Ottobre 28, 2020

AFV

Libera la tua mente

Sit-in di solidarietà al Partito Comunista Polacco

Sharing is caring!

Riceviamo e pubblichiamo

Roma, lunedì 2 Marzo alle ore 15.30 si terrà il sit-in promosso anche da Convergenza Socialista in solidarietà al Partito Comunista Polacco e contro la criminalizzazione della stampa comunista in Polonia. Le forze anticapitaliste in Polonia vivono un momento molto difficile ed è compito delle organizzazioni classiste, socialiste e comuniste, anticapitaliste e antimperialiste, portare supporto politico e solidarietà internazionale. Invitiamo le militanti e i militanti, le/i simpatizzanti di Convergenza Socialista ad esserci. Riportiamo l’appello:

Esprimiamo la nostra solidarietà militante e internazionalista alle compagne ed ai compagni del Partito Comunista della Polonia, oggetto di una inaudita e continua persecuzione anticomunista, ad opera di un governo di estrema destra, attraverso riforme e modifiche alla legge nazionale in senso antidemocratico. Già alla fine del 2018, ci siamo mobilitati contro questa persecuzione, motivata dall’accusa rivolta contro i quadri e militanti comunisti di “promozione di un sistema totalitario”.


Oggi è in corso un processo giudiziario ai danni del comitato editoriale del quotidiano di partito “Brzask”, con una prima udienza prevista il 3 Marzo 2020. Nonostante la pronuncia di assoluzione precedentemente emessa dagli organi giudiziari, questa persecuzione anticomunista per via giudiziaria in Polonia continua da oltre 4 anni ed è un pezzo di una più generale campagna per la messa al bando del comunismo e del partito comunista.


Le modifiche al codice penale nazionale polacco – dell’art. 256 in particolare – hanno pienamente recepito questa offensiva anticomunista, equiparando il comunismo al nazismo e al fascismo, includendolo quindi tra i sistemi totalitari; vietando la stampa e la riproduzione dei simboli e delle parole d’ordine dei comunisti; inasprendo le pene carcerarie, da 2 a 3 anni, grazie al voto favorevole del parlamento polacco.


Dall’Italia rispondiamo all’appello alla solidarietà internazionalista e alla mobilitazione inviato dai compagni della Polonia, mobilitandoci con un presidio il 2 marzo 2020, davanti all’Ambasciata della Polonia a Roma in Via Rubens 20, dalle ore 15:30.


Denunciamo la grave violazione delle libertà democratiche e la persecuzione politica contro i comunisti; l’inaccettabile equiparazione del comunismo con nazismo e fascismo, quale vergognosa mistificazione reazionaria, oggi ampiamente sostenuta anche dalle istituzioni europee, dopo il vergognoso voto del Parlamento europeo di una risoluzione di questo segno avvenuto alcuni mesi fa.


Chiediamo, pertanto, la fine di questa inaudita persecuzione.

Convergenza socialista