l’Iran è il paese più colpito da COVID-19 in Medio Oriente, con quasi 50.000 positivi e oltre 3.000 decessi. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu per dimostrare che la Repubblica islamica nascondeva il bilancio delle vittime, ha usato come prova le scene di una serie televisiva del 2007.

Durante un briefing sulla risposta alla pandemia, Benjamin Netanyahu ha condiviso con i membri del suo gabinetto un video che mostra dozzine di sacchi che rotolano in una fossa comune contenente centinaia di corpi. Lo ha fatto per provare le sue affermazioni secondo cui l’Iran non stava dicendo la verità sulle reali conseguenze del coronavirus.

Numerosi media israeliani hanno immediatamente fatto eco alle accuse, rivelando che il filmato corrisponde effettivamente alla miniserie Pandemic che tratta un virus sconosciuto che infetta la città di Los Angeles (USA) e che è stato trasmesso sul canale Hallmark nel 2007.

Raz Zimmit, ricercatore presso l’Institute for National Security Studies di Tel Aviv, ha  condiviso con Ynet che il video è stato mostrato al primo ministro dal capo del Consiglio di sicurezza nazionale. Sembra che sia stato condiviso sui social media dagli utenti con soprannomi in arabo nei giorni precedenti il ??briefing.

L’ufficio di Netanyahu in seguito ha riportato l’errore, non ha negato la storia e ha affermato che la clip è stata trovata sui social media e la sua autenticità non è chiara.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-netanyahu_ha_mostrato_scene_di_una_serie_tv_come_prova_che_liran_nasconde_le_vittime_del_coronavirus/82_34017/

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy