Luglio 8, 2020

AFV

Libera la tua mente

Abrams minaccia Maduro: “deve decidere quale destino vuole per sé e per la sua famiglia”

Sharing is caring!

Il criminale di guerra statunitense Elliott Abrams ha minacciato pochi giorni fa il presidente venezuelano Maduro dicendo che “non rimarrà per sempre al palazzo presidenziale” e che “deve decidere quale destino vuole per sé e per la sua famiglia”.
Abrams fu condannato per crimini di guerra e traffico di droga negli anni delle Rivoluzioni in centro America, ma fu poi graziato dall’allora presidente repubblicano George Bush.

“Deve decidere quale destino desidera per sé stesso e per la sua famiglia”, ha detto Abrams quando gli è stato chiesto se l’offerta del governo di negoziare la sua uscita dal potere fosse rimasta in vigore. “Lui pensa di poter governare per sempre a Caracas. Non è vero. Ciò che gli abbiamo detto è che vogliamo che lasci la presidenza perché è l’unico modo per i venezuelani di ottenere il cambiamento”.

Abrams ribadisce inoltre il sostegno dell’amministrazione di Donald Trump al presidente autoproclamato, Juan Guaidó ed ha anticipato nuove sanzioni al Venezuela.

Abrams ha anche parlato della visita di Guaidó a Washington ed ha affermato che i diversi incontri che ha avuto con Trump, col Segretario di Stato Mike Pompeo e con altri alti funzionari “dovrebbero rendere chiaro a tutti l’impegno degli Stati Uniti con lui. Ha evidenziato anche la presenza di Guaidó nel discorso sullo Stato dell’Unione e sottolineato che gli applausi ricevuti lì “hanno ricordato che il sostegno a lui e alla sua causa sono una questione bipartisan a Washington”.

Durante il discorso annuale di fronte al Congresso, Trump ha riconosciuto Guaidó come “il vero e legittimo presidente del Venezuela” e si è anche congratulato con lui per il suo coraggio e la lotta per la democrazia nel suo paese. “Signor Presidente (riferendosi a Guaidó) porti questo messaggio nel tuo paese”, ha detto Trump, “il popolo statunitense è unito con quello venezuelano nella sua grande lotta per la libertà”, ha detto suscitando l’applauso dei congressisti presenti.

Il funzionario ha anticipato inoltre nuove sanzioni e ha avvertito che “coloro che continuano a beneficiare del governo chavista devono stare attenti”. La dichiarazione è arrivata pochi minuti dopo che il governo Trump ha imposto nuove misure di questo tipo. In questo caso, la vittima delle sanzioni è stata Conviasa, la compagnia aerea statale venezuelana.

“Il regime illegittimo di Maduro utilizza Conviasa per spostare funzionari del regime corrotto in tutto il mondo per aumentare il sostegno ai suoi sforzi antidemocratici”, ha dichiarato Steven Mnuchin, Segretario al Tesoro degli Stati Uniti, in occasione dell’annuncio. Abrams ha dichiarato che le prossime sanzioni “mostreranno la serietà delle nostre azioni”.

Alla domanda specifica se sarebbero state imposte sanzioni a Rosneft, la compagnia petrolifera russa con una presenza in Venezuela, Abrams ha affermato che “il suo ruolo è cresciuto considerevolmente lo scorso anno” e, sebbene si sia rifiutato di abbondare nelle sue spiegazioni in merito, ha detto: “Ne parleremo nelle prossime settimane “.

Sul ruolo della Russia in Venezuela, in particolare considerando che venerdì il ministro degli Esteri Sergei Lavrov ha incontrato venerdì funzionari chavisti, ha dichiarato: “Lavrov è a Caracas. Ha il diritto di viaggiare, ma penso che guardando le condizioni dell’economia venezuelana, le sanzioni che abbiamo imposto e quelle che stanno arrivando, dubito che Lavrov si congratuli con Maduro.”

Altre sanzioni contro il Venezuela

In un altro passaggio della conferenza, Abrams ha fatto riferimento alle misure di liberalizzazione economica adottate dal Venezuela negli ultimi mesi come per esempio la possibilità di commerciare in valuta estera, i maggiori permessi di importazione delle merci ed ha quindi assicurato che tutto ciò rivela uno stato di debolezza del governo.
Abrams è convinto che indicano che Maduro sta analizzando l’idea di privatizzare PDVSA ed ha quindi detto felice: “È un abbandono del chavismo di Hugo Chávez. Fanno ciò perché non hanno altra scelta, questo indica che le sanzioni hanno fatto effetto. Ma noi non ci fermiamo e ne imporremo di più.”

Rete solidarietà rivoluzione bolivariana

https://tribunanoticiosa-ve.blogspot.com/2020/02/abrams-amenaza-maduro-y-lo-llama-pensar.html?fbclid=IwAR32LTcA67jXr6gV7qvxNBytU5Q_w3NCEpTEqZluR3NTr1bxzRIIWZ6LvHs&m=1