Novembre 29, 2020

AFV

Libera la tua mente

Il premier canadese Justin Trudeau si inginocchia per George Floyd

Sharing is caring!

Si definisce femminista, ha fortemente voluto la libertà di scelta sull’aborto per le donne, non permettendo a persone anti-abortiste di correre per il suo partito, ha rimosso, in più occasioni, politici dai comportamenti inappropriati, ha varato uno straordinario piano di accoglienza dei migranti, ha liberalizzato la cannabis e difende a spada tratta la libertà di religione, qualunque essa sia. E’ Justin Trudeau, il primo ministro del Canada, il “vicino” di casa di Trump.

E oggi, a Ottawa è stato protagonista di un gesto dirompente, si è inginocchiato in memoria di George Floyd. E’ il primo premier a farlo: “Lui – scrive Fabrizio del Prete – che in segno di protesta, a un domanda su Trump ha risposto con un silenzio lungo venti secondi. Lui, che mentre Trump ulula agli americani di non inginocchiarsi mai più, ad Ottawa fa questo: va ad una manifestazione di protesta per l’uccisione di George Floyd e si inginocchia. Lui, che dopo essersi inginocchiato, dice che quello che sta succedendo negli Stati Uniti è inaccettabile ma che bisogna stare attenti, perché il razzismo strisciante esiste anche nel suo Canada. E lui se ne occuperà immediatamente. Lui. Che brilla come supernova in una galassia sempre più abitata da insulsi buchi neri d’odio, razzismo e sovranismo”.

Fortebraccio News

Si ringrazia Fabrizio Del Prete.