Ottobre 28, 2020

AFV

Libera la tua mente

Come la battaglia di Seattle ha reso vera la verità sulla globalizzazione

La polizia lancia gas lacrimogeno durante le manifestazioni contro l’Organizzazione mondiale per il commercio (WTO), Seattle, 30 novembre 1999 (AP Photo/Eric Draper, File)

Sharing is caring!


di Walden Bello

La battaglia di Seattle alla fine di novembre 1999 è, per me, memorabile per molte ragioni.
Prima di tutto, ricordo ancora di essere stato picchiato da una poliziotta quando ho cercato di impedire ai suoi commilitoni di trascinare l’irrefrenabile Medea Benjamin, allora direttore del Global Exchange, fuori da un sit-in all’ingresso del Seattle Convention Center. Sono stato fortunato a scampare gravi lesioni.
Ma per me la principale lezione di Seattle è stata che bisogna agire per rendere vera la verità.
Nel decennio precedente a Seattle, ci furono molti studi, inclusi i rapporti delle Nazioni Unite, che misero in dubbio l’affermazione secondo cui la globalizzazione e le politiche del libero mercato stavano portando a una crescita e una prosperità sostenute. Invece, i dati hanno mostrato che la globalizzazione e le politiche a favore del mercato stavano promuovendo più disuguaglianza e più povertà e consolidando la stagnazione economica, specialmente nel Sud del mondo.
Tuttavia, queste cifre sono rimaste “factoidi” piuttosto che “fatti” agli occhi di accademici, stampa e politici, che diligentemente ripetevano il mantra neoliberista secondo cui la liberalizzazione economica ha promosso la crescita e la prosperità. La visione ortodossa, ripetuta fino alla nausea nelle aule scoastiche, nei media e nei circoli politici, era che i critici della globalizzazione come me fossero Ludditi – versioni moderne delle persone che hanno distrutto le macchine all’avvento della rivoluzione industriale.
Poi abbiamo avuto Seattle.
Non è crollato solo un ministerio dell’Organizzazione mondiale del commercio, ma anche un credo che era stato ampiamente ritenuto vero. Dopo Seattle, la stampa ha iniziato a parlare del “lato oscuro della globalizzazione” – delle disuguaglianze e della povertà create dalla globalizzazione.
Successivamente, abbiamo avuto le spettacolari defezioni del campo globalista, come il finanziere George Soros, il premio Nobel Joseph Stiglitz e “Dr. Shock Therapy “stesso, l’economista Jeffrey Sachs.
Poi sono arrivate le scoperte ampiamente pubblicizzate di due studi indipendenti – uno del professor Robin Broad della American University in Review of International Political Economy e l’altro di un gruppo di economisti neoclassici guidati da Angus Deaton di Princeton e dall’ex capo economista del FMI Ken Rogoff – che dimostrano che il dipartimento di ricerca della Banca mondiale, la fonte della maggior parte delle affermazioni secondo cui la globalizzazione e la liberalizzazione degli scambi stava portando a tassi più bassi di povertà e disuguaglianza, aveva deliberatamente distorto i suoi dati e avanzato dichiarazioni ingiustificate.
Molto prima che scoppiasse la crisi finanziaria nel 2008, la credibilità del neoliberismo e la promessa della globalizzazione erano state gravemente erose. Cosa ha fatto la differenza? Non molto la ricerca o il dibattito, ma l’azione.
C’è voluta la mobilitazione militante di masse di persone e lo spettacolare crollo di un ministeriale dell’OMC per tradurre i fattoidi in fatti – in verità. Ciò che si rivelò decisivo fu la congiunzione delle massicce proteste con il rifiuto dei delegati dei paesi in via di sviluppo allo Sheraton Convention Center di accettare qualsiasi maggiore liberalizzazione forzata delle loro economie.
La verità non è solo “lì”. La verità è completata, resa reale e ratificata dall’azione.


Odio dover far apparire il nome di Magellano, ma mi permetto in questo caso. Come la circumnavigazione della terra da parte di Magellano in relazione alla teoria della terra come sfera, Seattle è stata un evento storico-mondiale che ha reso vera la verità – e consegnata alla pattumiera della storia terrapiattisti come Thomas Friedman e un’intera generazione di economisti neoliberisti e responsabili politici.
Certo, il neoliberismo continua ad essere la preferenza di scelta delle elite politiche e dell’economia, ma è perché gli economisti e i tecnocrati non sanno nient’altro. Le loro carriere hanno investito su di esso. Per dirla con Yeats, sono senza convinzione, ma sono pericolosi. Il neoliberismo è come il macchinista che è stato colpito a morte dai fuorilegge ma la sua mano morta rimane sull’acceleratore del treno, accelerandolo verso la distruzione.

Maurizio Acerbo