“Aggrediti e picchiati per aver sostenuto i valori dell’accoglienza e dell’integrazione dei migranti e per aver rivendicato difeso la
salvaguardia dei propri posti di lavoro. A farne le spese sono stati attivisti, militanti e iscritti alla Cgil, lavoratrici e lavoratori impegnati nel sistema dell’accoglienza. 

È accaduto nel corso del post comizio del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a Modena”. A denunciarlo sono la Fp Cgil Nazionale e la Fp Cgil Emilia Romagna. “Un fatto gravissimo – spiegano Michele Vannini della Fp Nazionale e Marco Bonaccini della Fp regionale – lavoratrici e lavoratori di cooperative sociali, della Cgil, schiaffeggiati, spintonati e fatti oggetto di sputi per aver tentato di esporre striscioni a sostegno del sistema dell’accoglienza, di chi vi lavora e dell’apertura dei porti. Una vicenda intollerabile, che colpisce chi stava liberamente esprimendo il proprio pensiero, e che è misura del clima di odio e di intolleranza che irresponsabilmente le forze politiche di questo governo stanno alimentando per un misero tornaconto elettorale”

http://www.controlacrisi.org/notizia/Solidarieta27/2019/5/6/52658-modena-aggrediti-e-picchiati-perche-contestano-salvini-sui/

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy