Agosto 12, 2020

AFV

Libera la tua mente

Rullo dei tamburi di guerra: la vendetta imperialista si rivolge contro Teheran

Sharing is caring!

Riceviamo e pubblichiamo

di Maddalena Celano, responsabile esteri di Convergenza Socialista  

I tamburi di guerra perdono forza. Il terrorismo economico contro i paesi non allineati si intensifica. La scorsa settimana gli Stati Uniti hanno completato un nuovo round di sanzioni contro l’Iran. È la risposta di Washington all’attacco iraniano contro due basi militari USA in Iraq, avvenuto lo scorso mercoledì. Attacco che è, a sua volta, la risposta di Teheran all’omicidio avvenuto a Baghdad, del suo generale Qasem Soleimani, questo 3 gennaio 2020. Donald Trump ha riproposto ulteriori e dure sanzioni unilaterali, approvate dal suo Segretario di Stato e del Tesoro, Mike Pompeo e Steven Mnuchin. 

La Casa Bianca ha raddoppiato il suo impegno per soffocare l’economia iraniana e imporrà sanzioni contro l’industria metallurgica, mineraria e tessile del paese, nonché contro diversi funzionari di Teheran che gli Stati Uniti considerano responsabili dell’attentato. Rimarranno “fino a quando l’Iran non fermerà le sue attività terroristiche e si impegnerà a non avere i armi nucleari”, ha detto Mnuchin. Colpiranno anche qualsiasi entità individuale o internazionale che intrattiene relazioni commerciali con questi settori dell’economia iraniana. L’obiettivo “è negare al regime le risorse per attuare la sua politica internazionale distruttiva”, ha spiegato Pompeo, proprio come Trump ha fatto mercoledì nel suo messaggio televisivo alla nazione, dove ha nuovamente accusato Barack Obama di facilitare l’accesso all’Iran ai fondi; grazie all’accordo nucleare firmato nel 2015. “Le entrate [del regime di Teheran] sono state ridotte dell’80% grazie alla nostra amministrazione”, ha presunto. Inoltre, il segretario di Stato ha negato che l’Iran avesse eseguito un attacco calcolato con l’obiettivo di evitare  vittime. “Avevano intenzione di uccidere”, afferma. La controversia persegue, tuttavia, la Casa Bianca e lo stesso Segretario di Stato incapaci di provare il presunto attacco organizzato da Qasem Soleimani che giustificherebbe la sua morte. Durante un’intervista su Fox News, Pompeo ribadisce che c’era una “minaccia imminente”, ma, allo stesso tempo, ammette: “Non sappiamo esattamente quando e dove“. In una conferenza stampa, e alle insistenti domande dei giornalisti, Pompeo ribadisce che “un grande e ampio attacco era in preparazione contro le installazioni statunitensi, comprese le ambasciate”.

In Iraq, l’ufficio del Primo Ministro iracheno, Abdel Abdul Mahdi, ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma di aver chiesto a Washington di lasciare il paese, in conformità con quanto votato dal Parlamento di Baghdad lo scorso fine settimana. Il Dipartimento di Stato ne ha pubblicato un altro in cui nega la possibilità di lasciare l’Iraq. Pompeo ha sostenuto che l’affermazione di Baghdad “non caratterizza correttamente il contenuto della conversazione”. Ha ammesso, tuttavia, di voler sostenere la NATO e di “condividere gli oneri nella regione”. 

Teheran apre un’indagine internazionale sull’incidente del Boeing ucraino

L’Iran, la scorsa settimana, ha aperto  le porte a un’indagine internazionale per rispondere alle accuse del Canada e degli Stati Uniti sulla demolizione dell’aereo ucraino, a causa dell’impatto di un missile della sua difesa antiaerea, lanciato “per errore”. Sebbene inizialmente si sia rifiutato di farlo, ha anche invitato Boeing, il produttore americano del dispositivo distrutto, a partecipare alle indagini. Cinquanta esperti ucraini lavorano sul campo da giovedì e collaborano all’analisi delle scatole nere. Presto saranno supportati da un team canadese di dieci persone. Anche la National Safety Board degli Stati Uniti ha confermato di aver ricevuto l’invito dalla Repubblica islamica e ha inviato uno dei suoi professionisti. Le autorità iraniane sostengono dal primo momento che l’incidente, in cui sono morte 176 persone, è avvenuto a causa di un guasto tecnico. La versione ufficiale dice che l’aereo aveva un difetto di volo, ha subito un incendio e si è precipitato a terra quando ha cercato di girarsi per tornare. Dal governo di Teheran hanno fatto una lettura politica della situazione e il loro portavoce, Ali Rabiei, ha descritto le accuse come “una grande menzogna”. Gli iraniani si sentono vittime della guerra psicologica lanciata dagli Stati Uniti. Trump compie ulteriori passi nella strategia di massima pressione” applicata contro l’ Iran.

Omicidio Soleimani: quali erano gli interessi in gioco?

L’omicidio della principale personalità militare del paese, Qassem Soleimani, che ha guidato le forze speciali Quds iraniane, che operano dal Libano alla Siria, dallo Yemen all’Iraq, è stato paragonato dal governo iraniano ad alcune delle principali azioni di terrorismo internazionale, da parte degli Stati Uniti, nel territorio Mediorientale, durante tutto il ventesimo secolo. L’ omicidio di Soleimani è stato paragonato al colpo di stato del 1953 contro il governo eletto di Mohammad Mossadegh, orchestrato da Washington, che provocò l’ascesa di Shah Reza Pahlavi fino alla sua caduta da parte della Rivoluzione iraniana nel 1979; e l’attacco del Pentagono nel 1988 contro l’Airbus che uccise quasi 300 passeggeri nel Golfo Persico.

Ciò implica, a quanto pare, che la campagna presidenziale negli Stati Uniti, in cui Donald Trump sta cercando la rielezione, sarà attraversata da tensioni politico-militari in Medio Oriente. Uno scenario comune nelle recenti elezioni alla Casa Bianca, come quelle di Barack Obama e George W. Bush. Il cinismo degli argomenti di Trump, che affermano un “movimento difensivo” preventivo dopo i problemi incontrati nell’ambasciata a Baghdad, nasconde a malapena un calcolo maldestro: Washington ha cercato di riprendere l’iniziativa in Medio Oriente e di ripristinare una certa credibilità, nonostante il crescente attrito con l’Iran. In rappresaglia per le nuove sanzioni economiche di Trump contro Teheran a seguito della conclusione dell’accordo nucleare del 2015 da parte degli Stati Uniti, il governo iraniano ha portato avanti  una serie di dimostrazioni per non cedere alla strategia della “massima pressione”. Nel giugno 2019 ha abbattuto un drone americano e a luglio ha catturato la petroliera britannica, Stena Empire, entrambi nello stretto strategico di Hormuz. 

Indipendentemente dalla paternità o meno di ciascuna delle misure, l’Iran praticamente non ha riportato alcun danno da questi eventi. Inoltre, ha rafforzato le sue alleanze asiatiche, e per alcuni aspetti con la stessa Unione Europea, di fronte alle sanzioni economiche di Trump. Per gli oppositori degli Stati Uniti, tali segni di debolezza nella politica americana non sono stati vani e hanno incoraggiato manifestazioni di forza che vanno oltre la specifica disputa con l’Iran e che implicano le grandi ambizioni di paesi come la Cina in Asia, come vedremo più avanti.

Pertanto, è importante notare che gli Stati Uniti sono stati costretti dalle circostanze a fermare violentemente il declino della loro  influenza dissuasiva nella regione. Ha combinato questo con la necessità di trarre vantaggio dalla debolezza del regime iraniano, indebolito economicamente dalle sanzioni degli Stati Uniti e politicamente sfidato dal nuovo ciclo di lotte che hanno spazzato i paesi dell’Asia occidentale sotto il timone di Teheran, dando un duro colpito con l’omicidio di Soleimani, eliminando il capo generale delle milizie straniere iraniane e imponendo ai loro leader di rispondere in svantaggio. Trump ritiene che l’Iran, indebolito da molteplici problemi economici e politici, non sia in grado di rispondere. Ciò non significa che le misure iraniane nell’ambito della “strategia debole” non ottengono successi a lungo termine contro gli Stati Uniti, che non possono imporre una tregua dissuasiva. Ma frenare l’audacia dell’Iran in Medio Oriente potrebbe non essere sufficiente per spiegare una simile mossa, ancora più curiosa dato il recente licenziamento del suo politico di destra, l’ex consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton e la sua forte difesa di una politica aggressiva contro Iran. Conosciuto per il suo costante attrito con il presidente per aver difeso una strategia di “cambio di regime” (usato durante la primavera araba), che in questo caso implicherebbe il rovesciamento del regime di Teheran, guidato dall’Ayatollah Ali Khamenei. A questo proposito, Bolton è stato licenziato per aver tentato di ostacolare l’approccio di Trump al governo iraniano.

Pertanto, si deve dire che questo segnale inviato dalla Casa Bianca e dal Pentagono ha più indirizzi. Oltre all’Iran, porta chiari messaggi alla Russia, e in particolare alla Cina.

Entrambi i governi hanno ripudiato l’omicidio del generale iraniano e hanno chiesto la “moderazione” del governo degli Stati Uniti. Questo perché l’obiettivo di frustrare gli interessi di Washington unifica l’asse Cina-Russia. Dal punto di vista del Cremlino, gli Stati Uniti rappresentano una minaccia molto più chiara della Cina e le opinioni anti-occidentali di Putin sono profonde. Xi, a sua volta, ritiene che la Russia sia utile per minare il dominio globale degli Stati Uniti. Questi interessi spiegano l’azione comune in molti affari internazionali, come quest’ ultimo terribile atto terroristico contro l’Iran.

Tuttavia, più strategicamente, l’avvertimento più grave è stato indirizzato a Pechino. Gli Stati Uniti, nel mezzo della guerra commerciale e tecnologica con la Cina, vogliono bloccare a tutti i costi l’obiettivo del governo Xi Jinping di trasformare la Cina in un potere con influenza preponderante in Asia. L’assassinio di Soleimani è un convincente promemoria su ciò che gli Stati Uniti potrebbero fare, se i loro interessi sono minacciati nella regione.

In particolare, l’amministrazione Trump ha visto con estrema irritazione l’alleanza tra Cina, Russia e Iran nell’esecuzione del più grande esercizio navale congiunto sul continente nel Golfo dell’Oman (attraverso il quale il 30% del petrolio è trasportato via fiume) e l’Oceano Indiano. La mossa sembrava essere l’approccio più importante tra i due principali rivali degli Stati Uniti e la Repubblica Islamica dell’ Iran, negli ultimi decenni.

L’esercizio è stato portato avanti per far emergere i tre paesi partecipanti come vincitori: l’Iran è emerso come potenza regionale, la Russia ha dimostrato il suo ruolo cruciale in Medio Oriente e la Cina è riuscita a dimostrare la sua potenza navale. In generale, il messaggio strategico è che i tre paesi sono responsabili della definizione delle forze nell’ asse Asia-Pacifico. Insieme alla necessità di recuperare l’iniziativa dopo mesi di attività favorevoli al regime pro-Teheran in Medio Oriente, la risposta a questo comune esercizio militare è stata una componente considerevole di rappresaglie, scatenate dagli Stati Uniti, che hanno portato all’omicidio di Soleimani.

Convergenza Socialista