Settembre 22, 2020

AFV

Libera la tua mente

Yankee Go Home, parlamento iracheno approva risoluzione per espulsione truppe straniere

Sharing is caring!

Il parlamento iracheno ha approvato una risoluzione per chiedere la cessazione di tutta la presenza di truppe straniere nel paese, ha riferito l’emittente Sky News Arabia.

Durante una sessione straordinaria convocata domenica, l’organo legislativo ha anche votato per porre fine all’accordo con la coalizione guidata dagli Stati Uniti che combatte Daesh.

“Il governo si impegna a revocare la sua richiesta di assistenza da parte della coalizione internazionale che combatte lo Stato islamico a causa della fine delle operazioni militari in Iraq e del raggiungimento della vittoria”, si legge nella risoluzione. “Il governo iracheno deve lavorare per porre fine alla presenza di truppe straniere sul suolo iracheno e vietare loro di usare la sua terra, lo spazio aereo o l’acqua per qualsiasi motivo”.

Il primo ministro iracheno Adil Abdul Mahdi in precedenza aveva chiesto al parlamento di ordinare il ritiro delle truppe straniere dal paese, ha riferito l’emittente Sky News Arabia, mentre il parlamento iracheno ha iniziato la sua sessione straordinaria.

Il Primo Ministro ha dichiarato che sia l’Iraq che gli Stati Uniti sono interessati a porre fine alla presenza di truppe straniere nel paese.

Il capo del governo iracheno ritiene che il ritiro delle truppe straniere sarebbe vantaggioso per il paese. Ha inoltre ricordato che le relazioni USA-Iraq non hanno sofferto nonostante l’assenza di truppe straniere nel paese nel periodo 2011-2014.

“Nonostante le difficoltà interne ed esterne che potremmo affrontare, in linea di principio e praticamente rimane meglio per l’Iraq”, ha detto Abdul Mahdi al parlamento in un discorso.

Ha aggiunto che ci sono due opzioni disponibili per quanto riguarda il ritiro delle truppe della coalizione a guida statunitense. Il primo vedrebbe il loro ritiro immediato e completo, il secondo ordinerebbe al personale militare straniero di andarsene gradualmente.

“Come primo ministro e comandante senior, raccomando la prima opzione. Nonostante le difficoltà interne ed esterne che potremmo incontrare, questa opzione è fondamentalmente migliore per l’Iraq … Aiuterà a riorganizzare le relazioni con gli Stati Uniti e le altre nazioni, mantenere relazioni cordiali sulla base del rispetto della sovranità territoriale e non consentire interferenze interne affari ”, ha osservato Mahdi.

Traduzione da al masdarnews