Novembre 29, 2020

AFV

Libera la tua mente

Honduras: 10 anni di golpe e neoliberismo

Sharing is caring!

di Katu Arkonada – teleSUR

Le mobilitazioni popolari si succedono in Honduras. In questi giorni, ci sono 60.000 medici e insegnanti sul sentiero di guerra contro un sistema politico che cerca, attraverso l’imposizione del Fondo Monetario Internazionale, la privatizzazione della salute e dell’istruzione. Le mobilitazioni hanno un tale livello di sostegno popolare che persino la polizia nazionale ha aderito allo sciopero, costringendo il governo di Juan Orlando Hernández (JOH) a schierare le forze armate per reprimere le proteste popolari.

Ma questa storia inizia 10 anni fa, un 28 giugno 2009, quando 200 soldati mascherati entrano di notte e con premeditazione nella residenza presidenziale di Tegucigalpa e prendere in pigiama il presidente Mel Zelaya, dopo una breve permanenza in una base militare, lo deportano in Costa Rica, nonostante il fatto che l’articolo 102 della Costituzione proibisca espressamente che qualsiasi honduregno non possa essere espatriato o consegnato a uno Stato straniero.

L’argomentazione per il colpo di Stato era l’intenzione di Mel Zelaya di collocare un’urna nelle prossime elezioni, promuovendo un referendum che avrebbe portato a riforme costituzionali. Ma era così. La linea di fondo è che Zelaya, un proprietario terriero che aveva vinto le elezioni con il supporto del Partito Liberale, aveva preso una svolta a sinistra dopo aver appreso i disagi del popolo honduregno, impantanato nella povertà e nella violenza, e anche con il permesso del Parlamento, aveva incorporato l’Honduras prima a Petrocaribe e poi nell’ALBA.

Questo fu il primo colpo di Stato contro i governi del ciclo progressista, ed era contro il suo anello più debole, inaugurando un periodo di restaurazione conservatrice in tutta l’America Latina, che fu seguita da colpi di Stato parlamentari in Paraguay contro Fernando Lugo, o in Brasile contro Dilma Rousseff, allo stesso tempo in cui si scatenava il lawfare, la guerra giudiziaria contro leader progressisti come Lula da Silva, Cristina Fernandez de Kirchner o Rafael Correa.

Ma l’Honduras ha vissuto altri due golpe, in questo caso elettorali.

Nel 2013, e con Mel Zelaya di nuovo nel paese ma impossibilitato a candidarsi, Xiomara Castro fu candidata alla presidenza per il Partito Libertà e Rifondazione (Libre). L’inesperienza di Libre e la sua diseguale attuazione territoriale hanno portato a manipolare le elezioni a vantaggio di Juan Orlando Hernández. Un’unica informazione: nello stesso momento in cui è avvenuto il riconteggio, i magistrati del Tribunale Supremo Elettorale si sono incontrati con l’Ambasciatore degli Stati Uniti in Honduras.

Ma è nel 2017, quando il terzo golpe, secondo elettorale, non è più una tragedia, ma una farsa, che porta a compimento quanto iniziato nel 2009.

In un’elezione in cui Libre e il PAC di Salvador Nasralla hanno affrontato la rielezione di JOH, il comunicato del Segretario generale dell’OSA sul risultato delle elezioni, getta più chiarezza di qualsiasi analisi politica che possiamo scrivere: deliberate intrusioni umane nel sistema informatico, eliminazione intenzionale di tracce digitali, impossibilità di conoscere il numero di volte in cui il sistema è stato violato, buste di voti aperte o senza schede, estrema improbabilità statistica rispetto ai livelli di partecipazione all’interno dello stesso dipartimento, e irregolarità aggiuntive, aggiunte alla stretta differenza di voti tra i due candidati più votati, rendono impossibile determinare con la necessaria certezza il vincitore.

3 colpi di Stato in 10 anni, uno militare e due elettorali, è il bilancio di uno dei paesi più poveri e disuguali dell’America Latina, e tutti con un obiettivo molto chiaro, l’imposizione del modello neoliberale attraverso la violenza in un paese chiave , che ha da sempre rappresentato la retroguardia strategica, per le operazioni degli Stati Uniti in America Centrale. L’impunità con cui l’attivista ambientalista Berta Cáceres è stata assassinata in un paese che ha accusato il fratello del presidente JOH di gestire le rotte di cocaina e il traffico verso gli Stati Uniti, è probabilmente la migliore, e allo stesso tempo la più terribile, metafora di come viene utilizzata la dottrina dello shock per disciplinare la popolazione civile.

Una dottrina di shock la cui conseguenza più drammatica sono le carovane di migliaia di persone che sono state sfrattate dalle loro vite a causa della spoliazione sociale neoliberista e lasciano dietro la famiglia e gli oggetti personali per cercare di raggiungere l’american way of life, anche a costo di subire estorsioni, rapimenti o essere uccisi durante il percorso.

Ecco perché i fratelli migranti centroamericani in generale, e in particolare gli honduregni, dovrebbero essere trattati come rifugiati politici di una dittatura, quella del modello neoliberista, e quando i mass media vogliono parlare dei diritti umani o del dramma migratorio in altri paesi più distanti, gli chiediamo di andare in Honduras e ci raccontino non solo ciò che serve come reality show per ottenere più audience, ma le vere cause di questa massiccia migrazione.

E per iniziare a risolvere questa tragedia, facciamo nostro il comunicato di Libre del 20 giugno, firmato da Mel Zelaya lo stesso giorno in cui le forze armate hanno ucciso il tassista Erick Peralta a El Pedregal, e per il quale si dichiarano in lotta permanente contro la dittatura guidata dagli Stati Uniti dal 2009, affermando molto chiaramente: JOH deve andare via ADESSO.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-honduras_10_anni_di_golpe_e_neoliberismo/5694_29138/