Ottobre 27, 2020

AFV

Libera la tua mente

Il coronavirus e la crisi strutturale del capitalismo

A newspaper seller poses for a picture with a daily newspaper in the Grafton shopping area of Dublin on March 12, 2020. - Ireland on Thursday announced the closure of all schools and colleges, and recommended the cancellation of mass gatherings as part of measures to combat the spread of the coronavirus. Prime Minister Leo Varadkar said "schools, colleges and childcare facilities will close from tomorrow (Friday)", as would state-run cultural institutions. (Photo by Paul Faith / AFP) (Photo by PAUL FAITH/AFP via Getty Images)

Sharing is caring!

Giulio Chinappi

Il Partito Comunista d’Irlanda analizza l’attuale crisi sanitaria mettendola in relazione con la crisi strutturale del capitalismo. Una lettura la cui validità è immutata anche per gli altri Paesi, e che mette in risalto la crisi strutturale del sistema capitalista al di là dell’emergenza del momento.

Mentre la Repubblica d’Irlanda ancora non si è dotata di un nuovo governo in seguito alle elezioni dello scorso 8 febbraio, l’intera isola è sconvolta dall’epidemia di coronavirus. Considerando solamente l’Eire, si contano ad oggi oltre 2.600 casi e 45 morti, ai quali vanno naturalmente aggiunti quelli dell’Irlanda del Nord.

Nell’analizzare la situazione il Communist Party of Ireland (CPI) mette in risalto l’inadeguatezza del sistema capitalista nell’affrontare la crisi, accusando i passati governi dei tagli alla spesa sanitaria ed additando la divisione tra nord e sud dell’isola come ulteriore aggravante.

L’analisi dei comunisti irlandesi resta però molto interessante anche al di fuori del loro contesto nazionale. Infatti il testo che vi proponiamo mette in risalto i limiti sistemici del capitalismo e fa notare come la crisi strutturale del capitalismo fosse già all’opera prima dell’inizio della pandemia.


Il Covid-19 accelera l’aggravarsi della crisi strutturale del sistema capitalista.

Il Partito Comunista d’Irlanda esprime la sua solidarietà a tutte le persone colpite e che saranno colpite da questa crescente crisi sanitaria e al personale sanitario e ai servizi di emergenza in prima linea.

I servizi sanitari in tutto il paese, da Belfast a Cork, sono del tutto inadeguati, avendo sperimentato più di un decennio di tagli duri, riduzioni di posti letto, mancanza di investimenti, carenza di personale e la priorità della medicina privata delle aziende rispetto a un decente, ben finanziato servizio sanitario pubblico.

La crisi sanitaria di Covid-19 rivela ancora una volta la necessità immediata di un servizio sanitario pubblico in tutta l’Irlanda. Il virus non è soggetto a partizioni e non conosce confini. In tempi come questi è diventa palese la necessità di agire su base irlandese.

L’epidemia espone inoltre gli interessi contrastanti dei decisori politici a Londra e dei responsabili politici a Belfast, che hanno poco o niente da dire su come dovrebbero reagire alla pandemia, per garantire la salute e la sicurezza di tutti i cittadini che vivono nel Nord e in stretti legami con coloro che vivono nel sud.

Chiediamo all’Assemblea del Nord di ignorare la strategia del governo britannico di “immunità del gregge”, poiché l’entità delle ricadute in Giappone dimostra che è errata e di coordinare i loro sforzi basandosi su tutta l’Irlanda.

Il governo Tory utilizzerà questa crisi come un’opportunità per liberarsi di quelli che considerano cittadini costosi e improduttivi, vale a dire i vecchi e i vulnerabili. La salute e la sicurezza del popolo irlandese, a nord o a sud, non possono essere lasciate a questa logica barbarica, e noi come popolo dobbiamo agire consolidarietà e gentilezza nei confronti dei più a rischio.

Come nazione, abbiamo delle scelte difficili da fare nelle prossime settimane. O intensifichiamo i nostri sforzi e implementiamo il distanziamento e il tracciamento sociali aggressivi per cercare di rallentare il tasso di infezioni e quindi il tasso di mortalità, sebbene a costi economici significativi, oppure seguiamo l’esempio britannico e accettiamo il logoramento del vecchio e del vulnerabile ma stabilizziamo l’economia più rapidamente.

Il dilemma è la scelta tra persone e profitto. Non possiamo permettere che gli interessi di coloro che traggono profitto dettino il nostro destino.

Il Partito Comunista d’Irlanda esorta tutti i suoi membri, sostenitori, seguaci e lettori a chiedere che ognuno di noi attui un allontanamento sociale aggressivo.

Dobbiamo proteggere quelli che sono i più vulnerabili. dal punto di vista medico ed economico, e chiedono al governo di attuare un mutuo nazionale e una interruzione dei pagamenti; che i fondi vengano destinati al benessere sociale verso le persone colpite dalla perdita dei posti di lavoro o del salario; che vengano garantite forniture alimentari gratuite e essenziali ai più bisognosi.

Questo è l’unico modo efficace con cui i cittadini saranno in grado di sopportare materialmente le enormi tensioni sulla loro famiglia e sui loro mezzi di sussistenza nei prossimi mesi.

Molte morti inutili si verificheranno senza drastiche azioni nella sanità pubblica e interventi immediati, motivo per cui dobbiamo intensificare i nostri sforzi collettivi per attuare un allontanamento sociale aggressivo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che il 15% dei casi provocherà “infezioni gravi, che richiedono ossigeno“, mentre il 5% sono “infezioni critiche“. Date le proiezioni più recenti — conservative quando consideriamo la proiezione comparabile in Gran Bretagna di un tasso di infezione dell’80%, rispetto alla previsione dell’HSE (Health Service Executive, ndt) del 40% — restiamo con una cifra netta di 335.600 persone in Irlanda nel complesso che probabilmente necessitano di cure critiche. I servizi sanitari in ogni parte del nostro Paese diviso non sono in grado di soddisfare la domanda attuale, tanto meno un aumento così grave.

Una tendenza preoccupante a cui stiamo assistendo è l’aumento del tasso di mortalità laddove il virus non è stato contenuto, a causa dell’azione inefficace e della carenza di letti in terapia intensiva, che colpiscono ulteriormente i pazienti, non correlati al virus. Anche se i casi fossero, in modo ottimistico, distribuiti uniformemente su un periodo di diciotto mesi, avremmo comunque bisogno della capacità di trattare più di 18.000 casi di terapia intensiva al mese, ben oltre la nostra capacità attuale.

La realtà, tuttavia, è che coloro che saranno infettati saranno raggruppati entro i prossimi due o tre mesi, lasciando in effetti il ​​servizio sanitario incapace di fronteggiare i numeri di coloro che necessiteranno di cure intensive. Potremmo vedere fino a 40.000 morti nei prossimi cinque mesi, secondo alcuni dei modelli che sono stati fattiormulati. Ciò può significare che coloro che sono in prima linea dovranno prendere la decisione individuale su chi debba o non debba essere salvato; e i budget di “austerità” negli ultimi dieci anni li hanno costretti a prendere queste decisioni più del necessario.

Esortiamo tutte le persone e le organizzazioni progressiste a richiedere l’immediata nazionalizzazione di tutti gli ospedali privati ​​al fine di aumentare la nostra capacità di terapia intensiva, che sarà necessaria per prendersi cura delle vittime di Covid-19. In caso contrario, si verificheranno morti inutili che, sotto un sistema sanitario a due livelli, privato e pubblico, accadranno inevitabilmente. La salute e la sicurezza del popolo irlandese non possono essere lasciate alla logica del mercato.

La pandemia che ha spazzato la nazione ha portato allo sviluppo dei colloqui in corso sulla formazione di un nuovo governo, con Fianna Fáil e Fine Gael che ora sembrano essere le due componenti principali di esso. Ciò che queste ultime elezioni mettono a nudo è l’assoluta incapacità delle elezioni e dell’elettoralismo, di per sé, a realizzare una trasformazione reale, significativa e duratura del nostro Paese.

Vi è una crescente consapevolezza di classe in una parte significativa di lavoratori e giovani, come si evince dai recenti risultati elettorali. Ciò è stato mostrato in una gradita crescita del voto di prima preferenza che va a sinistra, e anche nei trasferimenti tra partiti di sinistra e individui – un riflesso di questa consapevolezza più profonda della necessità di un vero cambiamento.

Ciò che non può essere nascosto in questo ottimismo, tuttavia, è il fatto che i partiti ora rappresentate nel Dáil Éireann (la camera bassa del parlamento irlandese, ndt), tra cui Sinn Féin e gli altri partiti che si considerano di sinistra, hanno tutte politiche economiche e sociali che rispettano la camicia di forza economica delle norme fiscali dell’UE, garantendo che ci possa essere un cambio di direzione scarso o nullo.

Ciò sarà ulteriormente consolidato con l’adozione delle proposte di bilancio dell’UE per il 2021-2027, una strategia di bilancio determinata dagli interessi degli Stati centrali dominanti e dalla loro classe dirigente. Queste proposte di bilancio sono dannose per le esigenze e gli interessi della classe operaia in Irlanda ed espongono la superficialità della socialdemocrazia e del mantra dell’UE “coesione e solidarietà”, che è stato adottato anche da elementi di destra.

Le forze che hanno beneficiato di questa ondata elettorale non hanno creato questi sviluppi, ma ne sono state invece i beneficiari. I cambiamenti sono il risultato di una resistenza decennale all’interno di una serie di battaglie sociali ed economiche. Questa maggiore consapevolezza è nata dalla resistenza delle persone, dalle lotte politiche e dall’educazione informata su questi temi.

Tuttavia, i risultati elettorali possono fornire un’importante piattaforma su cui costruire rinnovate resistenze e lotte, per rafforzare ulteriormente la comprensione da parte del nostro popolo della natura di classe del sistema capitalista e la loro comprensione degli interessi serviti dalle politiche governative passate, presenti e future.

Solo una mobilitazione di massa e consapevole dei lavoratori può portare a cambiamenti reali e significativi nella loro vita. I progressi che i lavoratori hanno raggiunto durante l’esistenza dello stato irlandese lo dimostrano. I lavoratori dovrebbero essere scettici su quali cambiamenti possano essere apportati all’interno dei quadri istituzionali esistenti, a nord e a sud.

Il Partito Comunista d’Irlanda afferma che i lavoratori devono continuare ad avanzare e non consentire alle forze politiche schierate contro di loro di consolidarsi e raggrupparsi. Mentre riconosciamo che i partiti politici della classe dominante rimangono un forte blocco all’interno del Dáil, tuttavia stanno diminuendo di influenza, poiché la loro strategia di far pagare il popolo sta portando a ulteriore resistenza e rifiuto.

Il recente rapporto TASC (Think-tank for Action on Social Changendr) ha messo in luce la portata di questi continui attacchi ai lavoratori, con la bassa crescita della retribuzione in tutta l’economia delle ventisei contee. Uno su quattro lavoratori fa fatica a vivere per via dei bassi salari. Lo stato irlandese è terzo per livello di basse retribuzioni nell’UE, pari al 23%. Almeno il 23% di tutti i dipendenti delle industrie all’ingrosso e al dettaglio e quasi il 40% di tutti i dipendenti nei settori del turismo e della ristorazione sono lavoratori a basso reddito, con un numero costantemente elevato di famiglie disoccupate. Un numero crescente di lavoratori è impiegato in lavori precari, senza sicurezza di impiego, nemmeno di un lavoro settimanale.

L’Housing Executive dell’Irlanda del Nord è quasi in bancarotta. Il 92 percento degli inquilini NIHE (Northern Ireland Housing Executivendr) ha crediti universali ed è in arretrato. L’impatto della capitalizzazione delle indennità, ad esempio, nell’area di Derry City e del distretto di Strabane, comporterà 1.500 famiglie con bambini che soffrono di tagli al reddito fino a £ 47 a settimana. Questo sarà replicato nelle sei contee settentrionali, il che si tradurrà in povertà e disuguaglianza sempre crescenti, rendendola ancora più una dipendenza dell’imperialismo britannico.

Ciò che sta diventando sempre più chiaro è che le istituzioni create dalla spartizione del nostro paese sono tra i principali ostacoli che bloccano il potenziale per un cambiamento radicale e incentrato sulle persone, così disperatamente richiesto in tutto il nostro paese. L’entità politica delle sei contee è semplicemente impraticabile, economicamente o politicamente. L’unica soluzione duratura a questa dominazione e dipendenza è una soluzione democratica nazionale, quella della riunificazione nazionale.

La crescente disuguaglianza in tutta l’Irlanda sarà ulteriormente aggravata, con chiari segni di una nuova e più profonda fase della crisi strutturale del sistema capitalista che si sta ora sviluppando all’interno dell’economia globale. Questo non è qualcosa che si presenta come uno shock improvviso: i segni di una recessione globale significativa sono stati nell’aria per almeno un anno. Le previsioni di crescita nel sistema globale del capitalismo monopolistico imperialista sono state riviste al ribasso a meno del 2,9 per cento, il più basso dal 2009.

Vi sono crescenti segni di recessione nelle economie capitalistiche centrali, tra cui Germania e Stati Uniti. Stiamo assistendo a un continuo deterioramento delle condizioni commerciali e manifatturiere globali. La fiducia del capitale nel centro ha avuto una tendenza al ribasso nell’ultimo anno, mentre i lavoratori stanno vivendo una crescita di disuguaglianza sociale estrema, livelli crescenti di indebitamento (superiori ai livelli precedenti alla crisi 2008) e una tendenza crescente verso la povertà lavorativa e lavoro precario – nella misura in cui circa il 44 per cento degli impiegati in Irlanda rientra ora in questa categoria.

L’attuale pandemia presenterà un’opportunità da parte delle forze ideologiche al potere di presentare l’aggravarsi della crisi economica solo come conseguenza della diffusione di Covid-19. Lo useranno per confondere e ingannare i lavoratori sulla vera natura di questa crescente crisi economica, che ha le sue radici nella logica stessa del modo di produzione capitalista. I segni del malessere economico hanno preceduto a lungo il più recente crollo dei mercati azionari globali.

I rendimenti obbligazionari pubblici bassi e persino negativi, la crescita anemica, i segnali di avvertimento sul debito societario insostenibile e la crescita bloccata degli investimenti di capitale sono stati tutti segnali che indicano una recessione imminente nell’ultimo anno. Come tutte le crisi passate, le forze al potere tenteranno di utilizzare questa crisi per impegnarsi in nuovi attacchi ai lavoratori, a livello globale e qui in casa.

I lavoratori devono essere attenti al fatto e apprendere dall’esperienza vissuta in passato che la crisi rappresenta un’opportunità da parte della classe dirigente per attaccare i lavoratori e far avanzare gli interessi del capitale. Il Partito Comunista d’Irlanda ribadisce che non esiste una nuova fase del capitalismo (neoliberalismo): piuttosto ciò che è stato e sta avvenendo è un aggravarsi della crisi strutturale del sistema stesso. Le soluzioni che la classe dominante impone nella vana speranza di superare le sue intrinseche contraddizioni strutturali pongono semplicemente le basi per la prossima crisi, spingendo il sistema verso forme sempre più distruttive.

La classe dirigente è spinta ad intensificare lo sfruttamento sia del lavoro (dei lavoratori) sia del mondo naturale, per intensificare la violenza, le guerre, l’oppressione e la distruzione ambientale. Desiderano rovinare la terra e spezzare la crescente resistenza dei lavoratori di tutto il mondo; tuttavia vediamo, dal Cile alla Francia e all’India, che c’è un crescente risveglio tra i lavoratori sulla natura della loro oppressione e sulla natura reale e sul ruolo delle politiche di austerità.

L’obiettivo dell’austerità era ed è quello di arricchire coloro il cui reddito dipende in gran parte dal possesso della proprietà privata, come i direttori generali e i proprietari di società, a spese e sfruttamento della maggioranza, che svolgono il lavoro effettivo o sono costretti o lottano per trovare un lavoro.

La crisi economica in evoluzione non può che aggravare ulteriormente le profonde disuguaglianze vissute dalla classe lavoratrice e rafforzare la dipendenza e il dominio dell’imperialismo.

Se vogliamo porre fine a questa dipendenza, alla disuguaglianza, all’emergenza dei senzatetto, alla povertà, al lavoro precario, all’alloggio precario e ai servizi sanitari inadeguati, dobbiamo cercare un allontanamento radicale da questo sistema di sfruttamento e oppressione.

Le forze e i movimenti progressisti devono unirsi per formare un movimento ampio, caraterrizzato dalla coscienza di classe e antimperialista se c’è qualche speranza di realizzare questo cambiamento. I partiti politici da soli non lo faranno. I sindacati da soli non possono farlo. I movimenti sociali e culturali da soli non possono sostenerlo. Solo con l’azione unita avremo qualche speranza di cambiare le condizioni materiali del nostro popolo.

Fondamentalmente, ciò che è necessario è una strategia economica democratica per tutta la popolazione irlandese.
• Una strategia economica per tutta l’Irlanda in cui gli investimenti sono democraticamente responsabili e prioritari per il popolo.
• Una banca d’investimento statale di tutta l’Irlanda per controllare e indirizzare gli investimenti di capitale nella creazione di posti di lavoro ecosostenibili, con alloggi pubblici universali, servizi sanitari e infrastrutture.
• Una carta dei diritti dei lavoratori e l’abrogazione di tutte le leggi anti-lavoratori, a nord e a sud.
• Una strategia economica e sociale per sfidare e rompere il malessere e la stretta soffocante dell’euro e dell’UE.

Ciò che la pandemia di Covid-19 ha chiaramente dimostrato è che una crisi sotto un sistema socialista può essere contenuta, controllata ed evitata quando il popolo di un paese ha la capacità di impiegare tutte le risorse a propria disposizione, a beneficio di tutte le persone. Ha anche dimostrato quanto possa essere barbaro un sistema basato sulla proprietà privata e sulla necessità di cercare profitti.