Ottobre 31, 2020

AFV

Libera la tua mente

Morales accusa gli ambasciatori di Brasile e UE di aver appoggiato il golpe in Bolivia

Sharing is caring!

Evo Morales accusa gli ambasciatori di Brasile e di Unione Europea di aver partecipato al golpe contro di lui


Il presidente dimesso della Bolivia, Evo Morales, ha affermato in un’intervista che il governo del Brasile ha partecipato al colpo di stato contro di lui, che lo ha rimosso dal potere il 10 novembre 2019. Il presidente dimesso si basa sulle informazioni “confermate e riconfermate” dalle riunioni dei diplomatici con la leadership dell’opposizione per nominare il presidente di fatto.

In un’intervista al quotidiano argentino Página 12, Evo Morales – l’ex presidente della Bolivia deposto con un golpe – ha spiegato che, secondo le informazioni “confermate e riconfermate” di cui è in possesso,  il giorno in cui è stato rovesciato si sono incontrati per scegliere Jeanine Áñez come presidente de facto l’esponente della destra Waldo Albarracín, il candidato presidenziale dell’opposizione Carlos Mesa, il leader di destra Fernando Camacho, ex presidente Jorge ‘Tuto’ Quiroga, membri della Chiesa cattolica e gli ambasciatori del Brasile e dell’Unione Europea in Bolivia.

Morales assicura che questo incontro conferma le sue informazioni secondo cui il governo brasiliano ha partecipato all’azione del colpo di stato e che il rappresentante diplomatico nel paese andino è stato uno degli “attori” del golpe contro di lui.

Voli per il Brasile

La dichiarazione di Morales deriva da un elenco pubblicato dal quotidiano argentino che illustra in dettaglio i 25 voli dell’aereo presidenziale boliviano verso il Brasile, dopo che il presidente fu deposto.

A suo avviso, questo ponte aereo sarebbe stato istituito per inviare denaro alle forze armate boliviane e agli agenti di polizia, che hanno partecipato alla repressione dei manifestanti che chiedevano il ripristino dell’ordine costituzionale e il ritorno del neoeletto presidente. “Avevano bisogno di avere denaro disponibile e di armi, come hanno fatto i giorni seguenti.”

Allo stesso modo, il fatto che il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, abbia negato l’esistenza di un colpo di stato in Bolivia è “un’altra prova chiara” per il presidente dimesso, che è oggi in asilo politico in Argentina, dopo essere stato in Messico con lo stesso status.

Secondo l’opinione del leader boliviano, la Destra unita nel gruppo di Lima – emersa all’interno dell’Organizzazione degli Stati americani – e l’Alleanza del Pacifico “obbedisce ai mandati degli Stati Uniti”, che “dove non può avere il il controllo “compie” cospirazione “,”aggressione”,” intervento “e” colpi di stato “. Per questo motivo, conclude Morales, “Bolsonaro e compagnia lavorano per gli Stati Uniti”.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-evo_morales_accusa_gli_ambasciatori_di_brasile_e_di_unione_europea_di_aver_partecipato_al_golpe_contro_di_lui/82_35520/