Ottobre 29, 2020

AFV

Libera la tua mente

Golpe in Sudan

Sharing is caring!

Il presidente sudanese Omar al-Bashir si è dimesso e le consultazioni sono in corso per formare un consiglio di transizione per il controllo del paese.

Il ministro Adel Mahjoub Hussein, ha dichiarato “ci sono consultazioni per formare un consiglio militare per prendere il potere dopo”.

I manifestanti, che negli ultimi 6 giorni hanno preso parte a un sit-in di fronte al quartier generale dell’esercito a Khartoum, hanno iniziato a festeggiare nelle strade aspettandosi la notizia delle dimissioni di Bashir.

Mumtaz News e Al Arabiya hanno riferito che oltre a questi sviluppi l’aeroporto di Khartoum è stato chiuso, l’esercito ha preso il controllo della televisione e della radio nazionale e arrestato alcuni dei massimi dirigenti.

Al Jazeera ha comunicato

“Ci sono molti camion militari intorno alla capitale e intorno alle strade principali della città. La maggior parte delle strade sono state bloccate, specialmente quelle che conducevano al quartier generale dell’esercito. Ci sono alcune strade aperte per i manifestanti che hanno partecipato al sit-in “

Il 9 aprile ° ci sono stati scontri tra i soldati che tentano di proteggere i manifestanti e il personale di sicurezza che cercano di disperderli. Almeno 11 persone sono morte negli scontri, tra cui sei membri delle forze armate.

Il gruppo che guidava le manifestazioni sollecitò i residenti della capitale a radunarsi fuori dal quartier generale dell’esercito.

“Chiediamo al nostro popolo di tutta la capitale di Khartoum e della regione circostante di andare immediatamente nell’area del sit-in e di non andarcene da lì fino alla nostra prossima dichiarazione”, ha affermato l’Associazione dei professionisti sudanesi.

Il gruppo ha anche detto che non accetterà un governo militare per succedere al presidente Bashir.

Mahjoob Zweiri, professore di storia del Medio Oriente all’Università del Qatar, ha dichiarato ad Al Jazeera:

“Durante gli ultimi 10 giorni, era ovvio che ci fosse uno spostamento nel movimento in Sudan. Questo cambiamento è iniziato con l’esercito che ha cambiato il proprio corso verso le richieste della gente. Nelle ultime 24 ore, le richieste e il numero di partecipanti sono aumentati, facendo pressione sull’istituzione militare nel suo complesso e facendo sentire all’esercito la necessità di agire “.

Bashir, ricercato dalla Corte penale internazionale con l’accusa di crimini di guerra e genocidio, è salito al potere in un colpo di stato del 1989

Il Sudan è uno dei paesi strategici dell’area nordafricana e ricco, di materie prime.

le prime reazioni internazionali al golpe in Sudan arrivino dal Cremlino. “Auspichiamo che la situazione a Khartoum non porti ad un’escalation che potrebbe causare vittime – dichiara il portavoce del governo russo, Dmitri Peskov – Speriamo tutto ritorni nel contesto costituzionale”

Il Sudan ha una lunga tradizione di collaborazione con Mosca.

Ma nelle parole di Peskov, non emerge una difesa ad oltranza di Bashir: “Quello che sta accadendo è un affare interno al Sudan e qualunque sia il risultato, le relazioni russo-sudanesi saranno una costante nella politica estera del Sudan”.

In poche parole, la Russia non ha intenzione di “perdere” il Sudan. Tuttavia non c’è alcuna condanna del golpe e non emerge la volontà di difendere Bashir

Fonti South Front, Gli occhi della guerra