Maggio 28, 2020

AFV

Libera la tua mente

L’istruzione di massa sostiene la crescita della Cina. La privatizzazione dell’istruzione è alla base del declino USA

Sharing is caring!

di Pasquale Cicalese

Sulla guerra commerciale ieri sono usciti i dati import – export cinese. Ebbene l’export verso gli Usa è calato del 16% mentre l’import del 22%. Ancor più interessante il dato generale dell’export verso il resto del mondo è calato solo dell’1%. Quindi significa che nel resto del mondo aumenta o è stabile. Questo è dovuto al salto tecnologico degli ultimi 11 anni. In termini marxiani si è passati dal plusvalore assoluto al plusvalore relativo, con un forte apporto dell’istruzione e il conseguente salto tecnologico.

Quando Trump intima ad Apple di spostare la produzione dalla Cina agli Usa, se vuole sviare i futuri dazi. Trump mostra, e con lui tutta la dirigenza statunitense, di non aver capito che Apple, così come molte multinazionali nordamericane, in Cina vanno e restano non più per il basso costo ma perché c’è una forza lavoro qualificata grazie all’istruzione di massa. Dove hanno lavorato gli americani negli ultimi trent’anni? Da macy’ s, da Wal Mart, da Burger King. I cosiddetti mc Jobs. Mettici pure che negli ultimi 40 anni l’istruzione è stata distrutta e il quadro è chiaro.

I dirigenti americani ancora non capiscono che la privatizzazione dell’istruzione è alla base del loro declino. Proprio non ci arrivano.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-listruzione_di_massa_sostiene_la_crescita_della_cina_la_privatizzazione_dellistruzione__alla_base_del_declino_usa/29785_30518/