Maggio 28, 2020

AFV

Libera la tua mente

Abbandonare il mercato cinese sarà un suicidio per le aziende statunitensi

Sharing is caring!

di Hu Weijia – Global TimesUSA

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ordinato alle società statunitensi di “iniziare immediatamente a cercare un’alternativa alla Cina”. Se le aziende statunitensi obbediscono al suo dettato, tali azioni avranno gravi conseguenze.

La Cina è ora il più grande mercato per alcune imprese con sede negli Stati Uniti, come la casa automobilistica statunitense General Motors (GM). Le vendite in Cina della casa automobilistica sono state di 3,65 milioni di auto nel 2018, superando le sue vendite totali nel mercato statunitense, dove GM ha consegnato quasi 3 milioni di veicoli. Alcune statistiche hanno dimostrato che il mercato automobilistico cinese è persino più grande di quello degli Stati Uniti e del Giappone messi insieme. GM deve già fronteggiare vendite deboli negli Stati Uniti. La casa automobilistica subirà un duro colpo se perderà il mercato cinese.

GM è un grande attore nel settore automobilistico statunitense, una componente importante dell’economia statunitense che è particolarmente rilevante in alcuni stati del Midwest e del Sud.

Secondo statista.com, i concessionari di autoveicoli e ricambi negli Stati Uniti avevano circa 2 milioni di dipendenti a partire da marzo 2019. Se i profitti di GM calano o perdono denaro, l’intera industria automobilistica americana ne risentirà, la catena di fornitura automobilistica del paese si ridurrà e ne conseguirà una disoccupazione di massa.

In Cina, l’industria automobilistica è un mercato completamente competitivo.Se GM si ritira dalla Cina, marche e case automobilistiche nostrane provenienti da paesi al di fuori degli Stati Uniti colmeranno il divario nelle vendite di auto. Finché la Cina avrà il più grande mercato automobilistico del mondo, non vi sarà carenza di investimenti relativi all’auto. La Cina ha l’iniziativa in questo gioco.

Non ci sono molte possibilità che GM obbedisca alla sortita di Trump. La casa automobilistica ha bisogno che le sue fabbriche siano vicine ai suoi clienti per sopravvivere in un mercato fortemente competitivo.

Per mantenere il suo punto d’appoggio in Cina, GM deve continuare a produrre in Cina, nonostante l’ordine di Trump.

Se Trump fa pressioni sulle società statunitensi affinché si schierino tra gli Stati Uniti e la Cina, molte di loro probabilmente sceglieranno quest’ultima. I gruppi imprenditoriali statunitensi hanno già espresso la loro feroce opposizione alla politica commerciale di Trump.

“Non vogliamo vedere un ulteriore deterioramento delle relazioni tra Cina e Stati Uniti”, ha affermato Myron Brilliant, vicepresidente esecutivo e capo degli affari internazionali presso la Camera di Commercio degli Stati Uniti.

Le società statunitensi possono investire e operare nel mercato cinese, ma se alcune compagnie statunitensi vogliono obbedire all’ordine di Trump e unirsi alla guerra commerciale di Washington, il risultato è cupo. La decisione di rinunciare al mercato cinese è solo un suicidio.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-abbandonare_il_mercato_cinese_sar_un_suicidio_per_le_aziende_statunitensi/82_30267/