Gennaio 24, 2021

AFV

Libera la tua mente

Alle porte di una Prima Internazionale Progressista? La proposta del gruppo di Puebla per affrontare il neoliberismo in tempi di pandemia

I leader di sinistra hanno tenuto un vertice virtuale per discutere strategie comuni per mitigare l’impatto economico e sociale negativo che il coronavirus lascerà.

Il Gruppo Puebla, l’organizzazione creata dai leader dell’America Latina e della Spagna, ha invitato a consolidare la Prima Internazionale Progressista per concordare sfide, politiche e strategie in un mondo che dovrà affrontare cambiamenti sostanziali dalla pandemia del coronavirus.

Questa è una delle principali proposte della dichiarazione finale del vertice virtuale che il gruppo Puebla ha realizzato nel fine settimana con la partecipazione del presidente dell’Argentina, Alberto Fernández, e degli ex presidenti del Brasile, Luiz Inacio Lula da Silva e Dilma Rousseff; Bolivia, Evo Morales; Colombia, Ernesto Samper; Spagna, José Luis Rodríguez Zapatero; Paraguay, Fernando Lugo e Uruguay, José Mujica, oltre a decine di leader o personalità Iberoamericane come il Premio Nobel per l’economia Joseph Stiglitz.

“L’unione è cambiamento. Pace, economia e pandemia” è il nome del documento che ha chiuso questo quinto incontro che l’organizzazione ha tenuto da quando è stata fondata lo scorso anno nella città di Puebla, in Messico, e la seconda in la sua modalità virtuale a causa della chiusura di confini e quarantene che governano nella maggior parte dei paesi della regione. In questa occasione, i leader progressisti della Colombia hanno partecipato al dibattito.

Durante il vertice, l’iniziativa che decine di personalità di sinistra, provenienti da più paesi e sfere, è stata lanciata la scorsa settimana per mobilitare forze progressiste, responsabilizzare attivisti e collettivi e sviluppare proposte lontane dalle politiche neoliberiste il cui fallimento, considerano, è stato evidenziato dalla pandemia.



Tra questi ci sono il filosofo americano Noam Chomsky, la scrittrice canadese Naomi Klein, l’economista greco Yanis Varoufakis, l’ex ministro degli Esteri brasiliano Celso Amorim, l’attore messicano Gael García Bernal, l’ex presidente ecuadoriano Rafael Correa e l’attivista indiana Arundhati Roy. La loro lettera di presentazione si può leggere sul portale dell’Internazionale Progressista , attraverso la quale invitavano “a elaborare una visione condivisa su un mondo diverso”.

La nuova proposta è stata celebrata dal gruppo di Puebla, che ha chiesto l’aggiunta e il consolidamento di strategie per contrastare la destra. “Il progressivismo che ci identifica come  Gruppo di Puebla deve essere articolato con il recente sforzo di un gruppo di intellettuali e figure riconosciute a sinistra per stabilire la Prima Internazionale Progressista. Nella misura in cui uniamo gli sforzi, un’articolazione di forze progressiste a diverse latitudini. Ci rafforzerà e ci darà una prospettiva più ampia sulle nostre sfide future, a partire dalle enormi asimmetrie che caratterizzano le nostre società”, si legge nella dichiarazione.

In questo modo, i leader riformulano l’Internazionale socialista, il movimento delle organizzazioni socialiste, dei lavoratori nate in Europa nella seconda metà del XIX secolo e che, da allora, ha affrontato varie fasi di partecipazione, influenza, riorganizzazione e raggruppamento.


“Riconosciamo che l’unità è la strada. Il progressismo colombiano e latinoamericano non può permettersi di affrontarlo. Ciò favorisce solo la destra. I nostri popoli meritano i massimi sforzi unitari. Per costruire un mondo più giusto, la prima cosa che dobbiamo fare è unire le forze del progressismo”, hanno ammonito.
Per avere una maggiore presenza nel dibattito internazionale, il Gruppo di Puebla ha anche invitato le Nazioni Unite (ONU) a tenere una riunione straordinaria dell’Assemblea Generale per discutere della gestione della pandemia, sempre basata sulle premesse di equità sociale e protezione dei più vulnerabili.

Cambiamenti di fronte all’incertezza

Il documento finale del vertice riconosce che lo scenario che incombe sulla regione è pessimista, poiché la Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi (Eclac) stima che la caduta economica per quest’anno sarà del 5,3%, mentre la disoccupazione salirà del 4,5% e la povertà aumenterà del 4,5%, il che lascerà 270 milioni di persone in povertà e circa 80 milioni nella miseria.

Di fronte a questo panorama scoraggiante, il Gruppo propone l’implementazione di strumenti di politica sociale ed economica da cui la regione ha preso le distanze negli ultimi anni a causa del primato dei modelli neoliberali, che ha delegato la distribuzione dei beni di base sul mercato e ridotto al minimo il protagonista dello Stato che, ora, è stato rivalutato di fronte alla crisi sanitaria.

“Ricordiamo che il Covid-19 ha messo in evidenza la necessità di strutturare vere politiche pubbliche per il riconoscimento del diritto al minimo vitale attraverso programmi che hanno avuto successo nel recente passato di governi progressisti e nuovi come la garanzia di un reddito di base inizialmente straordinario , per garantire con dignità le condizioni di confinamento che sono state decretate in quasi tutti i paesi dell’America Latina “, sottolinea il documento quando si riprende una proposta che ha preso piede negli ultimi mesi in tutto il mondo.

Per quanto riguarda il debito estero e con l’Argentina a rischio di default, questa settimana il gruppo Puebla ha proposto la ristrutturazione dei paesi debitori e, per quanto possibile, moratorie che consentono agli Stati di canalizzare gli sforzi per affrontare emergenza e ridefinire le priorità sociali che sono state trascurate.

In conformità con le premesse progressiste, l’organizzazione ha ribadito la necessità di comprendere la salute come un bene pubblico globale, perché altrimenti, come è stato fatto finora, sono i gruppi più vulnerabili che finiscono per pagare i costi della crisi. “Non esiste alcun dilemma tra salute ed economia, dal momento che non è possibile pensare a una riattivazione di consumi, risparmi e investimenti con la latente minaccia della pandemia”, conclude il documento.

Di Cecilia Gonzalez

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-alle_porte_di_una_prima_internazionale_progressista_la_proposta_del_gruppo_di_puebla_per_affrontare_il_neoliberismo_in_tempi_di_pandemia/82_35032/

shares