di Franco Astengo

Questa è la notizia di oggi 25 maggio 2019.

“Fallimento scoperto via Facebook, negozi chiusi all’improvviso e 1.800 lavoratori sconvolti. La Filcams-Cgil di Reggio Emilia ha fatto sapere che Shernon Holding, la società che gestiva punti vendita di Mercatone Uno, è stata dichiarata fallita.Secondo la ricostruzione data dal sindacato, i lavoratori sono giunti a conoscenza del fallimento attraverso il passaparola sul social network, soltanto nella notte: “Non c’è stata nessuna comunicazione ufficiale da parte dell’azienda”.

Un precedente storico (tra i tanti):

“Nel 1954 l’Edison provvide a un ridimensionamento dello stabilimento “Scarpa e Magnano” di Savona (elettromeccanica: punta di eccellenza tecnologica del tempo, con una classe operaia di alto livello tecnico e politico. I primi due sindaci di Savona dopo la Liberazione erano operai in quell’azienda: Aglietto e Lunardelli).

Furono eseguiti centinaia di licenziamenti, scegliendo con cura i bersagli anche sotto l’aspetto politico sindacale: fu licenziato anche l’ultimo capo reparto eletto con il Consiglio di Gestione, un certo Pasquale Astengo mio zio.

Per evitare reazioni immediate la direzione dell’azienda (non esistevano ancora SMS e social network) comunicò a domicilio il licenziamento agli operai mandando a casa le lettere attraverso un’impresa di vigilanza privata: i vigilantes si presentarono ai domicili dei “prescelti” nel cuore della notte, tra mezzanotte e le due”.

Tutto questo per confermare come i metodi padronali sono sempre eternamente eguali; così come i metodi di fronteggiamento poliziesco delle dimostrazioni sindacali.

In un quadro di precarietà, disuguaglianze, salari al livello della sopravvivenza , percentuale di disoccupazione eternamente a due cifre : nel Paese delle mance (80 euro, reddito di cittadinanza) il tema dello sfruttamento, del disprezzo verso il lavoro è ancora una volta all’ordine del giorno e sembra mancare un’adeguata reazione.

 La forza – lavoro è, infatti, adoperata secondo l’antica logica di quella che Carlo Marx aveva individuato come dell’“esercito di riserva”.

“Germinale” è ancora di straordinaria attualità.

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy