Maggio 28, 2020

AFV

Libera la tua mente

LULA È STATO LIBERATO

Sharing is caring!


LULA LIBERO

Francesco Cecchini

Gli avvocati che difendono Luiz Inácio Lula da Silva, hanno annunciato che richiederanno il rilascio immediato dell’ex presidente del Brasile, detenuto dall’aprile dello scorso anno nella città di Curitiba. A seguito della decisione Supremo Tribunal Federal (STF,) il più alto tribunale del paese, che ha dichiarato incostituzionale detenzione di condannati in seconda istanza senza completare la possibilità di presentare ricorso dinanzi alla Giustizia. Gli avvocati Cristiano Zanin Martins e Valeska Martins hanno informato che faranno la richiesta alla giudice Carolina Lebbos, che è in carico della detenzione di Lula.
Gli avvocati, inoltre, hanno ribadito richiesta al Supremo Tribunal Federal (STF) di prendere in considerazione gli habeas corpus presentati che comportano la nullità del processo. Il fatto che gli habeas corpus non sia stati considerati provano che l’ex giudice Sergio Moro, attuale ministro della giustizia brasiliano, non è stato parziale nel processo contro l’ex presidente, né il pubblico ministero che lo ha accusato. La decisione del Supremo Tribunal Federal (STF) prova che l’ex presidente Lula è stato imprigionato 579 giorni ingiustamente e in modo incompatibile con la legge e la Costituzione. Lula non ha commesso alcun crimine di corruzione e riciclaggio di denaroed è vittima di una legge, l’uso del lawfare per persecuzione politica. La presidentessa del Partido de los Trabajadores (PT), Glesi HoHoffman ha detto che si termina così la crudeltà contro Lula. “Questa crudeltà contro Lula finisce qui, ma continueremo a lottare per la complta giustizia, che arriverà solo quando la sentenza illegale di Sergio Moro verrà annullata. Lula merita giustizia “.
Il giudice brasiliano Danilo Pereira Jr, del tribunale penale federale di Curitiba, ha accolto la richiesta della difesa dellex presidente Luiza Inacio Lula da Silva per la sua scarcerazione e lo ha autorizzato a lasciare la prigione di Curitiba, dove sta scontando la sua pena dallaprile del 2018