Come se non bastassero le ingerenze degli Stati Uniti e le gesta golpiste di Juan Guaidó, una nota compagnia di mercenari appare come un possibile attore nella crisi venezuelana. Si tratta della derivazione della Blackwater, la famigerata organizzazione che ha commesso dozzine di omicidi durante la guerra in Iraq. Un articolo della Reuters fornisce dettagli sull’intenzione della compagnia di formare una forza irregolare di 4.000-5.000 combattenti per sostenere il colpo di stato contro il presidente Nicolás Maduro.

Le informazioni attribuiscono a Erik Prince, il fondatore di quella società progettata per uccidere, la ricerca di denaro – circa 40 milioni di dollari – per finanziare la sua avventura militare.
A tal fine, secondo l’agenzia di stampa britannica, l’ uomo d’affari, ex marine e collaboratore alla campagna di Donald Trump si è riunito ad aprile con alcuni multi milionari venezuelani oppositori in esilio e sostenitori del presidente degli Stati Uniti.

Prince è una specie di filibustiero postmoderno, ricorda il personaggio del film Walker interpretato da Ed Harris, un mercenario del XIX secolo che invade il Nicaragua.
Sebbene l’operazione in corso che questo appaltatore della CIA ha creato per il Venezuela sembra difficile da concretizzare, non deve essere sottovalutata. La sua Blackwater ha ricevuto gravi accuse quando è intervenuto in Iraq. Il principale avvenne nel 2007 quando i suoi mercenari assoldati uccisero 17 civili iracheni nella piazza Nisour a Baghdad. Diversi dipendenti della società hanno ricevuto condanne per omicidio.

Basandosi su quattro diverse fonti, l’indagine sulla società americana cita un certo Lital Leshem, specialista in sicurezza e intelligence del Frontier Resource Group, il cui quartier generale è a Hong Kong e mantiene legami commerciali con Blackwater. Ha confermato l’interesse di Prince ad essere coinvolto nel paese con le più grandi riserve di petrolio del mondo. “Ha una soluzione per il Venezuela, proprio come ha una soluzione per molti altri posti”, ha detto Leshem.

Tuttavia, Marc Cohen, il portavoce del creatore di Blackwater, ha dichiarato di “non avere piani per operare o implementare un’operazione in Venezuela”.

L’agenzia ha anche consultato l’assistente speciale di Trump in comunicazione strategica, Garrett Marquis, che ha rifiutato di dare una risposta sul fatto che Prince avesse aggiornato il governo degli Stati Uniti sul suo scopo di formare una forza mercenaria.
La stessa sarebbe stata integrata con “peruviani, ecuadoriani, colombiani e spagnoli”, ha detto un informatore che ha affermato che queste nazionalità sarebbero – nella visione del creatore di Blackwater – “più politicamente accettabili degli appaltatori americani”.

Per la sua cattiva reputazione e per le critiche ricevute in Iraq, Prince vendette la società nel 2010 e fondò una seconda società, che chiamò Blackwater USA, che vendette munizioni, silenziatori e coltelli. Ha mantenuto il nome ma lo ha cambiato più tardi in Academi.
Si è trasferito negli Emirati Arabi Uniti, dove ha messo insieme l’apparato di intelligence di quel paese e continua con le sue guerre private al servizio del miglior offerente. Lo Yemen è una delle sue vittime. È stato anche denunciato dall’ex primo ministro del Qatar Abdullah bin Hamad Al Attiyah, che lo ha accusato di preparare un’invasione mercenaria del territorio del Qatar.

https://www.pagina12.com.ar/191062-mercenarios-listos-para-intervenir-en-venezuela
https://www.reuters.com/article/us-venezuela-politics-erikprince-exclusi-idUSKCN1S608F

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy