Ottobre 20, 2020

AFV

Libera la tua mente

I talebani avvertono: La guerra che ci viene imposta dagli Stati Uniti, possiamo combatterla per 100 anni

Sharing is caring!

I colloqui con i talebani per porre fine alla più lunga delle guerre americane sono stati accantonati dagli Stati Uniti la scorsa settimana. Il movimento militante afgano è pronto a combattere altri cento anni, ha avvertito il suo capo negoziatore. I negoziati di pace tra Stati Uniti e talebani sono stati sospesi dal presidente Donald Trump giorni prima della prevista firma di un accordo formale. La bozza è stata persino siglata da entrambe le parti e dal Qatar, che ha mediato nei colloqui, ha rivelato a RT Sher Mohammad Abbas Stanikzai, che era a capo della delegazione dei talebani. Per quanto riguarda i talebani, la decisione degli Stati Uniti può essere facilmente annullata e l’accordo può entrare in vigore come concordato, ha affermato. “Siamo ancora impegnati nei negoziati. La nostra posizione è che non esiste soluzione al conflitto se non i negoziati e la pace sul tavolo. Speriamo che il signor Trump ripensi al suo annuncio e torni dove eravamo”, ha spiegato il rappresentante dei talebani. Trump ha citato un attacco dei talebani, che ha ucciso un soldato americano di stanza in Afghanistan, come motivo della cancellazione a sorpresa dei colloqui. I miliziani affermano che i loro attacchi erano ben giustificati dagli attacchi contro di loro da parte degli Stati Uniti e delle forze di sicurezza afgane. “La guerra ci è stata imposta. Sono i soldati americani che sono in Afghanistan. Non i nostri mujahedeen a Washington “, ha spiegato Stanikzai. Ha aggiunto che la giustificazione di Trump per l’interruzione dei colloqui si è scontrata con le dichiarazioni del segretario di Stato Mike Pompeo, che è apparso in TV il giorno seguente e ha affermato che gli Stati Uniti hanno ucciso “oltre 1.000 talebani” nei dieci giorni precedenti, mentre i negoziati erano in corso. “Il Sig. Pompeo ha ammesso di aver ucciso un migliaio di talebani “, ha sottolineato Stanikzai. “Se riescono a uccidere un migliaio di noi, perché non possiamo ucciderne uno o due? Questo è nel nostro diritto, dobbiamo difenderci e difendere il nostro popolo”. Il rappresentante talebano ha affermato che l’amministrazione Trump non si è rivelata diversa da quella di Barack Obama, che ha anche tenuto colloqui di pace con i miliziani afgani prima di terminarli all’ultimo momento. Ha messo in dubbio l’impegno di Washington a risolvere la situazione e porre fine a quella che oggi è una guerra anti-insurrezione di 19 anni che apparentemente gli Stati Uniti non possono vincere con la forza militare. “Se la parte americana non è disposta a negoziare e non vuole la pace sul tavolo, saremo costretti a difenderci”. Ed ha avvertito: “Possiamo farlo per cento anni.” Stanikzai ha ribadito che solo dopo la firma di un accordo formale e il ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan i talebani sarebbero in grado di risolvere le sue differenze con altre forze politiche in Afghanistan, incluso il governo appoggiato dagli USA a Kabul. “Abbiamo bisogno di una cosa pratica. Quando sarà firmato, ci sarà [a] un cessate il fuoco tra noi e le forze americane. Daremo un passaggio sicuro alle forze americane”, ha rasicurato. “Quando escono, possono iniziare i colloqui tra afghani e discutere di un cessate il fuoco globale e di altre questioni interne”.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-i_talebani_avvertono_la_guerra_che_ci_viene_imposta_dagli_stati_uniti_possiamo_combatterla_per_100_anni/82_30615/