Gli osservatori sono stati sorpresi e sconcertati dalle forme, dai simboli e dalle pratiche inusuali dei Gilets Jaunes. Tutti riconoscono il radicalismo, la determinazione e la durata notevole della protesta, ma il loro movimento rimane per molti aspetti un oggetto strano e inclassificabile, ingenuamente idealizzato come l’annuncio della rivoluzione o ottusamente stigmatizzato come pericoloso e potenzialmente “proto-fascista”. I giubbotti gialli sono sostenuti dalla sinistra e dalla destra, ma rivendicano la loro indipendenza; non accettano alcuna rappresentanza politica o “recupero”. Questo rifiuto di ogni forma di rappresentanza è sia la loro forza che la loro fragilità, almeno nel breve periodo.

Il fatto è che i giubbotti gialli non possono essere interpretati con le tradizionali categorie di analisi politica. Non possono essere seriamente rappresentati come un movimento reazionario, “Poujadista”. In una congiuntura politica modellata dall’aumento della xenofobia, del razzismo e del nazionalismo radicale, essi non cercano un capro espiatorio, né invocano l’espulsione di immigrati e rifugiati, e non desiderano proteggere un’identità nazionale apparentemente minacciata. “Piuttosto, hanno avanzato la questione delle disuguaglianze sociali come una minaccia alla democrazia e alla coesione sociale. In tal modo, non rivendicano un’identità etnica ma piuttosto sociale. Quando i media li intervistano, non menzionano le loro origini ma la loro professione: lavoratore, infermiere, insegnante, auto-imprenditore, negoziante, autista, disoccupato, ecc.

L’uguaglianza sociale è storicamente un valore di sinistra, ma loro non appartiene alla cultura della sinistra; non conoscono né i suoi simboli – non ci sono bandiere rosse nelle loro dimostrazioni e circoli del traffico – né adottano le sue forme di organizzazione. La loro rivolta è completamente esterna ai sindacati, nonostante una convergenza recente e limitata. Non agiscono come una classe, come un corpo omogeneo, ma piuttosto come una comunità, come un corpo eterogeneo e plurale. Tra loro, ci sono molte persone che partecipano a una manifestazione o un’azione di protesta per la prima volta nella loro vita. Il loro simbolo non è una bandiera rossa, ma piuttosto un giubbotto giallo: questo permette loro di diventare visibili in un mondo che li condanna all’invisibilità pubblica e alla sofferenza sociale. Non sembrano essere consapevoli del simbolismo politico del giallo, un colore che a cavallo del XX secolo espresse una delle componenti della “destra rivoluzionaria” francese (les Jaunes), attentamente indagata da Zeev Sternhell. Un secolo dopo, il significato di questo colore è cambiato; è il colore rosso che ha perso molto della sua forza simbolica.

Secondo alcuni storici, la loro protesta in nome della giustizia sociale e dell’uguaglianza rivela la “economia morale” delle folle (un concetto forgiato dallo storico britannico E.P. Thompson per descrivere la ribellione sociale ai tempi della rivoluzione industriale). Questo confronto è probabilmente pertinente, ma potrebbe anche essere interpretato come lo specchio di una gigantesca regressione politica: due secoli della storia della sinistra semplicemente dimenticati, ignorati e abbandonati come un passato inutile. La manifestazione dei Gilet gialli non include alcun riferimento al 1848, alla Comune di Parigi, alla Resistenza o al maggio ’68 . Prendono invece alcuni simboli della rivoluzione francese: i sans-culottes, i diritti dell’uomo e del cittadino, l’esecuzione del Re , ecc. Significa un ritorno alla protesta sociale dell’Antico Regime? Non lo so, ma questa mancanza di memoria storica dimostra certamente l’erosione e l’indebolimento di molti simboli di sinistra.

D’altra parte, i Gilet gialli non sono affatto arcaici e mostrano caratteristiche molto moderne: strutturano il loro movimento attraverso i social media, usano Facebook come strumento di contro-informazione contro i canali TV e gestiscono internet come un organizzatore collettivo (in maniera molto simile alle rivoluzioni arabe del 2011). Hanno trasformato la propaganda del governo in merito al loro presunto vandalismo in una campagna contro la violenza della polizia. Una delle loro ultime dimostrazioni è stata aperta da dozzine di giubbotti gialli che erano stati feriti e mutilati dalla polizia. Rivendicano l’eredità della rivoluzione francese, ma molte caratteristiche del loro movimento rivelano significative affinità con Occupy Wall Street, il 15M spagnolo e il Nuit debout.

Alcuni critici vedono i giubbotti gialli come l’espressione di una nuova forma di populismo. Per molti aspetti, questo è vero, nella misura in cui oppongono il popolo all’élite al potere: Macron come presidente degli ‘”ultraricchi”, l’incarnazione di un’élite finanziaria. Allo stesso tempo, tuttavia, respingono esplicitamente molte caratteristiche del populismo classico, in particolare il nazionalismo e la leadership carismatica. Né Marine Le Pen né Jean-Luc Mélenchon potrebbero rappresentarli; difendono fortemente il principio di autorappresentazione e sono orgogliosi di praticare una forma di democrazia orizzontale. Ecco perché, secondo Etienne Balibar, i Gilet Gialli stanno inventando una forma di “contro-populismo”: un populismo democratico e orizzontale anziché verticale e autoritario; un populismo di attori, non di seguaci.

I possibili sviluppi futuri dei giubbotti gialli sono imprevedibili. Tutti i sondaggi indicano che sono estremamente popolari e sostenuti da una larga maggioranza di cittadini francesi, ma rappresentano e mobilitano solo un segmento della società civile. Questo segmento è certamente grande, eterogeneo e teoricamente senza confini, in quanto pretendono di incarnare il “popolo”, ma non possono vincere da soli. Un movimento di successo dovrebbe includere e mobilitare altri segmenti della società francese, dai lavoratori salariati di grandi aziende e dipendenti pubblici ai giovani delle periferie (les jeunes des cités), al di là degli studenti delle scuole superiori e universitari. Un nuovo “blocco sociale” contro il neoliberismo, parlando con le categorie di Gramsci, non esiste ancora. Ciò che è chiaro, tuttavia, è il fallimento del progetto di Emmanuel Macron di creare un “blocco storico” egemonico neoliberista, per imporre il neoliberismo sia come modello economico per la società sia come modello antropologico per i suoi cittadini (un modello fatto di consumo, possesso, individualismo e competizione). Trionfalmente eletto meno di due anni fa come un uomo del futuro – intelligente, colto (molti giornalisti ossequiosi lo ritraggono come filosofo), energico e un modernizzatore – Macron è diventato rapidamente un politico disprezzato e detestato: il presidente degli ” ultraricchi”. L’attuale protesta sociale si concentra sulla sua misura fortemente difesa per abolire la” tassa sulla ricchezza”(ISF), che è diventata il simbolo delle disuguaglianze sociali.

Macron considera gli ultraricchi come una sorta di avanguardia del progresso, come modello per la gente comune. La sua visione del progresso come un naturale movimento di “trickle down” dai ricchi ai poveri (le ruissellement) viene ridicolizzata e derisa in tutte le dimostrazioni dei Gilet Gialli. Il suo progetto di trasformare la Francia in una capitale europea del neoliberalismo vittorioso è crollato. Grazie alle istituzioni della Quinta Repubblica che gli danno una maggioranza molto forte in Parlamento, probabilmente completerà il suo mandato, ma il Macronismo ha fallito. Sembra che abbia già rinunciato all’idea di fermare le proteste con concessioni e spiegazioni degli effetti benefici delle sue politiche e ha deciso di compensare la sua mancanza di legittimità con una repressione violenta. Questo è il significato delle ultime leggi “anti-sommossa” che rafforzano le misure di “stato di eccezione” già introdotte dopo gli attacchi terroristici del 2015. In questo caso, il suo neoliberismo “jupiteriano” sarà mantenuto come una forma di bonapartismo autoritario. La sua presidenza è certamente la più repressiva in Francia dagli anni della guerra algerina.

Il fallimento del Macronismo come progetto sociale è uno dei maggiori successi dei Gilet Gialli. Secondo molti di loro, il significato del loro movimento trascende le sue rivendicazioni. I blocchi del traffico sono molto più che forme di azione; sono diventati regni di nuove pratiche sociali in cui le persone sempre abituate a vivere da sole e a considerare le loro difficoltà come problemi individuali hanno scoperto valori collettivi come solidarietà, aiuto reciproco e fraternità, ciò che Jacques Rancière chiamerebbe “le partage du sensible”. Hanno scoperto un sentimento di comunità contro l’individualismo. E questa è la chiave per l’auto-emancipazione.

Fino ad ora, in Francia, la principale alternativa al neoliberismo era il populismo conservatore, nazionalista e post-fascista. Oggi i Gilet Gialli tracciano un’uscita diversa, basata sull’uguaglianza sociale e sulla democrazia orizzontale. Stanno vivendo nuove forme di azione e nuove pratiche di deliberazione collettiva che coinvolgono le persone comuni con la loro intelligenza e creatività, ma anche la loro ingenuità e pregiudizi. Un segno di questa ambiguità è quando fingono di essere un movimento “antipolitico”, un’affermazione con significati molteplici e contraddittori. Un movimento auto-organizzato privato di ogni tradizione e memoria storica impara dalla sua esperienza e dai propri errori; non accetta lezioni dall’esterno e ha i suoi tempi di apprendistato. Sfortunatamente, non sono sicuro che abbiano molto tempo.

https://www.versobooks.com/blogs/4242-understanding-the-gilets-jaunes

Da pagina fb Maurizio Acerbo

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy