Migliaia di persone sono scese in strada in corso Venezia a Milano per manifestare contro le discriminazioni gridando sotto un unica bandiera: “Prima le persone”. Una folla di uomini, donne e tanti bambini portati in spalla è partita alle ore 14.15 di oggi, sabato 2 marzo, dall’angolo con via Palestro, attraversando le vie del capoluogo lombardo, fino a raggiungere piazza Duomo. Sono arrivati in gruppi affollando i treni della metropolitana per raggiungere il luogo dell’incontro e dare vita a un corteo coloratissimo, con striscioni e cartelloni ma anche palloncini con disegnato il pianeta, che appartiene a tutti indistintamente. L’obiettivo della manifestazione nazionale antirazzista è quello di chiedere inclusione, pari opportunità e una democrazia reale per un Paese senza discriminazioni, senza muri e senza barriere. “Il Mondo che vogliamo è una storia a colori” a tenere il cartellone ci sono tanti bambini e ragazzi sorridenti, che camminano e scherzano insieme. “Il futuro è un diritto di tutti, non un privilegio di pochi” c’è scritto su uno striscione portato dai tutori volontari di minori stranieri non accompagnati. E poi ancora, tra fiori di cartone e bandiere colorate si legge: “Vogliamo vivere insieme” e “La mia casa è la tua casa”, il messaggio su un disegno di un bambino con tanto di comignolo fumante. Tantissime le frasi di solidarietà contro il razzismo.

Il corteo antirazzista a Milano
Ad aprire il corteo un carro musicale, poi il sindaco di Milano Beppe Sala insieme agli Scout e l’assessore alle Politiche sociali, Piefrancesco Majorino. Tra le persone presenti al corteo anche Maurizio Martina e Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, Luigi Manconi, Marco Cappato, Sergio Cofferati, Nicola Fratoianni e il presidente della regione Toscana Enrico Rossi. In piazza anche i vertici di Cgil-Cisl-Uil e quelli delle principali associazioni, organizzazioni, movimenti, gruppi e collettivi che si occupano di migranti, diritti civili, pacifismo e antifascismo. Tanti anche i personaggi noti che hanno aderito, molti dei quali partecipano alla mobilitazione, come l’ex presidente della Camera Laura Boldrini, Giuliano Pisapia, Roberto Vecchioni, Ornella Vanoni, Claudio Bisio, Amelia Monti, Malika Ayane, Giobbe Covatta, Luca Bigazzi e Lella Costa. La manifestazione è stata lanciata lo scorso autunno da sei sigle del Terzo settore (Insieme senza Muri, Acli, Sentinelli, Mamme per la pelle, Action Aid, Anpi). Hanno aderito oltre mille associazioni e 700 comuni hanno partecipato facendo proprio il messaggio dell’iniziativa. Presenti anche a rappresentanti dei centri sociali e collettivi studenteschi. Al termine della manifestazione non sono previsti comizi ma un ‘afro street party’ guidato dal dj nigeriano Simon Samaki Osagie venuto appositamente da Londra e famoso per avere inventato i flash mob musicali a tema politico.

continua su: https://milano.fanpage.it/milano-marcia-people-migliaia-di-persone-manifestano-contro-le-discriminazioni/
http://milano.fanpage.it/

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy