Ottobre 31, 2020

AFV

Libera la tua mente

BBC ammette: economia venezuelana in crescita ma nega i meriti della politica socialista

Sharing is caring!

La BBC, dati alla mano, si accorge della ripresa della economia venezuelana ma per giustificarne i motivi intervista economisti ed imprenditori della destra da 20 anni all’opposizione che non ammettono la sconfitta, occultano i meriti delle politiche sociali e ne attribuiscono il merito ad un “Maduro che sarebbe diventato liberale”.

Su 203 righe dell’articolo, scritto da un giornalista che ha nel suo curriculum decine di articoli contro il governo Maduro, solo 2 volte vengono nominate le “sanzioni statunitensi” ma mai gli si attribuiscono le colpe della crisi, iniziata invece, esattamente dopo l’attacco statunitense alla economia del paese, il sequestro di 50.000 milioni di dollari venezuelani ed il blocco dei bonifici internazionali in entrata ed in uscita sui conti correnti.

Un lungo articolo che, di fronte ai successi di Maduro in campo politico ed economico e al fallimento dei golpisti legati a Guaidó, occulta i piani sociali gratuiti, il blocco dei prezzi delle bollette e della benzina , l’assenza di licenziamenti, le pensioni a 55 anni per le donne e a 60 per gli uomini e invece favoleggia sui meriti di una inventata liberalizzazione della economia.

Di seguito l’articolo:

“In cima alla montagna dell’ Avila, punto di riferimento della capitale venezuelana, un gruppo di fortunati ricchi si è goduto un drink e musica reggaeton durante una festa presso l’iconico Humboldt Hotel il 14 dicembre.

Quelli che vivono sotto, nella parte cittadina di Caracas, hanno visto solo i grandi raggi di luce verde che uscivano dai riflettori in cima alla montagna. Luci che rappresentavano ancora più ostentazione, poiché la capitale è abituata a frequenti blackout (fake news! N.d.r.).

L’evento di Humboldt è l’ultimo esempio di un fenomeno recente, l’apparente ritorno dell’attività economica e dei consumi nella capitale venezuelana.

Gli ingorghi di traffico ed i clienti sono tornati nei ristoranti; praticamente ogni giorno appare un nuovo bodegón, così come i negozi importati che vendono prodotti in dollari come cioccolatini e liquori.

La maggiore circolazione della valuta americana, un processo chiamato dollarizzazione, coincide con un inaspettato senso di bonanza che ha anche acceso nuove luci di Natale, poste dalle autorità, lungo il corso di Guaire, un fiume pieno di liquami che attraversa la capitale.

Dopo anni di crisi economica che ha costretto oltre 4 milioni di persone a uscire dal Paese (fake news! N.d.r.), alcuni si chiedono in Venezuela: il dollaro sta aiutando il paese a uscire dalla crisi?

Possibile ripresa dell’economia?

Nelle ultime settimane, per la prima volta da molto tempo, alcuni indicatori sono stati favorevoli.

La produzione di petrolio è in rialzo di tre mesi, che Francisco Monaldi, esperto di politica energetica del Baker Institute, attribuisce a “un allentamento delle sanzioni statunitensi contro la compagnia petrolifera statale venezuelana (PDVSA)”, (fake news! N.d.r.).

È stata inoltre identificata una discesa dell’iperinflazione.

Asdrúbal Olíveros, esperto della società di consulenza ecoanalitica, ritiene che “entro il 2020, il Venezuela probabilmente abbandonerà l’iperinflazione, ma rimarrà la più alta economia di inflazione del mondo”.

L’Assemblea Nazionale ha stimato un’inflazione del 13,475% lo scorso novembre, al di sotto del 130.000% ammesso dalla Banca centrale del Venezuela nel 2018 e lontano dal 1.000.000% stimato dal Fondo monetario internazionale (FMI), (dati manipolati perché basati sul valore del cambio in nero illegale di DolarToday, n.d.r.).

In una recente dichiarazione, Fedecámaras, la principale associazione imprenditoriale del paese, ha dichiarato di aspettarsi entro il 2020 “una ripresa dell’economia influenzata dalle forze di mercato”.

I segnali degli indicatori economici migliorati arrivano dopo che il governo ha cambiato elementi chiave nella sua rigida politica economica statale.

Tra le altre modifiche vi è la revoca del controllo sui cambi. Anche il controllo dei prezzi ha cessato di essere applicato, poiché in passato ha comportato multe e chiusure di società che non rispettavano il programma tariffario stabilito dalle autorità.

Tamara Herrera, direttrice della consulenza Síntesis Financiera, sottolinea tuttavia che “non vi è stato alcun cambiamento nell’orientamento delle politiche pubbliche per convinzione, ma per necessità imposto dalle sanzioni”.

Nei circoli dei sostenitori dell’opposizione, la gente parla sarcasticamente di un nuovo “Maduro liberale”.

“Non abbiamo potuto cambiare governo, ma siamo riusciti a far cambiare atteggiamento al governo”, ha detto alla BBC News Mundo un avvocato del mondo delle corporazioni collegato anche ai leader dell’opposizione.

Ma quanto è reale la ‘ripresa’?

Nonostante dati a breve termine apparentemente positivi, influenzati da fattori circostanziali, gli esperti non vedono alcun motivo di ottimismo.

L’anno che si chiude, il 2019, sarà il settimo calo consecutivo del prodotto interno lordo (PIL) del Venezuela.

Da quando Nicolás Maduro è succeduto al defunto Hugo Chavez come presidente nel 2013, la ricchezza nazionale è stata distrutta a un ritmo così rapido che Alejandro Werner, direttore dell’emisfero occidentale dell’FMI, è arrivato a dire che la recessione economica venezuelana è stata la più alta del mondo negli ultimi 50 anni in un paese non colpito da guerre o calamità naturali (per Werner il blocco dei conti correnti venezuelani e l’impossibilità di eseguire e ricevere bonifici, oltre al sequestro di 50.000 milioni di dollari venezuelani tra beni mobili ed immobili all’estero non contano, n.d.r.).
Il governo Maduro, a sua volta, attribuisce questo quadro alle sanzioni statunitensi.

Herrera ritiene che il senso di prosperità vissuto oggi a Caracas “non abbia ancora un significato macroeconomico”. Inoltre non è convinta che lo avrà a medio termine.

“Ora siamo sotto l’effetto del pagamento anticipato di alcuni titoli da parte del governo, qualcosa che potrebbe essere esteso a seconda del calendario elettorale. Ma quanto può durare?”

Ritiene che la nuova politica del governo sia di “permissività” ma non di “vera liberazione” poiché “non è stata accompagnata da una riforma del quadro giuridico”.

E l’espansione delle attività di importazione, favorita dalla sospensione tariffaria approvata dal governo, potrebbe in realtà essere un sintomo di ciò che molti economisti considerano dannoso per la salute dell’economia nel lungo periodo.

“In Venezuela, tutta la capacità produttiva a prezzi competitivi è stata persa per le aziende private a causa della mancanza della flessibilità sul lavoro, dell’inflazione e della spesa fiscale. Oggi più che produrre, per il settore privato conviene importare”, afferma la imprenditrice Herrera.

Ciò spiega anche la proliferazione di stabilimenti che vendono articoli ad alto margine di guadagno acquistati a Miami o altrove in Florida.

“L’aggressiva politica monetaria del governo, che ha ridotto i bolivar circolanti, ha anche artificialmente svalutato il dollaro. Ciò rende più vantaggioso l’importazione”, afferma l’esperto.

La valuta americana ha acquisito maggiore importanza nell’economia venezuelana. Dopo anni di divieto del dollaro, il governo ora lo tollera e Maduro ne ha recentemente sostenuto l’uso.

Secondo un rapporto ecoanalitico, la valuta americana rappresenta già oltre il 53% delle transazioni nel paese.

Ma ciò non significa che sia alla portata della maggioranza. Herrera stima che “solo il 35 o il 40% della popolazione ha accesso a questa valuta”.

Pertanto, la vita diventa ancora più difficile per coloro che hanno solo bolivar nei loro portafogli in un’economia in dollari, come dipendenti pubblici sottopagati e lavoratori informali con un potere d’acquisto molto basso.

Luis Vicente León, della società di consulenza Datanalisis, ha affermato che il processo in corso “consolida una dualizzazione economica, suddivisa in un segmento di minoranza in dollari, alimentato da rimesse, fondi esteri, esportazioni, contrabbando, operazioni d’oro e illegali e un altro segmento di maggioranza primitivo e impoverito che dipendente dai sussidi statali”.

Questa segregazione della popolazione separata per valuta ricorda ciò che è accaduto a Cuba con l’introduzione del Peso convertibile cubano, di pari valore per il dollaro. Questo è stato un uso diffuso tra i turisti che visitano l’isola e ha beneficiato i cubani che lavorano nel settore turistico, che sono generalmente in una posizione più comoda rispetto ai loro compatrioti che ricevono il loro reddito nel peso tradizionale.

Un altro fattore differenziale nel caso venezuelano è il luogo del paese in cui si vive.

Mentre a Caracas fasci di luce verde illuminano il fetido Guaire, altre parti del paese continuano a subire continue interruzioni di corrente.

L’economia si riprenderà nel 2020?

Asdrúbal Oliveros di Ecoanalítica prevede che il 2020 sarà un altro anno di recessione.

Secondo l’FMI, l’economia venezuelana si contrarrà del 10% entro il 2020, il calo maggiore tra tutti i paesi per i quali l’istituzione fa proiezioni.

Per quanto riguarda la febbre del bodegone, Herrera ritiene che il futuro immediato sarà più difficile per loro.

“C’è competizione perché ce ne sono sempre di più. Dovranno abbassare i loro prezzi e quindi i loro margini di profitto”.

Secondo l’economista, per parlare di una vera ripresa, “il consumo, gli investimenti e la produzione devono essere recuperati”.

Cose che per ora non sembrano essere in vista in Venezuela.”

Rete solidarietà rivoluzione bolivariana

https://www.bbc.com/portuguese/internacional-50928634