per i tedeschi, rappresenta un voltafaccia di Washington che è sempre di più in rotta di collisione con Berlino in merito alle politiche economiche – leggasi dazi – ed è diventata il bersaglio principale, insieme alla Francia, delle recriminazioni americane sulla spesa per la Difesa dei membri della Nato: la Casa Bianca, per voce del Presidente Trump, ha, in più di un’occasione, accusato i Paesi dell’Alleanza di destinare troppo poco del loro bilancio alla Difesa essendo lontani dall’obiettivo del 2% del Pil prefissato.

La soluzione per i tedeschi, secondo il politologo, sarebbe quindi di dotarsi di armamento atomico per mantenere undeterrente efficace che permetta alla Germania di allontanare lo spettro di azioni aggressive come quella effettuata dalla Russia in Crimea: sempre secondo Hacke se, infatti, la Germania avesse avuto un arsenale atomico proprio, avrebbe potuto avere un argomento molto più efficace per scoraggiare Putin dall’annettersi l’importante e strategica penisola del Mar Nero.

Continua… http://www.occhidellaguerra.it/germania-bomba-atomica/