Ottobre 26, 2020

AFV

Libera la tua mente

Il Governo Lega/5 Stelle, dopo tanto strepitare, per il secondo anno di fila si è calato le brache davanti all’UE

Sharing is caring!

Alla fine il Governo Lega/5 Stelle, dopo tanto strepitare, per il secondo anno di fila si è calato le brache davanti all’Unione Europea. Uguali al PD, solo con un diverso marketing.

Di fronte alla minaccia di una procedura d’infrazione e di un’estate a rischio attacchi speculativi, il Governo ha fatto una bella manovra correttiva – proprio quella che aveva detto di non voler fare. Ha mandato una letterina dove molto supinamente rassicurava sui conti, dicendo che non avrebbe sforato il deficit imposto, promettendo anche un “aggiustamento strutturale significativo nel 2020”.

Ma da dove vengono i soldi che il Governo ha trovato per evitare la procedura? Questo è moooolto interessante per capire come funzionano.

1,5 miliardi arrivano dai soldi calcolati e non spesi per reddito di cittadinanza e “quota 100”. Direte voi: ma come mai sono avanzati soldi? Bastava così poco per far finire la povertà e mandare i lavoratori in pensione?

No: semplicemente hanno messo dei criteri così restrittivi, paletti e complicazioni burocratiche, che hanno fatto sì che molte persone che pure avevano bisogno non hanno fatto domanda. Ora i soldi che avanzano non vengono redistribuiti nel sociale o impegnati per allargare i criteri l’anno prossimo, ma per pagare gli interessi sul debito (per lo più a banche e fondi finanziari).

Però possono dire di aver fatto delle misure “rivoluzionarie”. Poco importa che nella realtà di questa rivoluzione se ne siano accorti in pochi… E’ il marketing, baby.

Ma non solo: quello che danno con una mano te lo tolgono con l’altra. Perché si parla, nella manovra di ottobre, di tagli a scuola e sanità. Cioè quel poco che qualcuno riceve in contante, poi lo scontiamo tutti sul peggioramento dei servizi.

Infine il Governo ha trovato qualcosa (oltre 3 miliardi) pescando dall’evasione fiscale grazie alla fatturazione elettronica. A dimostrazione che in questo paese c’è una riserva di denaro (circa 130 miliardi l’anno!), che sfugge al pubblico e va a costituire una massa di ricchezza privata.

Ma questi soldi recuperati vengono investiti nel sociale, visto che sono frutto del lavoro? No: vengono usati ancora per pagare il debito.

Nel frattempo il Governo vota, insieme ai paesi più di destra del continente, come presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, una cattivissima tedesca pro-austerity, che tanto piace alle élite…

Insomma, strepita ma ha paura dei forti, si sfoga sui deboli, si barcamena per conservare alla piccola borghesia quel poco che ha, senza alcun disegno di futuro per il paese.

Pagina FB Potere al popolo