Maggio 25, 2020

AFV

Libera la tua mente

Gli interventi militari per la democrazia e la libertà che hanno solo seminato morte, miseria e distruzione

Sharing is caring!

Segue l’analisi di Alberto Rodríguez García, giornalista specializzato in Medio Oriente, propaganda e terrorismo

Questa è la formula che meglio riassume la politica estera degli Stati Uniti in Medio Oriente e in gran parte del mondo. Ogni paese che cerca di svilupparsi indipendentemente dall’orbita dei Gringo è destinato a essere demonizzato, a subire sanzioni, alla destabilizzazione e, nei casi peggiori, alla sua distruzione. Tutto nel nome della democrazia.

Guerre nel nome della democrazia e della libertà

Democrazia e libertà; quei due termini così usati e il cui significato già non ha importanza. Parole così potenti da ispirare movimenti rivoluzionari, oggi sono prive di contenuti. In nome della democrazia e della libertà, sono stati commessi alcuni crimini più crudeli nella storia moderna.

In nome della democrazia, gli Stati Uniti e Regno Unito finanziato il colpo di stato del 1953 contro il primo e  democraticamente eletto leader con il voto libero iraniano, Mohammad Mossadegh. La sua figura fu condannata all’oblio per aver osato commettere il peggiore dei crimini: opporsi a trasformare l’Iran in un satellite americano durante la guerra fredda.

Il colpo contro Mosaddeq ha segnato l’inizio di un’ondata di interventi in Medio Oriente che continuano ancora a sanguinare la regione oggi e lasciando una scia di morte dove il siolo è calpestato dagli stivali dei Marines.

Nel 1958, in nome della libertà, 14.000 marines sbarcarono in Libano per proteggere Camille Chamoun maronita una ribellione di cristiani e musulmani che volevano porre fine alle politiche ostili libanesi nei confronti del progetto Gamal Abd el-Nasser. Poco importava agli Stati Uniti. la volontà della gente in questo momento, così come importava poco agli Stati Uniti. che Camille Chamoun stava cercando di estendere la sua presidenza in modo incostituzionale.

Gamal Abdul Nasser è stato demonizzato, ha dovuto affrontare l’insurrezione dei Fratelli Musulmani e stava per essere ucciso in diverse occasioni. Apparentemente era troppo pericoloso il fatto che volesse unire gli arabi al di fuori della logica della guerra fredda.

Da allora, praticamente tutti gli scenari del Medio Oriente hanno subito interferenze americane in prima persona. Un’interferenza aggressiva e predatoria. Un’interferenza che in nessun caso ha avuto successo.

Il rovesciamento di Saddam Hussein nel 2003 sotto le spoglie delle armi di distruzione di massa – che non sono mai esistite – sebbene all’inizio sembrasse essere la grande vittoria degli Stati Uniti nella regione, oggi è diventato il massimo esponente del fallimento dei suoi interventi insieme a quello della Libia e ora anche della Siria.

L’Iraq post-Saddam Hussein è diventato un cimitero su larga scala. L’invasione americana e la sua mancanza di pianificazione a lungo termine hanno indirettamente portato alla creazione dello Stato islamico. E ora, dopo due decenni di violenze e oltre mezzo milione di morti, il governo che dovrebbe essere un fantoccio americano non nasconde le sue simpatie per l’Iran.

Libia, che Muhammad Gheddafi è stato uno dei paesi più ricchi, più prospero e stabile in Africa, è ora uno stato fallito dominata da signori della guerra, in cui Al Qaeda nel Maghreb islamico e lo Stato Islamico si sono stabiliti senza problemi .

A cosa servivano queste guerre?

Come sono migliorate le vite delle persone che le hanno sofferte? Questa è la democrazia? Qual è il prezzo della libertà? Che libertà?

“Non voglio vivere con la paura”, è l’unica cosa che un amico di Damasco mi dice mentre scrivo questo testo. Le persone vogliono solo vivere in pace. A che cosa serve perdere la gioventù? Le guerre per “democrazia e libertà” hanno causato solo sofferenza e dolore; generazioni senza essere in grado di avere un progetto futuro.

Quale autorità morale hanno per decidere che in una certa parte del mondo è necessario portare la democrazia, coloro che rimangono in silenzio quando Israele viola sistematicamente i diritti umani a Gaza? Dalla Casa Bianca non esitano a intervenire in paesi che sono a disagio, ma tace quando l’IDF usa fosforo bianco. Tacciono. Stanno zitti come se fossero in lutto per il funerale della loro decenza.

Il petrolio non è tuo. Il gas non è tuo. I minerali non sono tuoi. La terra non è tua. Eppure, dall’altra parte del mondo a Washington, a quasi 6.000 chilometri dal Medio Oriente, gli è permesso di decidere cosa vogliono le persone e quale dovrebbe essere il loro futuro.

I funzionari americani non è che credono di aver il potere di decidere il futuro degli arabi; è che si comportano come se ce l’avessero. Si comportano come se fossero i cavalieri di una canzone dei trovatori che, come nei racconti medievali, viaggiano per il mondo a caccia di mostri. Ma l’unica verità è che loro sono mostri.

Gli Stati Uniti, invece di preoccuparsi di distruggere il mondo, dovrebbero preoccuparsi di rispettare il diritto internazionale e di prendersi cura della propria popolazione. Perché un paese che consente a 45.000 cittadini di morire ogni anno a causa della mancanza di accesso al sistema sanitario, non ha autorità morale per giudicare terzi.

Tanto peggio, tanto meglio. È così che funziona la politica estera americana.

L’Iran ha 40 anni di costante demonizzazione. L’Iran ha subito sanzioni per 40 anni che mirano ad aggravare la crisi, affondare l’economia e generare malcontento causando la miseria della popolazione. L’Iran ha dovuto affrontare l’insurrezione di gruppi armati che ricevono finanziamenti e armi dagli Stati Uniti per 40 anni. e la cui collaborazione non è nascosta dalla CIA. Eppure, da Washington ci dicono che la minaccia alla stabilità mondiale sono gli iraniani. E dai portavoce della Casa Bianca insistiamo sul fatto che la situazione in Iran è causata al 100% dagli Ayatollah e che dobbiamo liberare la gente dal giogo a cui sono sottoposti. Ma siamo onesti, chi può credere a questo punto che la libertà sia importante?

È vergognoso sentire il presidente USA del momento dire che l’Iran ha bisogno di democrazia. È vergognoso perché furono gli americani a rovesciare il governo democratico di Mosaddegh a rimettere il governo fantoccio dello Scià.

Gli Stati Uniti sono già un impero decadente. Donald Trump comprende che mezzo secolo di interventi in Medio Oriente non sono serviti assolutamente nulla. Investire per continuare a destabilizzare il Medio Oriente com’è ora è come buttare soldi in un pozzo senza fondo. Trump ha capito che anche quelli che erano i suoi burattini non lo rispettano. Ecco perché si ritira. Ma si ritira come se nulla fosse accaduto.

Fin dal primo intervento nel 1953 c’è stata molta storia. Una storia di violenza, che ha causato la morte di milioni.

Ci sono generazioni perdute, generazioni che conoscono solo la guerra. Il fondamentalismo islamico ha fatto sì che alcune regioni sono tornate al Medioevo. In alcune regioni, la tratta di esseri umani è all’ordine del giorno. In nessun paese le condizioni di vita sono migliorate grazie agli interventi statunitensi. Non c’è né più democrazia, né più libertà. Ma Donald Trump si ritira, come se nulla fosse accaduto.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-gli_interventi_militari_per_la_democrazia_e_la_libert_che_hanno_solo_seminato_morte_miseria_e_distruzione/82_27194/