Settembre 19, 2020

AFV

Libera la tua mente

Accordo Putin-Erdogan su Idlib addolcisce e rende meno amara la sconfitta della Turchia

Sharing is caring!

Il nuovo accordo Putin-Erdogan su Idlib addolcisce e rende meno amara la sconfitta dei turchi


Segue l’analisi di Scott Ritter,  ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti. Ha prestato servizio in Unione Sovietica come ispettore per l’attuazione del Trattato INF, nello staff del generale Schwarzkopf durante la Guerra del Golfo, e dal 1991-1998 come ispettore delle armi delle Nazioni Unite.

L’incontro di questa settimana tra i presidenti Putin ed Erdogan a Mosca è stato organizzato per impedire una guerra tra Russia e Turchia in Siria. La guerra, tuttavia, non è mai stata all’orizzonte. Putin ha definito un bluff quello di Erdogan e il turco si è piegato.

Il presidente russo Vladimir Putin e il presidente turco Recep Erdogan, accompagnati dai rispettivi alti consiglieri per la sicurezza nazionale, si sono incontrati ieri a Mosca il 5. Lo scopo di questo vertice di emergenza era di negoziare i termini di un cessate il fuoco che avrebbe posto fine ai pesanti combattimenti in Siria, nella provincia di Idlib che ha minacciato di trascinare le loro due nazioni in un conflitto militare diretto. Dopo più di sei ore di riunione, un nuovo accordo, confezionato come un “protocollo aggiuntivo” al “Memorandum sulla stabilizzazione della situazione nell’area di de-escalation al 17 settembre 2018” (meglio noto come “Accordo di Sochi” ), è stato concordato da entrambe le parti.

Un’offensiva esplosiva

Nel corso di una settimana, dal 27 febbraio al 5 marzo, la provincia siriana di Idlib è passata da zero per una guerra tra l’esercito siriano e le forze alleate, e gruppi pesantemente armati si sono opposti al governo del presidente siriano Bashar Assad, in un geopolitico barilotto di polvere che minacciava di trascinare i militari turchi e russi in conflitto diretto tra loro. Il 1  marzo, la Turchia, in seguito alle minacce precedentemente fatte dal presidente Erdogan per respingere l’esercito siriano e i suoi alleati sulla linea di demarcazione stabilita nell’accordo originale di Sochi, ha scatenato una grande offensiva, soprannominata “Operazione Spring Shield” e coinvolgendo migliaia di truppe turche a combattere accanto a formazioni anti-Assad.

Questa operazione presto è svanita; non solo fu arrestata l’avanzata turca, ma l’esercito siriano, sostenuto da Hezbollah e dalle milizie filo-iraniane, è riuscita a riconquistare gran parte del territorio perso nei precedenti combattimenti. Di fronte alla scelta di intensificare ulteriormente e affrontare direttamente le forze russe, o affrontare la sconfitta sul campo di battaglia, Erdogan è volato invece a Mosca.

Il nuovo protocollo aggiuntivo, entrato in vigore alla mezzanotte di Mosca venerdì 6 marzo, rappresenta una sconfitta strategica per Erdogan e l’esercito turco che, in quanto seconda forza armata permanente della NATO, equipaggiata e addestrata secondo i più alti standard occidentali, avrebbe dovuto avere vita facile contro l’esercito siriano tatuato, consumato dopo nove anni di combattimenti senza sosta. Le forze armate siriane, insieme ai loro alleati, tuttavia, hanno combattuto i turchi portandoli ad un punto morto. Inoltre, i combattenti anti-Assad che erano stati addestrati ed equipaggiati dai turchi si sono dimostrati una delusione sul campo di battaglia.

Uno dei principali motivi alla base del fallimento turco è stato il fatto che la Russia controllava lo spazio aereo su Idlib, negando ai turchi l’uso di aerei, elicotteri e (tranne che per un solo periodo di 48 ore) droni, mentre apparentemente utilizzava il proprio aereo, insieme all’aeronautica militare siriana, per colpire sia le forze armate turche sia le loro forze anti-Assad alleate (sebbene nessuna delle parti abbia confermato ufficialmente i russi che bombardano i turchi – sarebbe stato un disastro per i colloqui). 

Alla fine, i combattenti anti-Assad sono stati costretti a rifugiarsi all’interno dei cosiddetti “posti di osservazione” – guarnigioni turche fortemente fortificate istituite ai sensi dell’accordo di Sochi, mescolandosi con le forze turche per proteggersi da ulteriori attacchi. L’operazione Spring Shield si è rivelata una clamorosa sconfitta per i turchi e i loro alleati.

I problemi non si risolvono parlando

Secondo i termini dell’accordo originale di Sochi, le forze armate turche avrebbero dovuto sorvegliare la rimozione di forze anti-Assad pesantemente armate, tra cui Hayat Tahrir al-Sham (HTS), un’organizzazione terroristica designata, dalle cosiddette zone di “escalation” .’ L’incapacità di svolgere questo compito, unita ai continui attacchi contro le posizioni siriane da parte dei combattenti dell’HTS, ha spinto l’attacco dell’esercito siriano a Idlib. Il protocollo aggiuntivo negoziato questa settimana a Mosca “ribadisce” la “dedizione” turca e russa per “combattere tutte le forme di terrorismo” e “eliminare tutti i gruppi terroristici in Siria”.

Il modo in cui questo sarà attuato non è spiegato nel protocollo aggiuntivo, in effetti, dato che la maggior parte delle forze anti-Assad che hanno cercato rifugio nei posti di osservazione turchi sono combattenti HTS a cui era stata fornita, appena una settimana prima, armi e veicoli per effettuare attacchi coordinati con l’esercito turco, le modalità di attuazione sembrano inesistenti.

L’accordo si concentra anche su un altro aspetto critico, ma insoddisfatto, dell’accordo originale di Sochi: la garanzia di un passaggio sicuro lungo i corridoi strategici delle autostrade M4 e M5 che collegano la città di Aleppo con Latakia (M4) e Damasco (M5). L’incapacità e / o riluttanza da parte dei turchi a dare seguito a questa disposizione fu il principale impulso dietro l’attuale offensiva siriana a Idlib. In effetti, l’esercito siriano è stato in grado di ottenere il pieno controllo dell’autostrada M5 ed era in procinto di fare lo stesso per l’autostrada M4 quando l’accordo di Mosca ha posto fine ai combattimenti.

Secondo i termini del protocollo aggiuntivo, le nuove zone di riduzione della tensione saranno definite dalle linee di frontiera così come sono attualmente, assicurando i progressi conquistati duramente dall’esercito siriano e imbarazzando Erdogan, che aveva promesso di riportare i siriani a le posizioni esistenti al momento dell’accordo originale di Sochi. Inoltre, l’autostrada M4 sarà ora tamponata da una zona di sicurezza di 12 chilometri (sei chilometri su ciascun lato) e sarà pattugliata congiuntamente da Turchia e Russia, garantendo un passaggio sicuro per il traffico di veicoli commerciali. Queste pattuglie inizieranno il 15 marzo, il che significa che i turchi hanno dieci giorni per sorvegliare l’evacuazione delle forze anti-Assad da questo corridoio – in effetti, respingendole a nord dell’autostrada M4, che era l’obiettivo dell’offensiva siriana.

Di nuovo in sintonia, ma per quanto tempo?

Pur essendo un accordo di cessate il fuoco, il protocollo aggiuntivo prodotto dal vertice di Mosca tra Putin ed Erdogan ieri è uno strumento di resa sottilmente mascherato. Il governo siriano ottiene  tutto ciò che cercava lanciando la sua offensiva e i turchi e i loro alleati sono stati lasciati a leccarsi le ferite in una zona di idlib molto ridotta. Oltre a prevenire i conflitti diretti tra Turchia e Russia, il protocollo aggiuntivo ottiene ben poco che cambi la situazione sul campo. La Turchia deve ancora affrontare il compito di disarmare i combattenti dell’HTS che attualmente abbraccia come alleati e la crisi umanitaria innescata da centinaia di migliaia di rifugiati sfollati dai precedenti combattimenti rimane. In molti modi, il protocollo aggiuntivo, come il suo antecedente, l’Accordo di Sochi, è un accordo progettato per fallire.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-il_nuovo_accordo_putinerdogan_su_idlib_addolcisce_e_rende_meno_amare_la_sconfitta_dei_turchi/5871_33466/