Maggio 25, 2020

AFV

Libera la tua mente

Si torna ai blocchi: “I Gilet gialli hanno deciso di colpire direttamente l’economia”

Sharing is caring!

“I Gilet gialli hanno deciso di colpire direttamente l’economia.” Questa è la parola d’ordine lanciata al microfono di RT France da Eric Drouet, figura di spicco dei Gilet Gialli, ieri, mentre era in corso un’azione di pedaggio gratuito a Chamant-Senlis (Oise) sull’autostrada A1. L’appuntamento era fissato alle 9, secondo il nostro giornalista presente sul posto. Alle 17:00 l’operazione ha riunito più di 300 persone.

Operazione di pedaggio gratuita: “una svolta nel movimento”

“È un punto di svolta nel movimento […] Fermiamo dimostrazioni e marce a Parigi. I Gilet gialli si concentrano su blocchi e pedaggi gratuiti “, afferma Eric Drouet, che ha dichiarato di aver aderito a un’iniziativa decisa da un mese e mezzo da un altro gruppo di attivisti. “È una conclusione che tutti i Gilet gialli hanno fatto: sono passati sei, sette mesi che camminiamo per la strada, e in nessun momento, un sabato sera, neanche un Gilet giallo è stato ricevuto per i negoziati, il governo non ha fatto alcun annuncio in merito a tutte queste dimostrazioni. È qualcosa che non funziona “, ha aggiunto Drouet.

A livello locale, questa operazione di pedaggio gratuita è stata un successo. Soprattutto perché le autorità hanno avuto tutti i problemi del mondo per mettere fine all’azione dei Gilet gialli.

Cacciato il vice-prefetto 

Michaël Chevrier, vice-prefetto di Clermont, ha raggiunto per la prima volta nel pomeriggio il casello per ciedere ai Gilet gialli di andare via. Dopo questo primo tentativo infruttuoso, ha fatto un secondo tentativo un po’ più tardi.

Fischiato dai manifestanti, il vice-prefetto è stato costretto a battere in ritirata, portato via dai gendarmi e cacciato via accompagnato anche dall’ormai famoso slogan: “E anche se Macron non lo vuole, siamo qui!”

Molti punti di blocco

Questo sarebbe il ritorno della strategia originaria dei Gilet gialli? Presente anche al casello di Chamant-Senlis, Jérôme Rodrigues, un’altra figura dei Gilet Gialli, ricorda che “i pedaggi [gratuiti] non si sono mai fermati dal 17 novembre [segnando l’atto 1 della mobilitazione ]”.

“Chi facciamo piangere? Gli azionisti di Vinci e Vinci?A me va bene. È una buona giornata:”

Rodrigues che ha perso l’uso del proprio occhio durante una delle manifestazioni ha spiegato: “Questo permette ai cittadini di recuperare la libertà e la libertà di circolare in Francia […] Per un viaggio Lille – Parigi, [il costo del pedaggio] è 17 euro per una macchina. Con 17 euro […] è possibile offrire una passeggiata ai bambini o un piccolo gelato. Cosa stiamo ottenendo oggi? Il sorriso dei bambini e il sorriso delle persone che fanno quadrare il bilancio. “

“E chi facciamo piangere? Gli azionisti di Vinci e Vinci? A me va bene. È un buon giorno […] Un presidio sta bloccando il CAC40, non i cittadini. Sta bloccando coloro che accumulano ricchezza sulle nostre spalle, quelli che arricchiscono il signor Macron”, ha aggiunto.

È chiaro che lo slogan che chiedeva “bloccare tutto” il 22 giugno è stato seguito. Molti pedaggi avevano infatti subito lo stesso destino durante questo atto 32, come a Heudebouville (Eure) al chilometro 90 dell’autostrada A13

Stesse immagini al casello di Toulouse Nord (Haute-Garonne) sulla A62, dove i Gilet gialli impedivano ai camion di continuare il loro viaggio

Gilet Gialli presenti anche al casello di Avignon Nord, alcuni con uno stendardo “Stop agli abusi e ai privilegi di tutti gli eletti”.

Il terminal dei traghetti di Saint-Malo bloccato momentaneamente

Al mattino presto, una quarantina di Gilet gialli, avevano fissato un appuntamento all’ingresso del porto di Saint-Malo (Ille-et-Vilaine) per bloccare gli automobilisti che desideravano attraversare il mare. Molti inglesi non sono stati quindi in grado di imbarcarsi e si sono dovuti dirigere verso i porti di Caen-Ouistreham, Roscoff e Cherbourg. Secondo un giornalista presente sul posto, i gendarmi sono arrivati intorno alle 11, 3 ore dopo l’inizio del blocco, per rimuovere i manifestanti.

Saracinesche chiuse per i negozi 

Pedaggi e altre vie di trasporto non sono stati gli unici obiettivi dei manifestanti. A Tolosa, dove un corteo sfilava come ogni sabato, le immagini mostrano che molti esercizi commerciali sono stati presi di mira dai Gilet gialli, costringendoli ad abbassare la saracinesca o a chiudere le porte. Il negozio di abbigliamento economico di Primark, con sede in Irlanda, situato in Remusat Street, è stato bloccato dai manifestanti che hanno cantato “Primark, Macron, la stessa battaglia”. Lanciata anche vernice gialla sulla vetrina

Pochi minuti dopo, è il turno delle Galeries Lafayette, nella strada di Lapeyrousse, a essere il bersaglio dei manifestanti. Il negozio aveva scelto di abbassare le imposte all’arrivo della folla.

A poche centinaia di metri, in rue d’Alsace Lorraine, il negozio H & M conosce lo stesso destino.

Mentre la manifestazione procedeva, tutti i cartelli situati sul passaggio della manifestazione chiudevano uno dopo l’altro le porte: Bouygues Telecom e i negozi degli operatori Orange, Zara, Camaieu, Fnac o McDonald’s.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-video_si_torna_ai_blocchi_i_gilet_gialli_hanno_deciso_di_colpire_direttamente_leconomia/82_29083/