Settembre 19, 2020

AFV

Libera la tua mente

Ucraina. Come l’“Azov” ha copiato il Terzo Reich in miniatura

Sharing is caring!

Citare parola per parola dei discorsi dei capi della Germania Nazista o il copiare i suoi manifesti per fare campagna visiva sono nella norma per il reggimento di ultra-destra.

Un paio di anni fa l’“Azov” ha iniziato a staccarsi dall’immagine che si era creato con successo nel 2014. Ad esempio, il 20 novembre 2018 il Tenente Svatoslav Palamar, Capo del Centro di Reclutamento dell’“Azov”, ha dichiarato [in ucraino] in un’intervista al sito web della città di Mariupol: “Non posso dire che all’inizio non c’erano ultra-radicali. C’erano, ma erano solo pochi, col tempo se ne sono andati e qualcuno lo abbiamo cacciato noi”.

Questa tesi solleva domande. Guardiamo, ad esempio, alla propaganda visiva che l’“Azov” ha lanciato per mobilitare eroi, chiamata “Io combatto contro di te!” il 14 ottobre 2014 (all’epoca non esisteva nemmeno il suo Corpo Civile, per non parlare del partito “Corpo Nazionale”, e usavano il vecchio marchio e il sito web dell’Assemblea Social-Nazionale). Esempi di questa propaganda sono stati pubblicati sulla pagina ufficiale della principale marcia di Kiev su VKontakte.

Il fatto che i banner per i social network utilizzassero le immagini della divisione “Galizien” delle Waffen-SS (già presentata come 1a Divisione dell’Esercito Nazionale Ucraino, istituito nel marzo 1945 come parte della Wehrmacht) e dell’“Esercito di Liberazione ucraino” (unità operante nel 1943-1945 come parte della Wehrmacht) non è la cosa più interessante.

Dopotutto, la gamma di immagini storiche utilizzate sugli stendardi della marcia degli eroi “Io combatto contro di te!” era piuttosto vasto – l’esercito della Rus’ di Kiev, i Cosacchi della Zaporozhye, gli Haidamaka di Ivan Gonta e Zhelezniak, i “Fucilieri ucraini del Sich” (che combatterono nella Prima Guerra Mondiale come parte dell’esercito dell’Impero Austro-Ungarico), l’esercito della Repubblica Popolare Ucraina, i ribelli di Kholodnyi Jar, l’Esercito Insurrezionale ucraino e – infine – la “Centuria Celeste” e il reggimento “Azov”.

Sullo stendardo della marcia degli eroi chiamata “Io combatto contro di te!” a Kremenchuk, accanto a Symon Petljura, erano presenti Stepan BanderaRoman Shukhevych e il Colonnello Generale Pavel Shandruk (comandante di divisione dell’Esercito Popolare ucraino), il Gran Principe Svjatoslav I di Kiev e l’Atamano dell’Armata della Zaporozhye Bogdan Khmelnitsky.

Mi ha colpito di più l’immagine centrale scelta per la propaganda alla marcia e presente sugli stendardi portati dai suoi partecipanti – un guerriero con un elmetto e uno scudo.

Esiste un’altra versione di questo disegno, pubblicata l’11 maggio 2015 sull’account ufficiale Twitter dell’“Azov”.

Non è difficile capire quale sia stata la fonte di ispirazione (o più precisamente il furto negligente della proprietà intellettuale di altre persone) per i disegnatori dell’“Azov”.

Poster del battaglione ucraino Azov, fedele successore dei Nazisti tedeschi.

Questo è un disegno per la “Reichsluftschutzbund” del famoso illustratore Ludwig Hohlwein, pubblicato per la prima volta nel 1935 su poster e francobolli propagandistici. Questi manifesti continuarono ad essere stampati in gran numero fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale.

I membri dell’“Azov” hanno cambiato un po’ la forma dello scudo, ci hanno messo sopra un’immagine ed è pronto!

Vale la pena notare che nel 1941 un’immagine molto simile fu usata su un poster per il reclutamento nella Legione di Volontari francesi contro il Bolscevismo, che all’epoca servì sul fronte orientale. Ma qui è molto probabile che sia stato preso in prestito dal Terzo Reich.

È ingenuo credere che la creazione della propaganda visiva per la marcia principale dell’“Azov” nel 2014, così come la compilazione della sua pagina Twitter ufficiale nel 2015, sia stata effettuata da “alcuni radicali marginali” che erano anche “già stati espulsi”.

Andiamo oltre. La mia attenzione è stata catturata dal discorso che Andrij Biletsky ha tenuto il 25 aprile 2015 di fronte alle reclute dell’“Azov” che stavano andando in prima linea. Sì, in quel momento Biletsky non era il comandante del reggimento già da sei mesi, ma in generale fu lui che agì come leader della marcia dell’“Azov” a Mariupol anno dopo anno.

Dovete ricordare che questa guerra non è iniziata nel 2014. È una guerra fra due civiltà, una guerra dell’Eurasia contro l’Ucraina, che è qui in difesa dell’Europa”, disse Biletsky. “È una guerra iniziata più di 1000 anni fa. Il nome del nostro nemico è cambiato… Prima erano i Cazari, i Peceneghi, i Kipchaki, i Moscoviti, adesso – è la Federazione Russa… Ricordate che voi siete eredi, discendenti di dozzine, centinaia di generazioni di eroi che risalgono al profondo della nostra storia… E tutti hanno fatto da guardia alla nostra civiltà europea contro la selvaggia Eurasia”.

Un discorso simile fu fatto il 13 luglio 1941 da Heinrich Himmler agli uomini delle SS del Gruppo d’Armate Nord che stavano andando sul fronte orientale: “Questa è una guerra di ideologie e una lotta di razze… Quando voi, amici miei, combatterete ad est, continuerete la stessa lotta contro la pseudo-umanità, contro le stesse razze inferiori che un tempo agivano sotto il nome di Unni, più tardi – 1000 anni fa ai tempi dei re Enrico I e Ottone I di Sassonia – sotto il nome di ungari, e più tardi sotto il nome di tartari; poi apparvero di nuovo sotto il nome di Genghis Khan e dei Mongoli. Oggi si chiamano russi e sono sotto la bandiera politica del Bolscevismo… Queste persone sono unite dalla religione Ebraica e dall’ideologia chiamata Bolscevismo, con questo compito: far sì che adesso la Russia, [situata per] metà in Asia, in parte in Europa, schiacci la Germania e il mondo intero”.

Nel 2010 ho citato questo discorso nel libro “I miti razziali del Nazismo”, pubblicato dalla casa editrice “Jauza” (all’epoca in cui utilizzavo lo pseudonimo di Vladimir Rodionov per la pubblicazione) e suscitai una buona risonanza tra il pubblico di lettori. Molto probabilmente, hanno letto il libro – o almeno estratti da esso su Internet – anche in Ucraina. E l’hanno usato al momento giusto.

*****

Articolo di Vladislav Malcev pubblicato su Stalker Zone il 18 aprile 2020
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.

[le note in questo formato sono del traduttore]