Maggio 28, 2020

AFV

Libera la tua mente

Coronavirus, nonostante attacchi e insulti la Cina fornirà aiuto agli Stati Uniti a livello subnazionale

Sharing is caring!

Nonostante l’escalation di insulti e ostilità xenofobe nei confronti di Pechino da parte degli USA, in particolare il presidente Trump che in maniera ostinata definisce ripetutamente il nuovo coronavirus “virus cinese”, Stati come la California e New York, che hanno avuto una cooperazione internazionale subnazionale a lungo termine con la Cina, stanno cercando di ottenere sostegno dalla Cina. Ci sono medici locali ansiosi di saperne di più sulle esperienze cliniche della Cina nel trattamento di pazienti critici e nell’implementazione di efficaci misure di quarantena. 

Secondo il quotidiano Global Times è tempo che la Cina prenda in considerazione le richieste di aiuto da parte di questi Stati come la California e New York nella lotta contro il micidiale coronavirus. Una decisione che sarebbe basata sullo spirito umanitario che contraddistingue l’azione di Pechino. 

New York e la California ospitano la maggior parte delle comunità asiatico-americane negli Stati Uniti, che hanno anche mantenuto solidi legami subnazionali con province e città cinesi anche durante la lunga guerra commerciale. Alcune società californiane hanno partecipato attivamente all’esposizione annuale delle importazioni in Cina, nonostante i venti contrari nei legami bilaterali tra i due paesi. 

C’è bisogno anche di importare apparecchiature mediche dalla Cina, poiché a seguito della pandemia la Cina è emersa come uno dei principali donatori di forniture a paesi e regioni colpiti da virus in tutto il mondo.

Un esperto medico con sede in California, che ha preferito non essere identificato, ha detto venerdì al Global Times che alcuni medici locali sono ansiosi di sapere se la Cina ha in programma di donare forniture mediche agli ospedali locali, come ha fatto in Italia. Negli States il personale medico è esposto alla malattia mortale, oltre a forniture inadeguate di maschere protettive, ventilatori e letti di terapia intensiva.

Un numero crescente di persone negli Stati Uniti chiede inoltre ai governi locali di cercare la cooperazione con la Cina per combattere efficacemente il virus, poiché il governo federale degli Stati Uniti non ha prestato aiuto.

“Se il governo federale e il loro pagliaccio di presidente non aiuteranno Stati come la California, dovremmo rivolgerci alla Cina per chiedere aiuto”, ha twittato un utente. 

New York, una delle aree più colpite dai virus negli Stati Uniti, dove il numero di infezioni è salito a oltre 7.800, ha dichiarato lo stato di calamità. II New York Post ha affermato venerdì in un articolo, che il coronavirus uccide i cittadini “al ritmo di più di uno all’ora”. Di fronte a questa crisi senza precedenti, anche il sistema medico della città si sta avvicinando a un punto di crisi a causa della grave carenza di macchine per la ventilazione di salvavita e un numero sempre maggiore di operatori sanitari che restano infetti perché non vi sono forniture adeguate per i medici.

Quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha continuato a minimizzare l’impatto del coronavirus, spostando la colpa sulla Cina, secondo alcuni osservatori mirava a nascondere inadeguata preparazione a questa crisi. Così alcuni medici a New York, in California e Marylland hanno iniziato a chiedere aiuto alla Cina, in particolare ai medici cinesi che hanno avuto esperienze di lotta in prima linea in questa battaglia.

La carenza di forniture e attrezzature mediche, i crescenti rischi per l’infezione del personale medico e il travolgimento degli ospedali facevano parte degli scenari nelle prime fasi dell’epidemia a Wuhan, nella provincia di Hubei nella Cina centrale, dove la polmonite da coronavirus (COVID-19) fu segnalata a gennaio nel paese asiatico.

Il Governatore di New York Andrew Cuomo ha recentemente affermato che “abbiamo letteralmente persone in Cina che acquistano ventilatori visto che si tratta di uno dei maggiori produttori”, mentre Trump ha detto ai governatori che avrebbero dovuto acquistare forniture mediche per i loro Stati e che il governo federale non è uno “spedizioniere”. 

Contrariamente alla risposta passiva alla pandemia della Casa Bianca, stati come New York, California e Illinois hanno aumentato le restrizioni, riflettendo un modo più aggressivo di frenare la diffusione del virus.

“Il virus è un comune nemico per l’umanità, è ragionevole sottoporsi a una cooperazione internazionale”, ha detto sabato al Global Times Diao Daming, professore associato presso la Renmin University of China a Pechino.

Alcuni ospedali cinesi hanno iniziato a offrire esperienze cliniche e terapeutiche ad alcuni dottori ed esperti medici statunitensi. Ad esempio, il primo ospedale della provincia di Zhejiang ha tenuto una chiamata in videoconferenza con alcuni esperti dell’Università di Yale.

Esperti cinesi hanno risposto a domande tra cui “quali sono le esperienze principali nel trattare con il virus?” “quali sono le esperienze nel trattamento di pazienti che sono gravemente malati?” “quali sono gli standard per il trattamento in terapia intensiva?” “come proteggere i medici dalle infezioni?” e così via, secondo i media.

Tuttavia, il governo federale degli Stati Uniti continua ad attaccare la Cina ignorando i fondamenti della scienza definendo COVID-19 come “virus cinese”, scatenando indignazione non solo tra cinesi, ma anche statunitensi asiatici negli Stati Uniti. Tale tattica offensiva ha ridotto le possibilità per Pechino e Washington di lavorare insieme a livello nazionale, in particolare alcuni “attacchi razzisti e guidati dalla xenofobia” sulla Cina sono diventati inaccettabili, secondo tutti i principali osservatori. 

Dopo che Trump ha costantemente chiamato COVID-19 “virus cinese”, anche il segretario di Stato Mike Pompeo lo ha chiamato venerdì in modo così offensivo, criticando il fatto che il governo cinese ha cercato di nascondere informazioni invece di cercare di agire effettivamente per sopprimere il virus. Le assurde parole di Pompeo sono state smentite venerdì dal portavoce del ministero degli Esteri cinese Geng Shuang.

“La parte nordamericana dovrebbe abbandonare il ‘virus politico’ originato dal suo pregiudizio ideologico”, ha affermato Geng.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha recentemente twittato “La Cina ha combattuto duramente e ha guadagnato 2 mesi per il mondo. Purtroppo il governo degli Stati Uniti ha sperperato un tempo così prezioso, quindi non ha risparmiato sforzi per stigmatizzare la Cina”. 

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-coronavirus_nonostante_attacchi_e_insulti_la_cina_fornir_aiuto_agli_stati_uniti_a_livello_subnazionale/82_33741/