Maggio 25, 2020

AFV

Libera la tua mente

LEGGERE L’AMORE AI TEMPI DEL COLERA IN TEMPI DI CORONAVIRUS.

Sharing is caring!


Francesco Cecchini

Gabriel García Márquez Premio, Nobel per la letteratura, nel 1985 ha pubblicato il romanzo L’amore ai tempi del colera, ambientato tra la fine dell’800 e l’inizio del 900, in Colombia.
L’ amore è quello del giovane Florentino Ariza, telegrafista povero, malinconico e appassionato di poesia. Un grande amore il suo nato durante l’adolescenza per Fermina Daza, la ragazza più bella e desiderata dei Caraibi, un amore che aspetta più di cinquantanni per realizzarsi. Il padre di Fermina, Lorenzo, un commerciante arrivista, vuole per la figlia un marito ricco. Fermina viene data in sposa al dottor Juvenal Urbino dopo che questi l’ ha visitata perché sospettata di aver contratto il colera. Il romanzo è però sia d’amore e che di colera; è lo stesso Florentino Ariza,a dire che lamore ha gli stessi sintomi del colera. Quasi l’ amore si diffondesse come una malattia contagiosa, portando chi ne è colpito a stati danimo febbrili e a compiere azioni che da sani non farebbero e di natura folle. Come il colera, l amore sconvolge a tal punto la vita da modificarne per sempre il corso, gli obiettivi, i pensieri. Significativo che alla fine del romanzo Florentino Ariza e Fermina Daza, anziani, dopo esserssi ritrovati si isolano dal resto del mondo su un battello che ha issato la bandiera gialla del colera.
Lamore raccontato è infatti vissuto ai tempi del colera ed ambientato in Cartagena de Indias, una cittadina della Colombia sui Caraibi , in una zona in cui la malattia è endemica da decenni e si presenta lungo tutto il romanzo. I cadaveri dei malati sono visibili in ogni dove, tra i campi, nelle vie della città, anche nei fiumi. Il colera che appare nel titolo del romanzo ha un ruolo importante. È una minaccia periodica, una causa di esodo, la famiglia di Fermina si trasferisce in città in fuga da un’epidemia di colera, una causa di morte il padre del Dr. Urbino muore di colera e una paura costante.
Nel 2007 il romanzo è stato adattato per il grande schermo dal regista Mike Newell. Come protagonisti ha Giovanna Mezzogiorno e Javier Bardem nei ruoli di Fermina e Florentino.
Il link con il film con i sottotitoli in spagnolo è il seguennte:
https://www.youtube.com/watch?v=Dt0IsWNCSew
Alla colonna sonora del film ha collaborato la cantautrice colombiana Shakira, autrice di alcuni pezzi ed interprete di tutte le musiche.
Il link con un suo brano è il seguente:



Il senso del romanzo è in questa frase:
E’ la vita, più che la morte, a non avere limiti.
Senso che vale anche in tempi di coronavirus.

Florentino Ariza e Fermina Daza