Agosto 10, 2020

AFV

Libera la tua mente

Nicaragua, il virus del golpismo

Sharing is caring!

 Fabrizio Casari 

Il diffondersi del virus Covid-19 in tutto il pianeta ha obbligato ogni nazione a prendere misure cautelative. Sono state diverse da Paese a Paese, perché diverso è stato l’impatto della pandemia e perché diversa è la realtà socioeconomica di ognuna. Sul piano politico interno, si è registrata generalmente una riduzione della conflittualità politica; c’è stata una risposta in buona sostanza unitaria tra governi ed opposizioni, dato che tutte le forze politiche hanno ritenuto di dover puntare tutte le energie nella difesa nazionale dall’emergenza sanitaria. Ovunque è stato così. Ma non in Nicaragua.

La destra nicaraguense, per tradizione priva di un qualsivoglia spirito patriottico o anche solo di coscienza nazionale, orfana sin dalla nascita del senso di responsabilità, ha pensato di utilizzare la pandemia esclusivamente come strategia di attacco al governo. L’obiettivo finale? Interrompere la relazione di fiducia tra il popolo del Nicaragua e il Frente Sandinista. Perché alla fine, ciò che interessa alla destra nicaraguense non è la difesa della nazione dalla pandemia, ancor meno quella della sua economia e della sua popolazione. L’opposizione vuole solo le dimissioni del governo e il crollo del sistema di uguaglianza, diritti e sviluppo che questo ha costruito.

Ma l’obiettivo è tutt’altro che facile da raggiungere: come ottenere le dimissioni di un governo che, in termini assoluti e anche relativamente in percentuale agli altri, sta gestendo nel modo migliore la pandemia, impedendogli di divenire crisi sanitaria? E come cacciare un governo il cui agire in economia e politica è condiviso dalla maggioranza assoluta della popolazione, e che si riverbererà nelle urne il prossimo anno, come certificano tutti gli osservatori internazionali e i sondaggi di opinione?

Visto da destra, il Covid-19 non è una pandemia ma una opportunità. Di fronte a questa emergenza la ricetta golpista, come già nel 2018, è la stessa: seminare il caos, provocare il terrore affinché si generi panico nella popolazione, che indebolisca il governo e che, per converso, possa darsi un aumento dei consensi verso l’opposizione. I passaggi del suo agire, come allora, sono presi alla lettera dal manuale dell’ex agente CIA, Gene Sharp, sui colpi di stato. Come nel 2018, il filo conduttore che lega concetti ed emotività è sempre lo stesso: l’odio. Assoluto, totale, senza ritegno alcuno: la diffusione ad ogni livello dell’odio espresso in forma ossessiva, si conferma il motore della narrazione. Perché l’opposizione al FSLN, come che possa chiamarsi, come che voglia presentarsi, è somozista e tale resta, piaccia o no ai suoi amici all’estero.

Una campagna di odio e menzogne

Come già nel 2018, i golpisti assegnano alla comunicazione un ruolo decisivo per il raggiungimento dei loro obiettivi utilizzando la manipolazione mediatica senza alcun ritegno. Disconoscimento delle ragioni del governo a sostegno delle scelte compiute; negazione della veridicità delle fonti ufficiali; manipolazione delle notizie; inversione del nesso tra azione e reazione; cifre ed argomentazioni ignorate mentre si propone la distorsione delle seconde e l’abnormità falsa delle prime; affermazione reiterata del falso. Il tutto spacciato sui giornali, le tv e le radio della famiglia Chamorro.

In effetti, come nel 2018, il ragionamento articolato non sarebbe altrettanto efficace nella trasmissione rapida dei concetti; ma a ben vedere non vi sono concetti da spiegare, bensì falsità da diffondere allo scopo di generare shock emotivi. Si agisce con messaggi brevi e falsi; il metodo è la semplificazione della complessità e la banalizzazione della realtà. Si veicolano messaggi visibilmente privi di credibilità e lo si fa con ritmo veloce per impedire la confutazione degli stessi. Si utilizzano fake news sulla Rete basate sulla sovrapposizione del formale con l’informale manipolato, definendo il primo ufficiale e il secondo indipendente, il primo prova di regime e il secondo veritiero. Per quanto riguarda la circolazione “a terra”, si utilizza la tecnica del “passa parola”, subordinando la realtà alla propaganda politica. Il tutto con la falsificazione di dati, immagini, parole e con l’aggiunta di un apparente atteggiamento cospirativo che prova ad insinuare ulteriore veridicità alle menzogne.

L’esempio più eclatante è stato un presunto epidemiologo che prevedeva 238.000 morti al 4 Maggio ( ma al 4 maggio i morti erano 5), e poi i finti medici e i finti infermieri che narrano di un collasso ospedaliero; come già nel 2018 ci sono i finti morti (costretti a smentire dimostrandosi vivi) o i falsi malati; il trasporto delle bare finte senza niente e nessuno dentro; i funerali sempre senza parenti e senza messe a suffragio di presunti malati. Copione già visto. I golpisti operano con la tecnica di comunicazione di massa del gerarca nazista Goebbels, che stabilisce come una menzogna ripetuta mille volte diventi una verità.

La narrazione golpista cita migliaia di morti, ospedali al collasso, popolazione abbandonata a se stessa e governo inetto. Tutto il contrario, esattamente l’opposto. Al momento contagiati, curati e deceduti confermano la gestione eccellente in un paese che non si è fermato, al massimo ha rallentato. La destra non spiega quale sarebbe l’interesse del Nicaragua ad occultare i suoi morti, ammesso che vi riuscirebbe. Al contrario, denunciando una catastrofe umanitaria otterrebbe maggiori aiuti, no? Ancor meno spiegano come mai l’Organizzazione Panamericana della Sanità dice che Managua riporta i dati correttamente e che lo stesso Fondo Monetario Internazionale si complimenta con il Nicaragua per la gestione dell’emergenza sanitaria. Ma le menzogne proseguono, la verità li costringerebbe a dimostrare come le entità socioeconomiche, politiche e clericali golpiste siano completamente assenti dall’opera di contrasto alla pandemia, raccontando così l’assenza di senso di responsabilità nazionale e l’egoismo padronale che li contraddistingue.

La difficoltà a penetrare il tessuto di una società ormai addestrata a far fronte alle fandonie, viene bilanciata sul piano internazionale con l’attivazione delle risorse del mainstream generale: alle catene televisive statunitensi e ai giornali dell’ultradestra continentale si aggiunge l’apparato mediatico della destra internazionale, configurandosi così l’alleanza tra l’internazionale nera, la Casa Bianca in mano ai nazi-evangelici e la destra fascista nicaraguense capitanata da oligarchi e traditori del sandinismo. Una triade nauseabonda che propone uno scenario non nuovo e che ha tra le sue armi anche la rete di relazioni che alcuni dei terroristi del MRS mantengono con settori progressisti europei, negli anni trasformatisi in orfani della sinistra di classe e divenuti coscienza critica del pensiero liberale, sacerdoti del monetarismo, inquisitori implacabili del socialismo.

Le fasi della strategia golpista

Ma, detto il metodo di comunicazione, qual è la strategia golpista? Da un punto di vista operativo il piano per l’affermazione del caos dovrebbe svilupparsi in più fasi. La prima prevede che, a seguito delle pressioni internazionali, il Paese entri in lockdown. In questo modo la paralisi dell’attività produttiva genererebbe una crisi economica. La seconda fase del piano prevede il blocco dei rifornimenti alimentari e della mobilità, che creerebbe un forte malessere della popolazione che verrebbe montato quotidianamente. La terza fase prevede proprio il passaggio da malessere a protesta di strada, possibilmente violenta. A questo proposito, la destra golpista ha già un’idea precisa sul procedere: la riattivazione dei gruppi mercenari e delinquenziali torna all’ordine del giorno. La produzione di fake news a ciclo continuato tenterà ovviamente di etichettare come “repressione” ogni misura preventiva che il governo metterà in campo per evitare che i criminali tornino liberi di terrorizzare. Lo scatenarsi di scontri con vittime e devastazioni farà gridare alla ingovernabilità del Paese nel bel mezzo di una pandemia e, a questo punto, si passerebbe all’intervento degli organismi internazionali che eserciterebbero ulteriori pressioni antigovernative.  

Il combinato disposto di lockdown, caos, violenza, sanzioni e applicazione della Nica Act configurerebbe una morsa sull’economia nazionale che in poco tempo collasserebbe. Managua dovrebbe allora rivolgersi agli organismi finanziari internazionali che però, su richiesta statunitense e come già avvenuto per il Venezuela, negherebbero prestiti e aiuti. A quel punto, con l’economia interna ferma e il blocco dei crediti e prestiti internazionali, il Paese sarebbe in ginocchio e il governo si troverebbe con le spalle al muro. Spunterebbe probabilmente la OEA a proporsi come mediatore presentando la seguente proposta: aiuti in cambio delle dimissioni del governo e sua sostituzione con un organo misto garantito dalla stessa OEA (cioè gli USA), elezioni anticipate e incandidabilità di Daniel Ortega. Questo appena esposto è, a grandi linee, un esempio di ciò che si sogna nella Conferenza episcopale e nella Confindustria locale.

Il sandinismo non dorme

Ma un quadro come quello appena descritto è in realtà impossibile da disegnare sul terreno e l’oligarchia si predisporrebbe a ricevere un ulteriore schiaffo. A differenza del 2018 il sandinismo non verrà colto di sorpresa. Ha già ben chiari obiettivi golpisti e come rispondere. Il sogno del chamorrismo, ovvero il somozismo senza Somoza, è quello di affondare il sandinismo e la sua figura storica di maggior rilievo, il Presidente, Comandante Daniel Ortega. Ma qui il terreno passa dal difficilissimo all’impossibile, perché il sandinismo è coeso intorno al suo Comandante, forte politicamente, attrezzato socialmente ed armato fino ai denti. L’epoca della generosità umana e politica si è chiusa con l’amnistia del 2018 e, di fronte ad un nuovo tentativo di destabilizzazione violenta, i colpevoli pagherebbero un prezzo alto, a cominciare da chi incita dietro poltrone o a bordo di lussuosi yacht.

Proprio per l’odio e il desiderio revanchista espresso dalla destra, il sandinismo è conscio che un golpe aprirebbe la caccia all’uomo e dunque sa come regolarsi. Come con malcelata metafora di dice a Managua, quale oligarca si salverebbe dalla presentazione della fattura per le vittime e i danni procurati? Difficile credano all’esistenza di un santo protettore che garantisca l’immunità ai mandanti. La destra ci prova perché da Washington le pressioni sono incalzanti, ma sa perfettamente il destino che l’aspetta in caso di una forzatura violenta ed è per questo che, conscia della sua scarsa credibilità e consapevole della forza del sandinismo, sa che non ci riuscì due anni fa e non riuscirebbe ora.

Il governo non ha, al momento, alcuna intenzione di forzare l’agenda politica. Il mantenimento della pace è l’obiettivo del FSLN. La chiave del successo sandinista di questi ultimi 13 anni – o, per meglio dire, dal 2007 al 2018 – è stato proprio il vincolo ineludibile stabilitosi tra pace e progresso socio-economico. Nell’impostazione teorico-politica della seconda tappa della Rivoluzione Sandinista, la pace è stata vista non solo come convivenza pacifica ma anche come elemento di coesione nazionale, come obiettivo di metodo e sostanza per la crescita della nazione. Questo sia per il rigetto di un conflitto che ha riempito i cimiteri nicaraguensi, sia per voler girare una volta e per sempre le pagine della storia più dura e ridurre le differenze ideologiche a dialettica politica.

Quello iniziato alla fine del 2006 ed ancora vigente, non è stato solo un mandato elettorale: il governo guidato dal Comandante Ortega non è stato solo  un governo che seguiva il precedente e precedeva il successivo. Bensì si trattava – e si tratta ancora – di una vera e propria Rivoluzione dei paradigmi e delle fondamenta su cui si regge la società. Non si trattava – e non si tratta – di una accelerazione, di una migliore gestione tecnico e amministrativa, di una ottimizzazione del sistema esistente: era ed è una Rivoluzione dall’alto verso il basso e dal basso verso l’alto.

Questo è stato ed è il senso del “popolo Presidente”. Un processo di ribaltamento delle priorità preesistenti, un consegnare nelle mani della popolazione la scommessa di una nuova Nicaragua. Tutto questo aveva – ed ha – bisogno di un processo di cambiamento, ma la modernizzazione di un sistema non può darsi con un conflitto sociale in corso. La pace e la concordia nazionale sono le condizioni per lo sviluppo e, parallelamente, solo lo sviluppo economico genera la pace. Può non essere condizione sufficiente ma certo è necessaria. Così si disegna una società ed un futuro. Per questo il golpismo oligarchico ha come obiettivo la fine della pace e, con essa, dello sviluppo. L’insistenza criminale della destra nel voler generare caos e violenza vuole appunto mettere in discussione la pace e la modernizzazione del Paese.

Riuscire a farlo certificherebbe l’entrata in crisi del progetto di governo del sandinismo, che proprio nella pace, nella convivenza tra le differenze e nella crescita economica collettiva, dispiega la sua missione di questa fase storica, fatta di modernizzazione e giustizia sociale, perequazione ed opportunità per tutti, fine dei privilegi e crescita dei diritti sociali collettivi. Un modello di economia che costruisce ricchezza con i postulati del mercato ma che la distribuisce con l’impostazione socialista egualitaria e solidale.

Una opposizione disperata e priva di credibilità

La strategia golpista nasce tanto per il naturale sovversivismo delle classi dirigenti, come lo definiva Antonio Gramsci, quanto per ovviare la realtà di una opposizione completamente priva di credibilità. Non c’è spazio per la dialettica politica tra maggioranza e opposizione, perché esiste la maggioranza ma non l’opposizione. Essa è un aggregato eterogeneo dei peggiori arnesi dell’oligarchia latifondista che si sono associati con la gerarchia ecclesiale e l’ultradestra rappresentata dai traditori del MRS e le ONG di loro appartenenza. E’ un miscuglio di interessi inconfessabili, una cloaca di rancori privati e frustrazioni, con famiglie e personaggi in lotta l’uno contro l’altro per accaparrarsi le notevoli risorse finanziarie messe a disposizione dagli USA e dalla UE ed approfittare di visibilità mediatica e ruolo politico che mai avrebbero contando solo sulle proprie abilità ed idee.

E’ una opposizione serva dello straniero ma che vuole servi i suoi connazionali e che, non avendo un leader, un programma, una coalizione e nemmeno un coordinamento, vede nell’implosione del Paese la sua unica speranza. Ma il calcolo è comunque sbagliato: ogni nicaraguense che ha compiuto i 30 anni ricorda perfettamente cosa successe quando l’opposizione di oggi governò per 16 lunghissimi e maledetti anni: ha nelle proprie carni impresse la ingiustizie, la fame, le morti per malattie evitabili, la fine dell’istruzione di massa e del sistema assistenziale e previdenziale del Paese, il buio e la mancanza di acqua quale condizione quotidiana, la riduzione del Nicaragua ad un punto moribondo nella cartina centroamericana. Persino Haiti venne superata nella triste classifica della povertà regionale. Quei sedici anni non sono passati invano ed oggi la principale difficoltà per l’opposizione è proprio quella di farli dimenticare.

I critici di professione del sandinismo dovrebbero capire come correre in soccorso ad una opposizione che si regge sul razzismo e l’odio di classe, nel disprezzo della Costituzione e persino della decenza, sia davvero improponibile. I suoi complici internazionali, statunitensi ed europei, non importa quale vesti indossino, se siano di autentica destra o di finta sinistra, sono o diventano utili idioti al servizio delle mire imperiali statunitensi e collaborazionisti del somozismo. Non è possibile non vedere ciò che è lampante se non si partecipa al progetto di riconquista oligarchica. Dando credito all’oligarchia nicaraguense, direttamente o indirettamente, si diventa alleati dei carnefici del Nicaragua. Che guarda con forza ma senza rabbia l’agitarsi scomposto del golpismo e prepara la dura risposta popolare alle ambizioni di riconquista. Libero è il Nicaragua e libero resterà. Se ne facciano tutti una ragione.

https://www.altrenotizie.org/primo-piano/8911-nicaragua-il-virus-del-golpismo.html