Luglio 6, 2020

AFV

Libera la tua mente

In che modo le sanzioni statunitensi rafforzano la Russia, l’Iran e l’influenza della Cina sull’orientamento geopolitico della Siria

Sharing is caring!

Ekaterina Blinova

L’osservazione dell’inviato americano James F. Jeffrey secondo cui Washington non sta più cercando la cacciata di Assad dovrebbe essere presa con le molle poiché il cambio di governo in Siria rimane la priorità dell’America, sostiene l’analista per la sicurezza e gli Affari internazionali Mark Sleboda, spiegando come le sanzioni statunitensi hanno accelerato il riavvicinamento tra Siria, Russia, Iran e Cina.

Martedì scorso, il ministro degli Esteri siriano Walid al-Muallem ha sottolineato che il Caesar Syria Civilian Protection Act degli Stati Uniti cerca a dir poco di far morire di fame i cittadini della Repubblica Araba. Oltre a questo, l’ultima serie di sanzioni si rivolge a coloro che sono impegnati in attività di ricostruzione nel paese devastato dalla guerra.

Il Caesar Act è entrato in vigore il 17 giugno imponendo sanzioni a 39 funzionari siriani tra cui il presidente Bashar al-Assad e sua moglie e prevedendo sanzioni contro qualsiasi attore globale che intrattiene rapporti commerciali con Damasco. Tuttavia, il ministro degli Esteri siriano ha espresso la fiducia che Damasco sarebbe riuscito a superare la sfida.

“Le sanzioni statunitensi sono uno strumento di politica di cambiamento del regime”

L’accelerazione della “guerra economica illegale di sanzioni” dell’amministrazione Trump contro la Repubblica araba segna “uno spostamento della metodologia” nella sua politica di lunga data di cambio di governo contro la Siria, afferma Mark Sleboda, un veterano militare americano ed espero di affari internazionali e sicurezza e analista.
Secondo il veterano, gli Stati Uniti si sono concentrati sull’attuazione delle sanzioni da quando una guerra per procura jihadista e una palese invasione militare e l’occupazione del territorio e delle risorse siriane non sono riuscite finora a raggiungere l’obiettivo principale di Washington: il cambio di regime a Damasco.

“Le sanzioni sono sfaccettate e colpiscono separatamente e insieme il presidente siriano, la sua famiglia e alti funzionari, l’élite politica ed economica siriana e la più ampia popolazione siriana”.

Sebbene la Casa Bianca stia sostenendo che le misure “non intendono nuocere al popolo siriano”, si stanno sforzando di far “protestare” il popolo siriano sul peggioramento delle condizioni economiche “aumentando il malcontento tra l’élite siriana impoverendole e isolandole ulteriormente” , secondo Sleboda.

“L’evoluzione della politica americana nei confronti della Siria è meglio descritta come” Cambio di regime o bruciamo il paese. Cambio di regime o occupiamo il paese. Cambio di regime o affamiamo il paese “”, afferma l’analista.

Gli Stati Uniti hanno strumentalizzato la loro  politica di sanzioni contro la Siria per decenni e hanno gradualmente aumentato le restrizioni dall’inizio della guerra civile nel 2011. Parlando al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nell’aprile 2020, il rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite, Vassily Nebenzia, ha sottolineato che un una serie di sanzioni imposte dagli Stati Uniti, dall’UE, dal Canada e dalla Turchia alla Siria nel corso degli anni rappresenta una seria sfida per il paese a causa della pandemia di coronavirus in quanto impediscono alle nazioni di fornire attrezzature mediche alla Repubblica araba.

‘Assad non se ne deve andare’: cosa c’è dietro il discorso di Washington

Il rappresentante speciale per l’impegno in Siria, James F. Jeffrey, osserva che gli Stati Uniti non insistono più sul fatto che Assad “deve andare via” non significa alcun cambiamento di opinione tra i responsabili politici di Washington, suggerisce Sleboda, aggiungendo che l’invito dell’inviato secondo cui le sanzioni statunitensi riguardano il cambiamento il “comportamento del regime” non dovrebbe essere preso sul serio.

“Tra il lungo elenco di sanzioni contro la Siria vi sono non solo sezioni settoriali e secondarie contro l’economia siriana, ma anche sanzioni individuali specifiche riguardanti la persona del presidente siriano, i suoi alti funzionari e persino sua moglie e la sua famiglia. Suggerire quindi che ‘ il cambio di regime “non è l’obiettivo di questa guerra economica illegale, è pura offuscamento e rozzo sofisma”, sottolinea l’analista.

Le dichiarazioni di Washington non sono in realtà nulla di nuovo, osserva, ricordando che “risalgono a Trump che per primo ha preso il potere negli Stati Uniti e un cambiamento di tono a Washington in linea con la sua retorica elettorale contro le politiche di” cambio di regime “all’estero”. Tuttavia, la politica degli Stati Uniti nei confronti della Siria non è cambiata nel corso degli anni, ma solo il modo di Washington di attuarla.

Le sanzioni contro la Siria hanno un impatto negativo sull’intera regione

La politica di sanzioni di Trump ha recentemente ricevuto alcune critiche da parte di Stratfor, una piattaforma di intelligence geopolitica americana, a volte definita “CIA ombra”. L’entità ha suggerito che la politica di sanzioni della Siria alla Casa Bianca manterrà la Repubblica araba “saldamente in Russia e all’angolo dell’Iran”. Secondo Sleboda, l’impatto geopolitico delle sanzioni è persino maggiore di quello che incidono negativamente “sulla più ampia economia e stabilità regionali”.

“È già stato ampiamente notato dai media occidentali e del Golfo che le brutali sanzioni contro la Siria stanno avendo un effetto devastante anche sulle economie e sui popoli del Libano, Iraq, lo pseudo-stato kurdo fantoccio degli Stati Uniti nella Siria orientale, in Giordania e altrove, poiché queste economie regionali sono interconnesse e dipendono l’una dall’altra per gli scambi “, ricorda Sleboda.

Secondo l’analista, le gravi conseguenze della politica di sanzioni degli Stati Uniti “sono certamente destinate a destabilizzare ulteriormente politicamente il maggiore Levante e il Medio Oriente, determinando un conseguente vuoto di potere e un aumento del terrorismo in un circolo vizioso”. Oltre a ciò, alcuni membri del Consiglio di cooperazione del Golfo temono che le sanzioni impediranno loro di riconciliarsi con Damasco e di prendere parte a redditizi progetti di ricostruzione nella Repubblica araba, nonché di ottenere una leva politica contro le autorità siriane, spiega Sleboda.

Pertanto, gli Emirati Arabi Uniti (Emirati Arabi Uniti) si sono trovati nel mirino americano per il loro riavvicinamento con il governo di Assad e l’apertura di un’ambasciata a Damasco. Il 17 giugno James Jeffrey ha individuato gli Emirati Arabi Uniti, minacciandolo con il Ceasar Act: “Chiunque si impegni in attività economiche, sia negli Emirati Arabi Uniti che in altri paesi … potrebbe essere preso di mira da queste sanzioni”, ha minacciato il funzionario americano.

Sembra che la ricostruzione e gli investimenti nella Repubblica araba siriana verranno esclusivamente dalla Russia, dall’Iran, dalla Cina e da altri, sottolinea Sleboda, aggiungendo che “rafforzerà ulteriormente l’influenza di quegli stati sull’orientamento geopolitico della Siria”.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-in_che_modo_le_sanzioni_statunitensi_rafforzano_la_russia_liran_e_linfluenza_della_cina_sullorientamento_geopolitico_della_siria/82_35841/