Come riporta l’agenzia curda Rudaw, nella dichiarazione di Ocalan e altri tre leader del PKK prigioneiri nel carcere dell’Isola di di Imrali, Hamili Yildirim, Omer Hayri Konar e Veysi Aktas, si legge: “Il processo storico che stiamo vivendo ora ha bisogno di un profondo consenso sociale. Quando risolviamo i problemi, dobbiamo stare lontano da ogni sorta di polarizzazione e conflitto poiché c’è un forte bisogno di negoziazioni democratiche. Possiamo risolvere i problemi della Turchia – e anche dela regione – attraverso il ‘soft power’, intendo i poteri intellettuali, politici e culturali – non attraverso la violenza fisica.”

Giovedì scorso, il team legale di Ocalan è stato in grado di incontrarlo per la prima volta dal 2011. “L’incontro è durato circa un’ora”, ha dichiarato l’avvocato Rezan Sarica in una conferenza stampa a Istanbul tenutasi oggi.

Visualizza l’immagine su Twitter

Visualizza l'immagine su Twitter

Rudaw English✔@RudawEnglish

Hapening now: Lawyers who visited Abdullah Ocalan read a letter from the PKK leader and three other party prisoners #TwitterKurds #Turkey #Syria914:38 – 6 mag 2019

Ocalan ha anche affrontato la situazione in Siria. “Riteniamo che le crisi siriane – nel loro stato attuale – dovrebbero essere risolte nel quadro delle forze democratiche siriane (SDF) stando alla larga dalla cultura del conflitto nella prospettiva della democrazia locale, garantita attraverso una costituzione siriana alla luce della integrità [territoriale] della Siria”, ha scritto il leader curdo.

“A questo proposito, la sensibilità turca dovrebbe essere presa in considerazione”, ha aggiunto.

Gli attuali leader di HDP, i copresidenti Sezai Temelli e Pervin Buldan, hanno accolto la visita come “un passo legale tardivo e positivo”. 

“Il nostro Paese sta vivendo un periodo molto critico”, hanno detto . “Dobbiamo risolvere i nostri problemi politici e culturali questioni nel quadro del diritto universale e dei diritti umani: questo è il fondamento di questo parlamento e della democrazia politica “. 

Gli avvocati non sono sicuri se questo incontro con Ocalan sia stato un evento eccezionale o un cambiamento nella politica del governo. “Non è ancora chiaro se gli incontri con gli avvocati continueranno periodicamente “, ha aggiunto Rezan Sarica uno dei legali di Ocalan. 

 Mehmet, fratello di Ocalan, è stato ultimo ad averlo visto  il 12 gennaio scorso comunicando che suo fratello era in buona salute.  

Oggi, l’HDP ha invitato la comunità internazionale a premere Ankara per porre fine all’isolamento di Ocalan . 

“Chiediamo alla comunità internazionale di prendere l’iniziativa per superare la situazione aggravante: la fine dell’isolamento imposto ad Ocalan contribuirà alla normalizzazione della Turchia, riavvierà il dialogo democratico e, si spera, riprenderemo il processo di pace”, si legge in un tweet di HDP . 

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-ocalan_evitare_il_conflitto_risolvere_la_situazione_nel_quadro_dellintegrit_territoriale_della_siria_e_delle_sensibilit_della_turchia/82_28306/

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy