Gallera e Fontana prima hanno affrontato covid-19 con superficialità, poi hanno gestito la pandemia da incapaci e infine hanno subordinato le scelte ai dettami di Confindustria.

Nei 15mila morti lombardi da coronavirus c’è tutto questo, e chi attacca Gallera e Fontana non specula alcun che, ma chiede giustizia per la Lombardia.

E chi come Bonaccini cerca di mettere il silenziatore su ciò che è accaduto in Lombardia lo fa solo per rendere di nuovo presentabile il trio di regioni ‘secessioniste’ e riprendere con la richiesta di autonomia quando mai come ora i rapporti fra stato e regioni vanno ridisegnati. A partire dal ruolo della sanità, che non può continuare ad essere diversa a seconda del certificato di residenza.

Stefano Lugli (PRC)

#CommissariateLaLombardia

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy