Maggio 28, 2020

AFV

Libera la tua mente

Manifestazione di massa a Hong Kong per chiedere pace e mostrare supporto alla Cina

Sharing is caring!

di Fabrizio Verde

Hong Kong è scossa dopo settimane di proteste violente antigovernative che si sono trasformate in rivolte. Il tentativo di rivoluzione colorata per riportare la città sotto il controllo coloniale è palese. 

Oggi però la maggioranza silenziosa ha parlato e il messaggio è chiaro: Hong Kong ne ha avuto abbastanza. Circa 476.000 residenti di Hong Kong hanno partecipato a Safeguard Hong Kong, un’assemblea tenutasi a Tamar Park nonostante la pioggia, per chiedere la fine della violenza e del caos. 

Negli ultimi due mesi, la città è scivolata in un abisso e i residenti locali sono indignati dai recenti attacchi illegali e assalti alla gente comune all’aeroporto di Hong Kong. L’assemblea ha anche chiesto la fine delle dimostrazioni illegali di manifestanti, la profanazione della bandiera, dell’emblema nazionale cinese e il vandalismo delle stazioni di polizia e delle strutture pubbliche, come scrive il quotidiano Global Times il cui giornalista Fu Guohao è stato vittima diretta di una brutale aggressione nell’aeroporto della città mentre seguiva le proteste dei rivoltosi.

I partecipanti alla manifestazioni hanno portato cartelli in piazza con messaggi chiari come «salvaguarda Hong Kong», «supporto alla polizia», e «sosteniamo il governo della Regione amministrativa speciale di Hong Kong. Sosteniamo Carrie Lam Cheng Yuet-ngor e sosteniamo la polizia di Hong Kong». 

«Rispetto alla precedente assemblea, vediamo più persone che si uniscono a noi e il nostro obiettivo è diventato più chiaro: anti-violenza, salva Hong Kong, ama la Cina, ama Hong Kong», ha dichiarato al Global Times un residente locale di nome Michael che ha partecipato all’evento.

Una madre che vive a Kowloon ha dichiarato di aver portato sua figlia in assemblea per dimostrare il loro sostegno alla polizia di Hong Kong. «Vogliamo una vita pacifica. Alcuni insegnanti svolgono ruoli molto negativi, insegnando agli studenti in modo sbagliato», ha affermato al Global Times, dicendo che questo è il motivo per cui i giovani Hong Kong non si identificano come cinesi e protestano in modo così violento.

Anche alcuni noti rappresentanti delle imprese sono giunti a sostenere l’evento, poiché le violente proteste hanno danneggiato lo slancio della crescita economica locale.

Peter Woo Kwong-ching, magnate miliardario di Hong Kong, ha affermato che «la violenza è nemica della libertà».

«Un uomo sulla settantina è stato vittima di bullismo da manifestanti vestiti di nero all’aeroporto, il che mi sorprende molto», ha detto l’uomo d’affari di 72 anni a un gruppo di giornalisti. «La violenza è spaventosa. Se la gente tace, inevitabilmente ci sarà più violenza. Questo è il motivo per cui siamo qui per esprimere la nostra opposizione alla violenza».

Stanley Ng Chau-pei, presidente della Federazione dei sindacati di Hong Kong e deputato di Hong Kong al Congresso Nazionale del Popolo, ha affermato che Hong Kong è entrata in un periodo critico dopo le proteste violente.

«Molti cittadini sono consapevoli della crisi, ecco perché il numero di persone che hanno partecipato alla manifestazione ha superato i precedenti», ha affermato Ng. «Il terrorismo è emerso nelle proteste, che non hanno motivo di continuare ad esistere».

Al termine dell’assemblea, molti partecipanti hanno scattato foto con agenti di polizia in servizio incoraggiandoli a continuare il loro lavoro. 

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-manifestazione_di_massa_a_hong_kong_per_chiedere_pace_e_mostrare_supporto_alla_cina/82_30118/