A dire il vero come letto di questa notizia avevo pensato, subito, a una bufala. D’altronde uno dei primi giornali a darne notizia era stato “Libero” non proprio un esempio di imparzialità. Facendo quindi le verifiche del caso, sono riuscito ad accertarmi che la notizia fosse vera. Ora non trovo scandaloso la cifra in se per se uno è liberissimo di spendere il proprio denaro come vuole, quello che non mi va giù e che da anni ormai il centrosinistra “PD” si attornia di una borghesia facoltosa da una parte e dall’altra cerca di fare credere di essere il paladino delle masse popolari ma quella strada è stata abbandonata da un bel pezzo.

M.L.

1000 euro per molti di noi significano un mese di lavoro, per chi ha la fortuna di avere un lavoro che duri un mese intero!
Bonaccini chiude la sua campagna elettorale a Modena con una cena da 1000 euro a invitato. Sembrano scene di un telefilm americano e invece è proprio l’abitudine che da Renzi in poi hanno assunto i candidati del “centrosinistra”: le cene extra lusso per giustificare i finanziamenti a colpi di migliaia di euro da parte di celebrità varie, dirigenti e padroni locali.
Dall’altra parte la Lega di Borgonzoni/Salvini non ha nessun titolo per gridare allo scandalo e fingersi un’alternativa popolare. Le stesse cene le frequenta Salvini in compagnia di Boschi. Gli stessi dirigenti e imprenditori locali li frequenta Borgonzoni che fa campagna elettorale a bordo delle auto da collezione e tollera il rosso solo quando si tratta della Formula 1.
Questa è la falsa alternativa tra liberisti nazionalisti e liberisti europeisti: fanno finta di usare toni da guerra civile ma alla fine prendono soldi dagli stessi ambienti con gli stessi metodi! Noi siamo fuori e contro questo sistema e lo dimostriamo ogni giorno, anche con le nostre cene di autofinanziamento. Non avremo gli chef stellati, ma sappiamo di poter stare tra chi come 1000 euro se li deve guadagnare in un mese!

Marta Collot PaP pagina FB

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy