E da domani dovreste paralizzare la scuola italiana , avere il coraggio di denunciare a gran voce l’ingiustizia di cui siete state vittime! Non trovo una logica né giuridica né sociale alla nuova pronuncia fotocopia della Adunanza Plenaria…la battaglia continuerà in altre sedi ma non basta ….. bisogna dimostrare che voi siete il motore della scuola italiana e se voi vi fermate LEI SI FERMA. Domani penseremo a nuove strategie ma stasera no, stasera é il tempo del silenzio ….. dell’amarezza per una giustizia e uno stato che hanno deluso i cittadini e gli operatori del diritto. I DIRITTI VANNO TUTELATI E NON VENDUTI , la politica faccia la politica e la giustizia faccia la giustizia e non crei discriminazioni….OGGI LA DISCRIMINAZIONE SI È CREATA perché 6000 persone non saranno fuori dalle gae SOLO PER UNA QUESTIONE DI TEMPO….e le altre? sfortunate? Da quando la sfortuna regola i diritti dei cittadini? Ma tutto ciò non ci farà arrendere….quando tutto sembra crollare spesso è per far rinascere nuove cose Ma ARRENDERSI MAI! #IDIRITTIVANNOTUTELATI #arrendersimai

Post Valentina Piraino

Carissimi, domani mattina il comunicato dell’Anief sulla cronaca di una morte annunciata.

Intanto, posso solo dire che 45.000 insegnanti esclusi dalle GAE e 10.000 assunti a tempo indeterminato con clausola rescissoria non spariranno e risorgeranno per reclamare in tutte le sedi possibili la parità di trattamento con i 6.000 insegnanti con sentenza favorevole passata in giudicato.

Io in questo momento non so dire altro.

Piango con voi, in senso letterale, perché mai avrei voluto assistere ad una ingiustizia così atroce perpetuata sulla pelle di migliaia di lavoratori per anni sfruttati e, infine, trattati come vecchi arnesi da rottamare

Post Miceli Valter

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy