Simone Pillon

JENNIFER GUERRA

Che questi fossero tempi duri per i diritti delle donne non è certamente un mistero. Tra gli attacchi ai diritti riproduttivi e all’autodeterminazione del World Congress of Families, battaglie ideologiche anacronistiche come il ripristino delle diciture padre e madre anziché “genitore 1” e “genitore 2” sui moduli per richiedere la carta d’identità per i minori, e una ministra della Repubblica come Giulia Bongiorno che vuole assicurarsi che le donne che subiscono maltrattamenti non siano “delle isteriche” – tanto per citare i casi più recenti – le donne sono sempre più all’erta e hanno cominciato a manifestare apertamente il loro dissenso. Ma al di là delle dichiarazioni sopra le righe dei personaggi politici o delle provocazioni fini a se stesse, è necessario preoccuparsi soprattutto di quello che concretamente avviene tra i banchi di Montecitorio e Palazzo Madama, dove al momento sono in discussione sette proposte di legge che minano in primis, i diritti delle donne, ma più in generale di tutti i cittadini

Continua…

https://thevision.com/politica/ddl-contro-donne-parlamento/

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy