Ottobre 28, 2020

AFV

Libera la tua mente

Russia: “Gli Stati Uniti hanno ignorato la nostra proposta di un accordo per la prevenzione della guerra nucleare”

Sharing is caring!

Washington non ha risposto alla proposta di Mosca di un accordo bilaterale per prevenire una guerra nucleare, ha rivelato oggi il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov in un briefing.

“Non sorprende che Washington non abbia risposto alla proposta che abbiamo fatto sei mesi fa di adottare una dichiarazione congiunta sulla prevenzione della guerra nucleare”, ha dichiarato il diplomatico.

Allo stesso tempo, Ryabkov ha ribadito che Mosca si impegnerà a persuadere gli Stati Uniti per firmare l’accordo. “Voglio sottolineare ancora una volta che vorremmo convincere i nostri colleghi americani che, considerando la situazione attuale, sarebbe molto opportuno concordare una dichiarazione congiunta sull’inammissibilità del conflitto nucleare”, ha affermato il diplomatico russo.

Inoltre, la parte russa ha insistito sul ritiro totale delle armi nucleari statunitensi dai territori dei membri della NATO e ha accusato Washington di aver commesso una grave violazione del Trattato di non proliferazione delle armi nucleari (NPT).

“Quando gli Stati Uniti trasferiscono le proprie armi nucleari in stati non nucleari e quando questi stessi stati non nucleari accettano armi nucleari statunitensi, si verifica una violazione”, ha ricordato Riabkov.

Il diplomatico ha affermato che questo “mina le fondamenta del TNP e crea ulteriori ostacoli per i passi futuri nel campo del disarmo nucleare”.

Ha anche messo in chiaro che “questo problema può avere una sola soluzione: il ritorno di tutte armi nucleari degli Stati Uniti sul territorio statunitense, il divieto di schierarle all’estero e l’eliminazione di tutte le infrastrutture che consente la rapida implementazione di queste armi.”

Allo stesso tempo, secondo il diplomatico russo, “dovrebbe imporre un divieto totale di eseguire qualsiasi manovra di formazione connessi con l’uso di armi nucleari da parte dei membri delle forze armate degli stati non-nucleari”. Il viceministro degli Esteri russo ha sottolineato che queste attività rappresentano “una grave violazione del primo e del secondo articolo del TNP”.

A questo proposito, Riabkov ha affermato che la “estremamente complicata” situazione che circonda il trattato NPT è dovuta alle azioni degli “Stati Uniti, i suoi alleati della NATO e alcuni paesi sotto il suo controllo”, che “ignorano il parere della maggioranza della comunità internazionale e per molti anni hanno seguito una politica diametralmente opposta ad essa “.

Europa, un campo di battaglia nucleare per gli Stati Uniti

Il ministero degli Esteri russo ha anche richiamato l’attenzione sul fatto che gli Stati Uniti considerano il territorio europeo un campo di battaglia con l’uso di armi nucleari, il che pone il rischio di un conflitto “con conseguenze catastrofiche”.

Secondo le affermazioni di Riabkov, Washington ha in programma di schierare bombe nucleari “a capacità variabile e con maggiore precisione” in Europa. Attraverso la misura in questione, gli Stati Uniti “riducono deliberatamente la soglia dell’uso di armi nucleari”, ha aumentato “il rischio di un conflitto nucleare con conseguenze catastrofiche”, ha affermato.

“In realtà, non c’è un solo accordo multilaterale nel campo della non proliferazione o del controllo degli armamenti che gli Stati Uniti non abbiano tentato di indebolire o semplicemente non rifiutare”, ha detto Riabkov.

La situazione sul trattato INF

Per quanto riguarda il Trattato sui missili a medio e corto raggio (INF), sembra che cesserà di esistere questo agosto, ha avvertito Riabkov.

“Abbiamo parlato molto con i nostri colleghi americani nelle diverse fasi della discussione sull’argomento del trattato INF, quando, a nostro avviso, era possibile raggiungere un accordo ragionevole per preservare questo accordo”, ha rivelato.

Il vice ministro degli Esteri ha lamentato che la scelta degli Stati Uniti “a favore della violazione del trattato supererà ogni altra considerazione”. “Pertanto, il 2 agosto di quest’anno, il trattato apparentemente cesserà di esistere”, ha lamentato .

Lo scorso febbraio, la Russia ha annunciato che in sei mesi si sarebbe ritirata dal trattato INF in risposta alla decisione degli Stati Uniti di abbandonare l’accordo.

Mosca impegnata per un mondo senza armi nucleari

D’altra parte, Riabkov ha sottolineato che Mosca sta prendendo misure per ridurre e limitare le proprie armi nucleari.

“La Russia è costantemente impegnata per l’idea di costruire un mondo libero dalle armi nucleari. Continuiamo a prendere misure sistematiche per ridurre e limitare le nostre armi nucleari, riducendo deliberatamente il ruolo delle armi nucleari nella nostra dottrina militare nazionale”, ha concluso il diplomatico.

Inoltre, il diplomatico ha accolto con favore la recente dichiarazione del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che in un’intervista televisiva ha dichiarato che “dobbiamo liberarci delle armi nucleari”.

“Sono contento che la parte americana ha confermato i suoi obblighi ai sensi del sesto articolo del TNP. Questo trattato, che è stato firmato e aperta alla firma 50 anni fa, è il movimento verso un mondo libero dalle armi nucleari. Ma la stessa sesto articolo interpreta questo movimento il più possibile nel quadro del completo disarmo generale “, ha precisato

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-russia_gli_stati_uniti_hanno_ignorato_la_nostra_proposta_di_un_accordo_per_la_prevenzione_della_guerra_nucleare/82_28144/