Attacchi jihadisti in Siria riconquistano località liberata dai governativi, possibile complicità dei servizi segreti turchi

TOPSHOT - A Turkish-backed Syrian rebel fighters hold Turkish national flag (R) and Free Syrian Army flags (L) at a checkpoint in the Syrian town of Azaz on a road leading to Afrin, on February 1, 2018. Clashes raged between Turkish-backed forces and Kurdish militia in Syria's Afrin region on January 31, 2018, as wounded civilians fled intense Turkish air strikes. Turkey and allied Syrian rebels have pressed on with Operation Olive Branch in the Kurdish-controlled Afrin enclave despite mounting international concern and reports of rising civilian casualties. / AFP PHOTO / OZAN KOSE

L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *